Vai al contenuto


Foto

NuXia; oriente, donne ed arti marziali nella narrativa e nel cinema


  • Please log in to reply
5 replies to this topic

#1 Shuji

Shuji

    Grande Antico

  • Troll
  • 34980 Messaggi:
  • Da:World

Inviato 19 November 2017 - 02:45 AM

Mi sono accorto leggendo dei testi di riferimento, che ci sono cose come il termine nuxia cui in rete è attribuito più che altro un significato in qualche modo floreale, nonostante non dico si conosca, ma si sia sentito parlare di wuxia specie in passato.
Ho trovato curiosa sta cosa, così ho messo insieme un po' di fonti che possono essere utilizzate per ricostruire un discorso parecchio ampio che qua sintetizzo.
 
NuXia: termine cinese composto da 'nu' femmina, e 'xia' guerriero, tendenzialmente quindi ci si  riferisce a tale parola per indicare parzialmente ed erroneamente un 'wuxia' con delle protagoniste o una forte presenza femminile. Facendo un paragone col Giappone, in un certo qual modo parleremmo delle kunoichi.
 
Alcuni potrebbero intendere la cosa con una valenza femminista occidentale; nulla di più errato in quanto elementi di questo pari riconoscimento tra sessi era presente in Cina già dalla fine del 19' secolo, quindi prima del 1900.
Ci si riferisce al periodo della dinastia Qing, durante il quale la narrativa trattava di avventure di natura epica, di grandi maestri di arti marziali sia di sesso maschile che femminile, che si svolgevano nel regno fantastico dello "Jiang Hu" (nel nostro caso da intendersi come il regno segreto delle arti marziali), dalla cui specificità è nato poi il genere Wuxia ma solo nel secolo successivo, quindi agli inizi del 20' secolo.
 
Per questo motivo parlare di 'sottogenere' del Wuxia parlando del termine 'nuxia' è parzialmente errato.
 
Andando a ritroso nel tempo poi, elementi relativi al gentil sesso si ritrovano nei classici della letteratura dell'Impero Cinese, fino ai ruoli da "dao ma dan", cavallerizze armate di spada, ove dan sta per opera; appunto quindi nell'Opera, "l'Opera di Pechino". Il 'regno segreto 'a sua volta, rappresentava a sua volta una sorta di "società/ordine ombra", che esisteva mischiandosi con il normale ordine quotidiano, ma pur con proprie specificità, regole ed usanze. Uno di questi assiomi basilari di questo mondo segreto, e di conseguenza del wuxia, è che non fosse possibile determinare chi fosse amico o nemico,*chiunque* a prescindere da ruolo sociale o sesso, può quindi essere "un drago" o un "maestro" segreto.
 
Il cinema di Hong Kong ha portato all'esasperazione degli aspetti più spettacolari questo tipo di storie legate sempre più al fantastico. 
 
Ma come in tutto ciò che è mito, ci sono sempre fondi di verità, e ad esempio, continuando il discorso femminile, sono esistite non poche donne tenutarie di segreti di arti marziali, quali Hua Mulan e Mui Guiying, che a loro volta sono diventate soggetto di storie e racconti di varia natura.
 
La cosa in sè curiosa ed interessante, è che le stirpi delle scuole di arti marziali che sarebbero la controparte 'reale' dei clan dei wuxia, hanno seguito alterne vicende non così dissimili nella sostanza da quanto narrato relativamente nel "Jiang Hu".
Ci sono quindi donne che hanno contribuito allo sviluppo delle arti marziali come il Wing Chun (che possiamo considerare come il kung Fu della tradizione), creato e tramandato dalla monaca buddista Ng Mui, e che tra le varie leggende esistenti prende il nome dalla sua prima allieva, Yim Wing Chun.
 
E'abbastanza evidente che il confine tra fantasia e realtà sia parecchio labile, resta però il fatto concreto che non sussistesse alcun veto o pregiudizio per il fatto che una donna insegnasse o imparasse le arti marziali.
 
A riguardo, come ultima curiosità, si fa ad esempio presente che le nonne di Jet Li (Bow Sim Mark) e Summo Hung (Chin Tsi.ang), sono state realmente maestr(e)i di arti marziali.
 
Questa sorta di relativa "fluidità" tra protagonismo di sesso maschile e femminile, è uno dei vari altri elementi caratterizzanti il genere stesso, oltre a diventare una sorta di 'misura' dell'influenza della dualità tipica Taoista (Yin/Yang), la quale a sua volta ha influito pesantemente sulle Wushu, le arti marziali cinesi.
 

Don't Panic!


(」・ω・)」うー!(/・ω・)/にゃー!


我は無できない、我の影技かない者為、我が一撃は無敵なり!
"If I could speak the language of rabbits, they would be amazed and I would be their king" - RAJ


#2 Kobayashi

Kobayashi

    Imminente

  • Utente
  • PuntoPuntoPuntoPuntoPunto
  • 1214 Messaggi:
  • Da:Provincia di Brescia (ancora per poco, forse....)

Inviato 21 November 2017 - 02:49 AM

Intervengo quasi solamente per esprimere il mio profondo apprezzamento per il tuo bel intervento che ho letto con estremo piacere ed interesse.

Purtroppo in materia sono un gran ignorantone e non posso interverenire come vorrei.

Per il momento mi permetto solo una cosa: il  Wing Chun è l'arte marziale di cui è stato maestro Ye Wen Yongchunquan, meglio noto come maestro di Bruce Lee, giusto? Sulla sua figura sono stati creati i vari Ip Man e The grandmaster di Wong-kar wai.

A proposito di quest'ultimo, visto l'importanza della figura di Gong Er, mirabilmente interpretata dalla per me splendida Zhang Ziyi, non lo si potrebbe considerare per certi versi un NuXia? Oddio, a mio avviso il film è sopprattutto un melò con venature da WuXia. Ma come dicevo sono un ignorantone in materia.

Se vuoi aggiungere qualcosa o correggermi (pensa a te come un saggio ed erudito maestro e a me come un discepolo un po' scemo) mi faresti un gran piacere.

 

Aspetto febbrilmente tue auspicate aggiunte e delucidazioni^^


PSN: Esse78
XBLA: Toraneko78
3DS: 0259-0283-3120

#3 Shuji

Shuji

    Grande Antico

  • Troll
  • 34980 Messaggi:
  • Da:World

Inviato 21 November 2017 - 07:20 PM

Ho riportato il Wing Chun appositamente, in quanto parecchio 'seminale'.

(se ci fai caso, e' sempre quello uno dei riferimenti anche nell'ultima parte della saga di Hokuto, alla figura femminile)

 

Certo, l'ho riportato anche in quanto collegato agli altri due film che citi; insomma, ho messo insieme un bel po' di chiavi di ricerca che possono permettere di approfondire molto specialmente del cinema di Hong Kong; suggerirei a riguardo di cercare anche "Jiang Hu", anche perche' ha assunto una valenza 'diversa' e caratteristica negli anni, e lo troverai 'collante' e introduttorio a tutta una serie di film e situazioni che non ti aspetteresti.

 

In teoria lo si potrebbe considerare; il punto che in qualche modo pero' suggerivo soltanto e' che lo stesso termine WuXia sia piu' frutto di una convenzione che di indicazione puntuale, appunto proprio per l'importanza nel genere del sesso femminile.

 

ossia, il riferimento alla 'tigre e al dragone' e' un riferimento preciso all'elemento caratterizzante della compresenza di 'maestro' e 'dragone'; e di converso come si diceva sopra rende bene la fluidita' del protagonismo tra i sessi da un lato, dall'altro il titolo originale che riporta 'crouching tiger - hidden dragon' mette in evidenza il lato 'celato' del 'dragone', come poi e' tale nel genere che chiamiamo WuXia; il tutto, appunto, a prescindere da sesso e classe sociale.

 

 

 

BTW: faccio presente che quanto nel primo post non e' preso da robba su internette ma su libri; di fatti, leggendo or ora, ad esempio si sovrappone solo parzialmente a come l'argomento e' trattato su wikipedia, la cui trattazione e' inoltre 'fuori fuoco'.


Don't Panic!


(」・ω・)」うー!(/・ω・)/にゃー!


我は無できない、我の影技かない者為、我が一撃は無敵なり!
"If I could speak the language of rabbits, they would be amazed and I would be their king" - RAJ


#4 Shuji

Shuji

    Grande Antico

  • Troll
  • 34980 Messaggi:
  • Da:World

Inviato 21 November 2017 - 10:19 PM

Non so se riesco a spiegare il concetto.

Come in un'infinita' di altri casi similari, la 'traduzione' di certi termini deriva dal contesto.

WuXia, puo' avere due significati a seconda del contesto in se', o a seconda se e' utilizzato non per il contesto ma per il 'singolo'.

 

Il problema di fondo e' che questa variazione di significato si smarrisce al di la' della lingua d'origine.

 

In quanto in teoria, tutto cio' che ha un riferimento culturale/narrativo in Cina puo' essere indicato con 'xia', e il significato 'contestuale' di wu-xia sarebbe quello di raggiungere/dominare 'xia' (che nel caso in oggetto possiamo indicare anche con 'spirito' od un'insieme di valori comportamentali) col tramite del corpo (che possiamo indicare con 'wu').

Quindi in pratica si passa dal concetto applicato al singolo a quello applicato al contesto.

 

In pratica e' come se in occidente ci fosse un unico termine per indicare eroe ed eroico (anche se nel caso di wuxia sarebbero in realta' anche due parole a loro volte differenti), con il problema di fondo che WuXia non contiene di per se' quello che per noi e' gia' un giudizio di base (eroe in questo caso) che identifica il genere, in quanto come si diceva prima, chiunque puo' agire (diciamolo in inglese) 'for the greater good', al di la' di chi sia, cosa faccia e di che sesso sia.

 

Tutto cio' unito al fatto che NuXia e' a sua volta l'identificativo del sesso femminile applicato al WuXia non tanto al genere quanto al 'soggetto singolo' WuXia.

Per questo dico che di per se' il termine Wuxia e' foriero praticamente solo di incomprensioni, al di la' della patria d'origine.


Don't Panic!


(」・ω・)」うー!(/・ω・)/にゃー!


我は無できない、我の影技かない者為、我が一撃は無敵なり!
"If I could speak the language of rabbits, they would be amazed and I would be their king" - RAJ


#5 Kobayashi

Kobayashi

    Imminente

  • Utente
  • PuntoPuntoPuntoPuntoPunto
  • 1214 Messaggi:
  • Da:Provincia di Brescia (ancora per poco, forse....)

Inviato 23 November 2017 - 03:18 PM

Ti ringrazio Shuji per questa interessanti "lezioni", anche se in effetti è riduttivo definirle così .

 

Ho anche cercato il significato di Jiang Hu, però mi pare di capire che come dici tu la trattazione del fenomeno su wikipedia sia fuori fuoco.

 

Ecco, ti chiederei: Quali sono i testi più importanti per capire il Wuxia e tutto ciò che ci sta attorno (anche in inglese vanno bene)?

 

Il tuo allievo un po' scemotto

 

Kobayashi


PSN: Esse78
XBLA: Toraneko78
3DS: 0259-0283-3120

#6 Shuji

Shuji

    Grande Antico

  • Troll
  • 34980 Messaggi:
  • Da:World

Inviato 23 November 2017 - 05:14 PM

Jiang Hu da qualche parte ha iniziato ad essere quasi sinonimo di criminalita' organizzata/ Triade, quindi la cosa interessante e' che iniziando dal wuxia come genere vai a finire praticamente anche nel resto degli actioner di Hong Kong.


Don't Panic!


(」・ω・)」うー!(/・ω・)/にゃー!


我は無できない、我の影技かない者為、我が一撃は無敵なり!
"If I could speak the language of rabbits, they would be amazed and I would be their king" - RAJ





0 utenti stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi