Jump to content

Shito

Pchan User
  • Posts

    13,492
  • Joined

  • Days Won

    221

Shito last won the day on November 26

Shito had the most liked content!

About Shito

  • Birthday 12/27/1976

Informazioni Profilo

  • Sesso
    Maschio
  • Location
     ...in 1996.

Contact Methods

Recent Profile Visitors

48,167 profile views

Shito's Achievements

CB! GK! BANNA! TELO! !!111!!

CB! GK! BANNA! TELO! !!111!! (64/65)

1.1k

Reputation

  1. Chissà cosa ne penserebbe Ootsuka Yasuo. Sono sincero. Sarà buffo vedere (se si vedranno) le versioni adolescenti di Mine Fujiko (già fidanzatina smaliziata?) e Ishikawa Goemon, che però non dovrebbe incontrare gli altri. E lo Zenigata "giovane uomo", ovviamente.
  2. Sembra un po' un incrocio tra Deedlit e Nagato Yuuki,
  3. Credevo che i "sequel" di film con contenuto SF di successo (soprattutto se inatteso anche solo per proporzioni) servissero appunto solo a quello (generare gadget).
  4. Non era RoboCop2 ad aver avuto una prima sceneggiatura di Miller, poi accantonata perché ritenuta "intrattabile"?
  5. Certo. Questa è la dinamica tipica. In realtà, tensai e doryouku si invertono sempre, come La maschera di vetro vuole. :-) Il vero talento innato è Kitajima Maya, non Himekawa Ayumi. Così come il coach scorge il maggiore talento naturale nell'impacciata Noriko, più ancora che nella già geniale Kazumi, no? Sempre così. L'ammore di Shaina, appunto l'Ofiuco... :-) A snake can bite and kill you. Or heal you. (sì, lo so che ofiuco è serpentario e non serpente, btw) The real tsundere. With an attitude and looks, that is. Best snake girl since Hakujaden (and she was something to begin with... M. knows).
  6. Ho visto "Le abiuratrici", un corto di SF italiano che non esito a definire "di fantascienza psicologica e sociale". Per un vecchio estimatore di The Twilight Zone come me, ovviamente il format era ideale. Più che raccontarlo, sono solo quindici minuti, vi scrivo a cosa mi ha fatto ripensare, nell'ordine. Brave New World Un paio di episodi almeno di The Twilight Zone, seconda serie Frequancies (a.k.a. The Manual) Elsa De Sica Kaguya-Hime no Monogatari WALL•E Una singola scena di Kaze no Tani no Nausicaä A certe derive del transumanesimo pure realmente propugnate da taluni Oh, e The Bladerunner (il libro alla base del titolo del film) Come vedete i pensieri sono in cerchio. C'è poi un filo di ragionamento, da me elaborato e discusso con amici e corrispondenti con cui parlo di letturatura e filosofia, che si potrebbe riassumere in: "L'eleganza è frigida" (frase non mia). Il che mi ha sempre fatto pensare a Akutagawa e al suo dialogo con sé stesso, dove l'alter-ego li rinfaccia con disprezzo che lui non potrà mai capire l'eleganza di una tazza di Koseto, poiché riesce a trovare attraente un corpo femminile (sic, più o meno). Il che mi rimanda, e queste sono parole "mie", al Mondo come voglia e rappresentazione, alla sua lettura in ottica freudiana, e all'idea che l'Io maschile sia intelletto e frigidità, mentre quello femminile sia vita e sensualità. Grazie a Dio, o dio. (All'ultimo vagone del treno di pensieri ho ovviamente pensato anche al mio conoscente prof. Morioka Masahiro e alle sue Confessioni di un uomo frigido). In ogni caso, il corto mi è piaciuto molto, l'ho trovato molto bello, e significativo. Ne consiglio caldamente la visione a tutti coloro che si ritengono intellettivamente sensibili (ossimoro, forse, o solo un bel sogno).
  7. Ti spiego com'è in giapponese, e come capire com'è in qualsiasi altra edizione. Nella versione originale del 1995-1996 (TV), e poi 1996-1998 (LD+VHS) e quindi credo 2000 o giù di lì (DVD fino al Second Impact Box), la serie aveva un audio 2.0 secco. Quando si fece l'edizione RENEWAL, oltre al remastering del video, venne rigenerato tutto l'audio. Come? A - colonna sonora [musica/effetti] A1 - alcuni edit musicali, per esempio tutta la scena della prima partenza dell'UnitàPrima a fine ep1 ha musiche rimontate A2 - aggiunta di moltissimi effetti sonori, per esempio quando misato giocherella con la penna all'inizio dell'ep.6 se ne sente il ticchettio A3 - musiche ed effetti in 5.1 B - doppiaggio B1 - risincronizzazione di TUTTE le battute, molto più precise. B2 - alcuni edit di doppiaggio, per esempio tutta la scena della prima partenza dell'UnitàPrima a fine ep1 è stato aggiunto un "ryoukai" di Maya, invero copiaincollato da un altra scena. B3 - aggiunta o aggiornamento di molte effettistica sulle voci - per esempio ora Gendou parla a Shinji "in effetto radio" nella gabbia dell'UnitàPrima nell'ep1 - anche gli effetti "di ambiente" sono stati migliorati B4 - cambio di voci di parti minori - per esempio gli annunci dei treni ala fine dell'ep4, prima si sentivano "Gendou" e "Rei", ora sono re-incisi ex-novo. B5 - aggiunta di molte voci tecniche "di sottofondo" a livello ambientale, in 5.1 - quella del MAGI SYSTEM mi pare sia Hayashibara Megumi. ------ Come si capisce, è parecchia roba. In giapponese hanno sempre usato due colonne audio completamente diverse, l'originale in 2.0 e la rimontata in 5.1. Se per le edizioni straniere abbiano usato i materiali originali diversi o meno è facilmente verificabile su A1 e A2 in particolare.
  8. Ieri, mentre tornavo da Ascoli Piceno, sulla banchina ad aspettare il treno ho notato questo ragazzo, giovane e pulito, che scribacchiava su un foglietto. Il treno arriva, lui mi si avvicina, e mi chiede: "Scusi, ma lei è Gualtiero Cannarsi?" "Beh, sì, in effetti sì." ero imbarazzato come sempre in questi casi. A dire il vero capitano un po', di recente - a Sulmona (non c'ero mai stato, non conosco nessuno) mi hanno fermato in strada quattro volte in un giorno. "Ho disegnato questo per lei, scusi se i dettagli non sono precisi, non li ricordavo." E io: "Wow, ma no, è incredibile quanta corretta sensazione del soggetto tu abbia saputo infondere nel tuo disegno!" Ero sincero, ovviamente. Lo vedete anche voi. La fisicità, la posa, la "terribilità" (termine michelangiolesco)... è proprio l'UnitàPrima. Schizzata in due minuti accovacciato sulla banchina di un binario all'aperto. Io che sono negato nel disegno come pochi altri, ero stupito. E ammirato. Poi abbiamo parlato per tutto il viaggio in treno sino a Pescara, che lui raggiungeva per andare alla Scuola Internazionale dei Comics. In effetti, per giovane che è, disegna sin da bambino. E così abbiamo parlato di matite e chine, di Michelangelo e Takahata, di articolazioni delle mani e di Claudio Castellini, di UltraMan e degli spellati all'Archiginnasio di Bologna, di fumetto e illustrazione. Del lavorare di notte perché la cognizione che tutto il mondo dorme intorno a noi aiuta la concentrazione. Le persone sono diverse. Profondamente. Davvero. Lui si chiama Francesco. :-) g
  9. Non è l'archetipo. L'archetipo è nella cultura popolare, secolare di un paese. Non nella finzione d'intrattenimento. :-)
  10. Pirkaf: la "predestinazione" dell'antagonista "più evelvato" del protagonista che viene "dal basso", in ottica giapponese, può essere divina, nobiliare, sociale, educazionale, economica. Stessa cosa. Misugi Jun è un alto borghese, nato col talento (tensai): è il "principe del calcio", mentre Oozora Tsubasa il ragazzino appassionato col padre assente, no? Il canone shoujo vuole che abbia una malattia pietosa e nobiliare anch'essa, come l'emofilia, o na malformazione cardiaca. Roba congenita, roba di nobili. Prima di Misugi il suo ruolo era del borghese di provincia Wakabayashi, si capisce che anche lui dovrà infortunarsi e lottare contro un infortunio invalidante. Himekawa Ayumi è ricca e figlia d'arte, Kitajima Maya la figlia della sguattera.Ma chi nasce col talento è fragile, dacché la grazia delle sottili architetture è nel potenziale fragore che produrrebbero andando in pezzi. Allo stesso modo, Misty è nato bello e perfetto, nel suo caso così volle (un nome ben precisato) dio, mentre Seiya è lo zozzetto orfano. A chi viene dal basso non resta che l'impegno (douryoku) per contrastare il talento di natura, il genio prodigioso (tensai) - una dinamica che troverai (spesso sovvertita in medias res) in infiniti manga, perché quella giapponese è una mentalità - prima che una cultura sociale e una società - fortemente classista e verticale e quindi gerarchica. Frieza è a suo modo deforme. Perché è piccoletto, è un nobile vile, misero nell'animo come il Marchese del Grillo, ovvero un nobile di "di tasca e non di testa", e quindi volgare nell'ostentazione di un'eleganza cercata ma sempre pacchianamente mancata. Infatti è un brutto narcisista manierista. E infatti è un esteta sadico. La maschera fissa è quella. Misty è tutt'altro, è bellezza vera, divinità olimpica, Misty è la metafisica dello Stadio dei Marmi, volendo. Negli sport di squadra i giapponesi cercano sempre l'asso. Non per nulla lo sport nazionale del Giappone è il baseball. uno sport di squadra con scontri uno-contro-uno tra assi. Perché il corporativismo giapponese è quello dell'esercito che segue ciecamente un leader che è primus inter pares, ma primus. Come Seiya, come Luffy: tutta la ciurma serve, tutti hanno un loro ruolo organicistico e indispensabile, ma l'eroe è uno ed è l'asso per cui tutti sono pronti a sacrificarsi.
  11. Non avendo mai sentito questa frase, so per certo di non averla non solo mai scritta, ma neppure letta. :-) g
  12. Dovrebbe essere la mia parte? :-) Ricordo che i film di Dragon Ball (senza Z) furono tra le primissime cose che pubblicò Dynamic Italia. A quel tempo rivedevo praticamente tutti i dialoghi di tutti i prodotti o quasi, ricordo che mi capitò di "revisionare" anche Hanappe bazooka, Shuuten Douji, THE Hakkenden, Orange Road, City Hunter 3, (per dire), infatti mi si trova creditato come "supervisore" un po' ovunque. A quei tempi, il mio compito era semplicemente quello di riportare un po' i dialoghi sui contenuti delle traduzioni che non avrei avuto strumenti per criticare o interpretare. Le cose iniziarono a cambiare con Evangelion ed Escaflowne. In ogni caso, non ricordo su quanti e quali film di Dracon Ball (con e senza z) feci questo lavoro di semplice "supervisione". forse i primi due, o forse solo il primo, della serie Z. Forse.
  13. Beh, se è Gohan (bravo figlio di mammà) che si riferisce a Piccolo-san, considerando che credo Gohan sia 'unico o quasi a usare il keigo, "signor Piccolo" mi parrebbe doveroso. Oltre a ciò, su due piedi (anzi, saltellando su un piede solo), a me la disamina lì condotta sembra davvero molto buona. Ah, se la maggioranza del pubblico attuale avesse seguito affini canoni di comprensione, intendimento, ambizione!
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.