Jump to content
Pluschan

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 06/28/2020 in all areas

  1. 6 points
    Per la cronaca, questo è il termine preciso originale del caso: レストア, ovvero "resutoa", ovvero un forestierismo giapponese per prestito diretto (gairaigo) dall'inglese "restore". Sappiamo che in inglese "restore" è un termine che copre del restauro artistico degli affreschi fino al ripristino di un iPhone. Gli autoveicoli nel mezzo, ma seguite il link del giapponese per vedere a cosa più specificatamente si riferisce il forestierismo nipponico derivato. Traduzione interlineare delle prime righe: Quindi in giapponese il forestierismo si concentra su veicoli in primis, a partire proprio dalle automobili, e esclude i restauri artistici ed architettonici. Tant'è che se usiamo l'interwiki di quella precisa pagina giapponese e andiamo sull'inglese, cosa troviamo? Questo, ovvero "conservazione e RESTAURO DI VEICOLI". Interessante, vero? Vediamo, dopo la vox populi minimalista di wikipedia, vediamo allora cosa ci indica la vox populi massimalista di google: qui, per immagini. Interessante, vero? Ok, ora passiamo all'italiano: restauro di autoveicoli, per immagini. Interessante, vero? Suppongo semplicemente che per molte persone sia davvero un pugno nello stomaco scoprire che la loro personale "lingua parlata e pensata" non è l'esatta norma di una lingua nazionale.
  2. 5 points
    Sicuramente gli frega più della loro personale opera che si sono fatti in testa che non l'opera in sé. La trappola di Evangelion è proprio questa. Comunque trovo fantastico che in inglese abbiano Children al singolare, che per loro non è solo diverso dal precedente doppiaggio, ma è proprio grammaticalmente sbagliato nella loro lingua, e nonostante tutto se lo tengono perché è così e basta. Noi invece abbiamo scoperto che restaurare auto, no, non possiamo farlo. Sigh.
  3. 2 points
    1) sì 2) no – in italiano si parla di restauro meramente conservativo o reintegrativo, in tutti gli ambiti. Senza citare "La teoria del restauro" di Cesare Brandi, nel concetto di restauro (in italiano) è inclusa l'idea di riportare alla funzionalità. Nel caso dell'arte pittorica, ad esempio, la leggibilità dell'opera. Questo può richiedere integrazioni che ne modificano la natura originale in molti modi. 3) in ogni caso, per i restauri di cose meccaniche, una volta cessata la produzione di pezzi originali il restauro è sempre reintegrativo e comprensivo di modifiche più o meno funzionali. Senza citare il paradosso della Nave di Teseo, se vuoi circolare con un veicolo pre-benzina senza Pb, dovrai restaurarlo aggiornando il motore alle benzine disponibili, per dire. In ogni caso, forse non ti funzionava il link, te lo riposto. Spero si leggano anche da te i titoli sotto le immagini, forse dipende dai browser... :-/ --- No, lei parla del restauro, di cui deve ancora finire le rate da pagare, a cui SI AGGIUNGONO (dice proprio "plus") le "spese di riparazione". È proprio molto chiaro e lineare, non serve fre inutili speculazioni sulle intenzioni dell'autore che ha scritto la battuta. Che poi sono in ogni caso indebite: ci sono due parole diverse. Sono due parole diverse, che hanno un significato diverso. Fine.
  4. 2 points
    Nella stessa battuta, stessa riga, Misato parla ANCHE di riparazioni. Con un altro termine giapponese: 修理 (shuuri). No, dicendo di レストア, in giapponese, lei parla proprio di quello che in italiano è il restauro della sua auto d'epoca. Poi dirà delle riparazioni che saranno ora necessarie, essendosi danneggiata. ミサト:(MONO) しっかしもうサイテー。せっかくレストアしたばっかだったのに早くもベッコベコ。ローンが後33回プラス修理費かぁ。おまけに一張羅の服まで台無し~。せっかく気合入れてきたのに~。トホホ~。) È proprio così, tutto qui. Se poi chiunque altro non lo vuole accettare beh, pace&bene comunque. [ Invero, dato il modo verbale usato da Misato, restoa-shita, a rigore non è neppure "fatto restaurare", ma proprio "restaurata" – certo, potrebbe essere un'espressione implicita, ma è legittimo chiedersi ne il restauro non l'abbia persino fatto di sua propria mano. Del resto è un'appassionata di auto d'epoca, e in una o più illust la si vedeva in vesti di simi-meccanico. :-) ]
  5. 1 point
    Forse è il caldo che mi dà alla testa ma Roger mi è parso di capire che une delle tue argomentazioni è che non hai mai sentito la frase "restaurare l'auto"?
  6. 1 point
    Ovviamente tu capisci che noi stiamo parlando di una traduzione da giapponese a italiano, e che quindi l'inglese, pur fonte del forestierismo giapponese, non conta realmente nulla – ed era stato citato solo ad abundantiam.
  7. 1 point
    forse non è chiaro cosa non funziona in questi casi. ohibò abbiamo la lingua personale e quella nazionale! tocca scrivere due capitoli. il gioco linguistico originale è tra una terminologia giapponese ed una specifica inglese, alla quale la prima si rifa. l'italiano in questo caso entra in difficoltà poichè non esiste un corrispettivo tecnico 1:1 di quell'espressione; per questo in italiano comunemente si usa 'riparare' anche in luogo di 'restaurare' e 'restaurare' è un termine più che altro in uso quando ci si riferisce a mezzi d'epoca da esposizone ed esibizione su strada durante eventi (quindi limitati, non per l'utilizzo quotidiano). non che 'restaurare un'auto' sia quindi propriamente sbagliato ma c'è un motivo se appare inappropriato in italiano. poi ci sarebbe pure il carrozziere, che difficilmente svolgerà il lavoro di un meccanico, ma vabè: il punto è provare a spiegarti perchè qualcosa di cui si capisce il senso risulta comunque fuori posto. fine del capitolo 'lingua personale' belli i link e tutto, tanto che Conservation and restoration of vehicles in italiano non esiste (la pagina è disponibile in sole 3 lingue.... ma di cosa stiamo parlando?!). chissà come mai SE esiste un corrispettivo in italiano e SE è prova di qualcosa casomai si troverà sotto altra dicitura. in tal caso qual è? SE esiste è quello che si sarebbe dovuto utilizzare in eva. facendo lo sconto alla cassa, ovvero che il restauro di un'auto esiste MA si veda cosa si intende culturalmente in italia con questa espressione, trattandosi di un'opera non italiana c'erano solo due possibilità: o si lasciava l'espressione in inglese/suo effettivo corrispettivo in italiano (che non appare nei link da te citati) oppure si doveva piegare l'espressione affinchè fosse adeguata alla lingua di destinazione (l'italiano) dato che non c'è un corrispettivo tecnico bla bla vedi riga sopra capitolo lingua personale. a parte tutto, ti lascio questo link che si rifa alla lingua nazionale e non a quella personale e nel quale si parla anche di autoveicoli: http://www.treccani.it/vocabolario/manutenzione/ con il termine "ombrello" si chiude il capitolo della 'lingua nazionale' quanto fatto, sia che si tratti di lingua personale che di lingua nazionale, perciò appare come un neologismo in italiano. che verrebbe giustificato con la ricerca per immagini di google. non sapevo che la ricerca per immagini su google rispecchiasse la lingua nazionale. cmq se si confrontano le due sopracitate ricerche per immagine non è difficile comprendere perchè le immagini di auto sono completamente differenti. sai mai che restaurare un'auto in italia si riferisca ad un concetto oggettivo di epoca e... ah no è la lingua personale... mah! ora lo so che riprenderà il solito discorso che siamo italiani, che l'opera è giapponese e che come tale è stata fedelmente trattata, e che quindi siamo noi italiani che dobbiamo capire qualcosa che non è italiano e chi non lo fa sbaglia a porre qualsivoglia dubbio. le regole di alcune discussioni comprendono il far tornare sempre il pedone alla casella di partenza.
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.