Jump to content

Virus cinese.


Cavaliere nero.

Recommended Posts

Credevo che stante l'attuale infrastruttura mondiale, anche la più pallida idea di contenere, isolare, gestire una cosa come un'epidemia virale aerobica fosse da principio al più (al più) una trovata pubblicitaria per una o più sciocchezze - informazione, politica, mascherine.

No, eh?

Edited by Shito
Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, Kamisama said:

 

Per un virus con un così alto potere di propagarsi unito al controllo dell'informazione in Cina (non che forse avrebbe fatto differenza perché anche qualora si fosse agito appena quel dottore diede l'allarme la sua diffusione poteva già essere estesa oltre ogni più funesta previsione e incontrollabile) non esiste misura preventiva. Ed è un qui che riguarda qualunque luogo soggetto a grandi spostamenti nel mondo. Negli Usa ancora non si è capito/deciso se il tampone lo paga lo stato o il cittadino e difficilmente quest'ultimo va a spendere migliaia di dollari per sapere se ha contratto il virus. 

dell'esistenza del virus si è saputo pubblicamente e ufficialmente da circa inizio gennaio. ci sono stati vari casi segnalati fuori dalla cina prima che se ne avesse traccia in italia. ora... il punto non è che si avrebbe potuto azzerare il rischio di contagio; questo è fuori da ogni discussione di buon senso e lo davo per scontato. quello a cui mi riferisco, dato quanto accertato nei mesi scorsi e la natura del flusso di persone che coinvolge anche l'italia, sono protocolli adeguati che mirano al prevenire la diffusione incontrollata di un virus; ovvero una forma di contenimento (aka il contagio ci può essere ma lo si circoscrive). e si dirà che è stato fatto; sì, ma DOPO aver rintracciato i focolai, nonostante i vari campanellini di allarme dell'oms e, perfino, di virologhi nostrani senza contare che qualche regione aveva chiesto delle misure particolari (ma rifiutate perchè regioni razziste).
quella sul tampone in usa a mi sa di mezza verità raccontata a piacere perchè ehi, quindi noi che di tamponi si dice ne facciamo pure troppi allora siamo bravissimi, li superiamo in qualcosa, siamo all'avanguardia! un po' come la storia di quando a roma si isolò il virus trascurando che era già stato fatto in francia, australiaed altri. l'orgoglio tutto italiano cuore che serve a rasserenare...
fatto sta che qui è arrivata l'oms in figura di consulente ma in pratica sta dicendo a speranza cosa fare e raccontare.

Link to comment
Share on other sites

Oggi nuovi 466 casi,e vittime da 51 a 79,oltre a una situazione difficile a Bergamo.

https://www.ecodibergamo.it/stories/bergamo-citta/pensiamo-a-limitare-la-diffusionesegui-qui-la-conferenza-dalla-regione_1343465_11/

Ormai quasi tutte le province hanno casi:

800px-COVID-19_Outbreak_Cases_in_Italy.s

Rosso casi rilevati

Azzurro casi presunti

Bianco no casi

Davvero spero si raggiunga il picco presto e poi i casi inizino a calare.

Pare preoccupante che però oggi ci sia stata una impennata dei casi. :(

Link to comment
Share on other sites

Trovo del tutto sensato, e limpido, quanto scritto da Roger. Credo che nel caso di "rischio o imminenza di contagio epidemico virale aerobico" l'unica cosa concretamente pensabile per prevenire e così limitare i danni sia attuare misure sovradimensionate E preventive E indiscriminate. Ovvero in pratica draconiane. Quindi, nel "mondo civile" del 2020, non si può. La "libertà" individuale può anche tragicamente comportare l'implicito "obbligo" comunitario di morire (sembra un po' un certo dialogo di Arjuna). In vari modi e potenziali scenari, alcuni tanto drammatici da poter apparire apocalittici, distopici, cinematografici, ma..."ciò che un uomo è in grado di immaginare, altri uomini saranno in grado di raggiungere". Anche l'autoestizione, magari. Tipo. :-(

Edited by Shito
Link to comment
Share on other sites

Le misure adottate in Italia erano tra le più rigorose ma se il virus è arrivato addirittura a dicembre, quindi ben prima che scattasse l'allarme, allora qualsiasi misura sarebbe stata inutile.

Edited by Eymerich
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Shito ha scritto:

Trovo del tutto sensato, e limpido, quanto scritto da Roger. Credo che nel caso di "rischio o imminenza di contagio epidemico virale aerobico" l'unica cosa concretamente pensabile per prevenire e così limitare i danni sia attuare misure sovradimensionate E preventive E indiscriminate. Ovvero in pratica draconiane. Quindi, nel "mondo civile" del 2020, non si può. La "libertà" individuale può anche tragicamente comportare l'implicito "obbligo" comunitario di morire (sembra un po' un certo dialogo di Arjuna). In vari modi e potenziali scenari, alcuni tanto drammatici da poter apparire apocalittici, distopici, cinematografici, ma..."ciò che un uomo è in grado di immaginare, altri uomini saranno in grado di raggiungere". Anche l'autoestizione, magari. Tipo. :-(

Domanda collaterale: perché lo chiami "virus aerobico"? Che io sappia, un virus non si alimenta coll'ossigeno.

Per il resto: saluti da un luogo abbastanza ricco di contagi (e ora capirete subito dove io mi trovi). Continuo a non preoccuparmi troppo, ad igienizzare quanto basta e a vedere il tutto come una pura pesante seccatura - probabilmente sbagliando?

Edited by Anonimo (*lui*)
  • Like 1
  • Love 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Data-------------malati------------ nuovi contagiati-------------
20 Febbraio..........3...........................3..............(x4,3)
21 Febbraio.........16.........................+13...........(x4,8)
22 Febbraio.........79.........................+63...........(x1,2)
23 Febbraio........157.........................+78...........(x0,9)
24 Febbraio........229.........................+72...........(x1,3)
25 Febbraio........322.........................+93...........(x0,8)
26 Febbraio........400.........................+78...........(x3,2)
27 Febbraio........650........................+250...........(x0,8)
28 Febbraio........888........................+238...........(x0,9)
29 Febbraio.......1128........................+240..........(x1,008)
01 Marzo..........1694........................+566...........(x2,3)
02 Marzo..........2036........................+342...........(x1,6)
03 Marzo..........2502........................+466...........(x1,3)

04 Marzo..........3089.........................+587..........(x1,25)

Il numero tra parentesi con la x dovrebbe essere il tasso di contagio.

Se è sotto a 2 dovrebbe dire che nonostante l'aumento dei casi il virus lo si stà contenendo.

Quel numero è ottenuto dividendo i nuovi casi per quelli del giorno prima.

Link to comment
Share on other sites

21 hours ago, Anonimo (*lui*) said:

Domanda collaterale: perché lo chiami "virus aerobico"? Che io sappia, un virus non si alimenta coll'ossigeno.

Hai ragione, è un modo sbagliato di dire "virus da contagio per via aerea".

Chiedo scusa per la confusione.

Link to comment
Share on other sites

 

Evviva i i tedeschi (anche se la cosa non è certa)

https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2020/03/05/news/il_primo_caso_di_covid-19_in_europa_descritto_in_germania_il_24_gennaio_scorso-250303955/?ref=RHPPTP-BH-I250268567-C12-P2-S2.4-T1

Però la figura di merda la stiamo facendo noi.....inutile i tedeschi se non ci incu... insomma non sono contenti....

Edited by francescoG1
Link to comment
Share on other sites

Qui a Ferrara per ora un solo caso di contagio, ma me ne aspetto, considerato che c'è un gruppo di tango argentino sotto osservazione e che il genio del sindaco ha partorito un'idea del tipo "musei scontati al 50%" per attirare gente.
Nel bolognese, 16 anziani di una bocciofila contagiati. L'ironia è il nome del comune (che ben conosco): Medicina.

Nel frattempo il comparto dello spettacolo, specie i teatrali, sta collassando. La mia compagna, che lavora su Roma, mi sta descrivendo scenari decisamente poco allegri.

Link to comment
Share on other sites

(parliamo del 27 febbraio, con altre condizioni, ma è comunque LOL)

 

https://www.repubblica.it/politica/2020/02/27/news/coronavirus_zingaretti_contro_il_panico-249718891/

Nicola Zingaretti sfida il panico che si è diffuso a causa del coronavirus e questa sera aderisce all'iniziativa #Milanononsiferma promossa dal Partito Democratico Metropolitano milanese. Alle 19 il segretario dem parteciperà ad un aperitivo con i giovani presso il Pinch Ripa di Porta Ticinese 63 e alle 20.30 sarà a Bollate per una cena in pizzeria.
 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

La globalizzazione è ai ferri corti. L'economia globale, in particolare quella chino-crucca, era in crisi già prima del virus, che è stata la mazzata definitiva.

 

Pian piano quello che è iniziato negli 80s per mano di Clinton e compagnia brutta si sta avviando alla fine. Con la Cina ferma o si riporta la produzione nel terriotrio nazionale o veramente il valore del denaro sarà pari a quello dei pezzetti di carta del monopoli.

https://www.maurizioblondet.it/weik-friedrich-linizio-della-fine-della-globalizzazione/

 

https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/che-sia-buona-occasione-ripensare-ldquo-sistema-rdquo-229139.htm

 

https://www.corriere.it/esteri/20_marzo_01/giulio-tremonti-il-coronavirus-mostra-crisi-globalizzazione-ac2e6004-5bfb-11ea-ae74-e93752023e91.shtml

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

38 minuti fa, AkiraSakura ha scritto:

La globalizzazione è ai ferri corti. L'economia globale, in particolare quella chino-crucca, era in crisi già prima del virus, che è stata la mazzata definitiva.

 

Pian piano quello che è iniziato negli 80s per mano di Clinton e compagnia brutta si sta avviando alla fine. Con la Cina ferma o si riporta la produzione nel terriotrio nazionale o veramente il valore del denaro sarà pari a quello dei pezzetti di carta del monopoli.

https://www.maurizioblondet.it/weik-friedrich-linizio-della-fine-della-globalizzazione/

 

https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/che-sia-buona-occasione-ripensare-ldquo-sistema-rdquo-229139.htm

 

https://www.corriere.it/esteri/20_marzo_01/giulio-tremonti-il-coronavirus-mostra-crisi-globalizzazione-ac2e6004-5bfb-11ea-ae74-e93752023e91.shtml

Insomma, bisogna sperare che il mondo approdi al socialismo (più o meno 'nazionale'...) in tempi brevi? Insomma, ci siamo ben più vicini che all'epoca della Thatcher ma è evidente che manca almeno qualche anno perché si arrivi a successi importanti, con la tempistica attuale. :happy:

 

OT: scusa, eri tu l'autore del dossier sulla postmodernità sul blog Bokura no kakumei?

Link to comment
Share on other sites

Quote

Insomma, bisogna sperare che il mondo approdi al socialismo (più o meno 'nazionale'...) in tempi brevi? Insomma, ci siamo ben più vicini che all'epoca della Thatcher ma è evidente che manca almeno qualche anno perché si arrivi a successi importanti, con la tempistica attuale

 

Si, sarà un cambiamento lento. Ma ormai il punto di rottura definitivo è arrivato secondo me.

 

Quote

OT: scusa, eri tu l'autore del dossier sulla postmodernità sul blog Bokura no kakumei?

 

Si sono io :)

Link to comment
Share on other sites

Lombardia chiusa ?

Sono state definite le nuove misure nazionali di contenimento dell'emergenza. Nell'articolo 1 della bozza del nuovo decreto del governo, che dovrebbe essere varato questa sera, compare il divieto di ingresso e di uscita dalla Lombardia e da altre 11 province, e l'estensione delle zone controllate a Piemonte ed Emilia-Romagna. Nel dettaglio, le province diventate "zona rossa" sono le seguenti: Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria.

https://www.repubblica.it/cronaca/2020/03/07/news/coronavirus_chiusa_la_lombardia_e_11_province_-250570150/?fbclid=IwAR19TFfbeEqE-qUq6S9J9mlCd4NLFqwwwL9W0wsAs0aenJi_y23NqKPqL70

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.