Jump to content

Virus cinese.


Cavaliere nero.

Recommended Posts

A me non hanno misurato la temperatura a Termini martedì scorso (non li ho nemmeno visti in giro), ed ho preso il frecciarossa.
Ho trovato i tipi coi termoscanner a Mestre ma non mi hanno misurato (mi pare misurassero a campione forse).
Vabbè, prendere la temperatura delle persone con questo caldo e questo sole da la misura dell'incompetenza di chi prende le decisioni.

Link to comment
Share on other sites

Allora,la situazione sui treni è questa,capienza del 50% con posti a sedere a scacchiera per i treni con supplemento,intercity e frecce.
C'è da dire che io di frecce o intercity ne prendo pochi.
Ho sentito che dal 1 settembre ci vorrà il green-pass per salire su questo tipo di treni e che la capienza sarà portata all'80%.

Il problema sono gli altri treni.
Ci sono i treni regionali ed i regionali veloci.

Che hanno la stessa tariffa e che prima non richiedevano prenotazione.
I regionali sono treni che fanno solo brevi tragitti,facendo quasi tutte le fermate.
Non necessariamente all'interno di una sola regione.
Ma comunque brevi percorsi.
Ad esempio in Liguria ci sono regionali da Genova a comuni della provincia di Alessandria come Acqui Terme o Arquata Scrivia.

Invece il regionale veloce è un treno che fa percorsi un pò più lunghi,o tra più regioni,ma anche all'interno di una stessa regione.
Tipo da Genova a Milano,o a Torino o Pisa.
Però in Liguria sono considerati regionali veloci anche treni da Genova a La Spezia o da Genova a XXmiglia.

E qui stà il problema,questi treni regionali veloci sono diventati a posti limitati.
Con l'80% della capienza.
E con l'obbligo di prenotazione.
E questo è fonte di disagio.

Vi faccio degli esempi concreti.
3 mesi fa sono stato a Milano,"prenotando" il giorno prima(il che se permettete è una menata)il treno delle 7 e 50 da Genova a Milano e quello delle 16 e 25 da Milano a Genova.
E' andato tutto bene ed ho fatto il giro che volevo fare senza problemi.

Invece la settimana scorsa non ci sono riuscito,e sono dovuto rientrare però comunque col treno delle 16 e 25 "prenotato".
Se fossi stato libero come nel passato invece potevo prendere il treno delle 18 e 25 e fare il mio giro.

La "cazzata" di queste regole(perchè tale è)è che se prenoti un regionale veloce puoi prendere quello e solo quello.
Invece ci sarebbe accesso libero ai regionali semplici.(però con la regola che il capotreno può far scendere la gente a sua discrezione in caso
di treno troppo affollato)

Un'altra rottura di scatole l'ho avuta a Pavia a inizio luglio,con prenotato per il rientro un treno alle 17 circa.
Avevo finito prima quello che dovevo fare ed avrei potuto prendere il treno invece delle 15.
Però mi è stato detto che non è possibile,perchè i treni di quel tipo sarebbero stati tutti pieni.
Tanto pieni che poi sul treno che ho effettivamente preso uno ha occupato da solo 4 posti,uno lui,2 coi bagagli ed uno coi piedi
che si è sdraiato.

Oppure mi è capitato un paio i volte di andare a Carrara in questo periodo.
Per il ritorno o mi fulcravo ad un certo regionale veloce da La Spezia a Genova,oppure dovevo spezzettare in 3 se non in 4 parti il viaggio.
Prendendo regionali semplici,da Carrara a La Spezia,da La Spezia a Sestri Levante e da Sestri Levante a Genova Piazza Brignole, se non 
pure da Genova Piazza Brignola a Piazza Principe.
Qui in Liguria nella riviera di levante ci sono molti treni,già in quella di ponente è diverso e si può fare,ma appunto non è così
dappertutto.

Domani altra giornata pazza a Viareggio.
Parto con un treno da Genova alle 7 e 11 ed arrivo alle 10 e qualcosa.
Poi secondo quelli della biglietteria o torno con dei regionali e spezzetto il viaggio,oppure posso prendere solo un regionale veloce da
La Spezia a Genova alle 17 e 50 da La Spezia.(da Viareggio a La Spezia ci sono regionali "liberi")

Il punto della questione è che io non ho idea di quanto starò effettivamente a Viareggio,mica è come Roma che 
c'è da girare per ore ed ore.
Che venerdì ero a Roma,lì coi treni c'è poco da fare.
Volendo fare una toccata e fuga ci sono stato dalle 10 alle 18 e 30 quasi,partendo da Genova alle 5 e 13 e rientrando alle 23 e 20.

Per me è una situazione stressante.

Sono curioso su cosa accadrà dal 1 settembre sui questi regionali veloci.
Se ci saranno sempre questi limiti.
Si parla tanto di ritorno alla normalità e poi è più facile andare a Katmandù che a Milano.

:(
 

  • Sad 1
Link to comment
Share on other sites

Scusa, da quando i regionali veloci sono a obbligo di prenotazione? Non l'ho letto da nessuna parte. È una scelta improvvisa di Trenitalia/Trenord? ??? Sembra strano che solo i veloci abbiano gestione diversa, oltretutto. Comunque la cosa causerebbe problemi anche a me da settembre (finora ho preso regionali o regionali veloci indifferentemente a seconda della disponibilità).

Link to comment
Share on other sites

La prenotazione è obbligatoria perchè essendo i posti limitati se si esauriscono non ci si può salire.
E se non si prenota un pò prima il rischio di non poter salire su di un determinato treno c'è,minimo il giorno prima bisogna fare il biglietto.
E poi perchè appunto in teoria si può viaggiare solo sul regionale veloce prenotato e non su altri.

Prima dell'emergenza covid se ad esempio si voleva andare da Genova a Milano si faceva un biglietto da Genova a Milano e lo si poteva usare 
su ogni treno.
Cioè io prendevo quasi sempre quello delle 7 e 50 per partire da Genova e poi rientravo a seconda delle mi esigenze.
Se facevo una giornata normale rientravo con quello delle 16 e 25,se mi fermavo di più con quello delle 18 e 25.
Invece adesso quando fai il biglietto già non è scontato che ci sia posto sul treno della partenza.
Mi accadde a giugno 2020 se non ricordo male.
Volevo andare a XXmiglia e feci il biglietto la mattina e mi si disse che con le nuove regole tutti i posti erano occupati.
Provai a cambiare destinazione con Milano e Torino,ma pure lì tutti i  treni erano al completo.(i regionali veloci)
Prima facevo il biglietto poco prima della partenza e mai c'erano stati problemi.
Metti che la mattina uno potesse sentirsi male.
Adesso c'è la rottura di doverlo fare prima il biglietto.
Ma anche per altri motivi.
Tipo per avere il posto 3 settimane fa per andare a Carrara ho prenotato prima,ma il giorno della partenza era brutto.
Avessi potuto fare il biglietto il giorno della partenza non lo avrei fatto.
Così sono andato lo stesso per non perdere i soldi del biglietto.
E poi una volta a destinazione per rientrare appunto si aveva libertà di scelta.
Adesso parrebbe di no.
Che poi all'inizio le regole non erano chiarissime,per dire da Milano dicevano che il regionale veloce per Genova delle 16 e 25
fosse soggetto a prenotazione,ma non quello delle 18 e 25.
Invece adesso dicono che si è davvero limitati a poter prendere solo il treno con la prenotazione.
Che poi in realtà i controllori latitano sui treni.
Sono stato recentemente 2 volte da Genova a Carrara,1 da Genova a Milano,1 Genova Pavia e 1 Genova Roma,e solo da 
Genova a Roma sulla Freccia Bianca hanno effettivamente controllato i biglietti.

 

Link to comment
Share on other sites

Allora,oggi ero in treno a Viareggio e guarda caso oggi sono saliti 2 controllori e così ne ho approfittato per chiedere come funziona questa cosa
dei posti sui regionali veloci.(oltretutto hanno beccato 2 risorse che erano sedute vicino a me senza biglietto)
Mi hanno detto che sui regionali veloci c'è il limite di capienza dell'80%.

E questo 80% è calcolato col 100% dei posti a sedere occupati e con 16 persone in piedi per ogni vestibolo.
Per vestibolo si intende il vagone nella sua lunghezza,quindi nel caso di treni con vagoni a 2 piani per arrivare all'80%
ci vogliono occupati tutti i posti a sedere e 32 posti in piedi.(16 sopra e 16 sotto)

Allora a cosa serve il posto "prenotato" ?
Se su di un biglietto c'è scritto che ho prenotato il regionale veloce XXX delle YYY solo quello posso prendere ?
Per questi controllori no,si può prendere ogni regionale veloce.

L'eventuale marcatura di una prenotazione di un treno regionale veloce sul biglietto serve per regolamentare eventuali
discese "forzate" da treni troppo affollati.

Mi spiego meglio,se io ho prenotato il regionale veloce delle 12 da Genova a La Spezia,in realtà posso prendere 
nell'arco della giornata ogni regionale veloce di quella tratta.(chiaramente una sola volta)

Il problema nasce se per molto afflusso di viaggiatori il treno superasse il sopracitato limite dell'80% della capienza.
Allora il capotreno può far scendere i viaggiatori in eccesso.
Per decidere chi fare scendere il capotreno deve seguire il criterio che resta comunque a bordo chi ha sul biglietto
la prenotazione per quello specifico regionale veloce.
Scende chi non la ha,avendo o un biglietto "aperto" senza prenotazioni o chi ha una prenotazione per un altro regionale veloce.

C'è da dire che con quel criterio è difficile che si arrivi alla piena capienza e quindi non succede di frequente che il capotreno
faccia scendere della gente da un treno.
(però qualche volta è effettivamente successo coi treni delle 5 Terre)

Così è un pò macchinosa la cosa,ma ha un senso.
Non ha tanto senso invece quello che avevo scritto nel post precedente,cioè che una prenotazione poi obbligasse a prendere davvero
solo e solo quel particolare treno regionale veloce.

Il problema è che in questo anno le fonti fi RFI che ho consultato hanno dato pareri discordi.
Ora che mi ricordo meglio mi pare che un discorso simile me lo avevano già fatto l'anno scorso alla biglietteria di Genova.
Che cioè la prenotazione di un treno regionale veloce in realtà non fosse affatto vincolante,ma che serviva da garanzia
per evitare di dover scendere da treni eventualmente molto affollati.
Poi però dal 10 ottobre 2020 al 2 maggio 2021 non ho più preso treni,per il blocco degli spostamenti tra regioni.

Ricapitolando:
Biglietteria di Genova quest'anno dice che la prenotazione su di un regionale veloce non si può cambiare.
Biglietteria di Pavia quest'anno dice che la prenotazione su di un regionale veloce non si può cambiare.

Biglietteria di Genova l'anno scorso dice che la prenotazione su di un regionale veloce non è vincolante.(mi pare me lo dissero 2 volte)
Controllori sul treno oggi dicono che la prenotazione su di un regionale veloce non è vincolante.

Le solite autorità "itagliane" che non sanno manco loro le regole che si sono date.

Link to comment
Share on other sites

Siccome sono un "rompipalle" oggi a XXmiglia mi sono trovato nella situazione di dover chiedere di nuovo il regolamento di questi treni regionali veloci e.......
........ il controllore con cui ho parlato ha dichiarato un'altro regolamento ancora.

Faccio una premessa,a me stanno molto antipatiche le persone che hanno l'atteggiamento di lanciare il sasso e poi nascondere la mano.,
Oltre chi ti prende in giro o fa il prepotente pezzo di m...a facendosi forte di indossare una divisa.

Orbene il fatto è che oggi per un problema ad un treno sulla linea XXmiglia Genova c'erano dei ritardi.
Così ho chiesto a questo capotreno se fosse possibile prendere il treno regionale veloce precedente quello che avevo in prenotazione
sul biglietto.

Ed ovviamente questo "uomo in divisa" ha detto di no,che non si può.(contraddicendo quello detto dal controllare di quando andavo a Carrara)

Secondo lui con i treni regionali veloci prenotati,e non possono non essere prenotati,si ha il diritto a stare solo su quello e stop.
Si potrebbe prendere quelli successivi alla prenotazione,ma allora il posto non sarebbe più garantito,nel senso che se il treno si
affolla a scendere sono quelli senza la prenotazione specifica.

Tipo,se io compro un biglietto di rientro da Milano a Genova non può essere generico come prima della pandemia,deve essere per
forza associato ad un certo treno regionale veloce,mettiamo quello delle 16 e 25.
Io allora posso prendere solo quello delle 16 e 25,e solo su quello ho la certezza che non scenderò neppure in caso di affollamento.
Perchè l'ora stampata su questo tipo di biglietto equivale ad una timbratura,e con la timbratura effettuata si può prendere
il treno relativo entro 4 ore.

Quindi se ho prenotato il treno delle 16 e 25 posso rientrare o con quello,oppure con quelli che ci sono nell'arco di 4 ore.
Ed i regionali veloci da Milano a Genova in quell'arco di tempo sono solo altri 2,alle 18 e 25 ed alle 20 e 25.
E però mentre sul treno delle 16 e 25 non posso essere fatto scendere sugli altri 2 potrei essere lasciato a piedi in caso di affollamento.

Quindi si che i regionali veloci diventano quasi degli Intercity-Frecce.

Quale è la caratteristica di un IC o di una Freccia ?
Quella per cui prenotando uno di questi treni solo quello si può prendere.
Per esempio io venerdì scorso ero a Roma per una giornata,e sono venuto con la Freccia Bianca delle 5 e 13 da Genova e rientrato
con quella da Roma delle 18 e 27.

Ed appunto solo quelle 2 Frecce potevo prendere,non ad esempio la Freccia Bianca da Genova delle 7 e 05.
E coi treni regionali veloci è quasi uguale.
Non puoi prendere quelli prima e puoi essere cacciato da quelli dopo.
Solo su quello di cui hai la prenotazione si ha il diritto a stare in ogni caso,proprio come un Intercity o Freccia.

Poi vabbè siamo alle solite,quello con cui ho parlato io era un "mister simpatia",di quelli che se senti che è stato picchiato
da delle risorse mi viene da fare il tifo per le risorse.
Tipo che mi ha detto che non è un problema suo se oggi per dei problemi i treni sulla linea avevano anche 2 ore di ritardo.

E qui stà il punto.
Ora anche io concordo che non è "colpa" delle ferrovie se si verificano dei problemi tecnici.
Il fatto è che alle ferrovie spesso va il cervello in pappa in queste situazioni,non le sanno gestire.
Nel senso che se ne lavano le mani,quasi a dire al cittadino che sono c...i solo suoi ed a loro non importa nulla.

Allora ho aspettato il mio treno(con oltre un'ora di ritardo),ed è salita ad esempio una italiana senza prenotazione che ha occupato
con le valige 3 posti oltre il suo a sedere.

Pure le 3 persone vicino a me non avevano la prenotazione specifica per quel treno.

Ed invece sul mio treno il controllore ha latitato per tutto il viaggio fino a Genova.
A differenza del precisino del treno prima che invece ha controllato i biglietti a tutti prima di partire.

Morale:
io che avevo chiesto educatamente se si potesse salire ho subito il disagio.
quelli che hanno fatto i furbi l'hanno passata liscia.

Dicono che dal 1 settembre aumenterà la capacità di IC e Frecce dal 50 al 80%.

Però si risolverà poco se non verrà abolita questa di fatto prenotazione sui regionali veloci.
Confermato poi che la riviera Ligure di Ponente fa schifo per i collegamenti.

1 treno da XXmiglia a Genova ogni 2 ore e stop.
Nella riviera di Levante sono molti di più,e poi ci sono i regionali da Sestri Levante.

Non parliamo dei francesi,un treno da XXmiglia a Cannes ogni mezz'ora,ai 25 ed ai 55 di ogni ora.

Nessun controllo del Green-Pass da parte della gendarmeria sia all'andata sia al ritorno,alla faccia della severità
di Macron.(da XXmiglia in realtà sono solo passato per andare in Francia a Cagnes sur Mer,appena fuori Nizza)

Per me che non ho la possibilità di fermarmi fuori(anche perchè non mi interesserebbe) viaggiare così è un vero stress.
Perchè non riesco a massimizzare la giornata.
Per dire oggi allora potevo anche prendere il treno ancora dopo di quello che ho preso,stare 2 ore a Montecarlo per dire.

Però col "ricatto" di fatto dei posti limitati non me la sento.
Siamo arrivati che è più facile andare a Katmandù che a Milano.

:(

Link to comment
Share on other sites

E cigliegina sulla torta l'altro ieri mentre andavo a Sanremo i controllori avevano beccato molta gente senza biglietto,sia italiani sia risorse.
Nessuno è stato multato o fatto scendere,gli hanno fatto il biglietto senza multa.
Un italiano ha detto che doveva andare a lavorare a Savona e che aveva solo 5 euro in tasca,ed il controllore gli ha fatto un regolare biglietto per Savona da 5 euro.
Ed un biglietto con multa da Genova a Savona non costa certo solo 5 euro eh.

Alle solite,i furbi spesso la fanno franca,chi segue le regole invece se lo prende sempre in quel posto.

Link to comment
Share on other sites

io invece ieri sono andato in un locale a bere, all'ingresso ci hanno chiesto se avevamo il greenpass, il primo di noi ha detto di si (parlando di sè) e la cosa è finita li, nessun controllo e tutti seduti dentro tranquilli :grin:

Link to comment
Share on other sites

E qui ho trovato il regolamento che dovrebbe regolare i treni regionali:

https://www.trenitalia.com/content/dam/tcom/allegati/trenitalia_2014/area_clienti/trasporto-regionale/Contingentamento_treni_regionali.pdf

Si dice che si può viaggiare solo sul treno regionale prenotato.
Si parla di possibilità di poter viaggiare anche su treni successivi fino a 4 ore dopo la prenotazione,ma non è chiaro allora se 
però in quel caso ci sia l disponibilità dei posti.
Cioè se perdi il tuo treno e su quelli successivi non c'è posto resti a piedi.

Si dice che si può cambiare gratuitamente fino a prima dell'orario,ma è comunque macchinoso e comunque legato alla disponibilità dei posti.

Per me se col Green-Pass volessero fare qualcosa di sensato adesso questi limiti andrebbero rimossi.

Se ne parla anche qui:

https://www.fsnews.it/it/focus-on/servizi/2020/6/30/treni_regionali_prenotazione_posto_e_contingentamento.html?fbclid=IwAR3r5HW5s78DzwjU2NAfc4quzrvexVbKner1ImvAv2EG1GMahhqd23Lid0s

Link to comment
Share on other sites

Oggi altra chicca al cinema.(rete The Space)
Sabato scorso vado per la prima volta dopo tanto tempo e mi controllano sia il GP e mi chiedono la carta di identità.
Poi venerdì solo controllo GP.
Oggi invece di nuovo oltre al GP di nuovo la carta di identità.

Ho chiesto ed hanno detto che con l'ultimo DPCM sarebbero stati autorizzati a chiedere i documenti.

Per carità,sarebbe il meno,in effetti ragionando per logica senza controllare la Carta di identità uno potrebbe presentare un GP non suo.

Io mi regolo che se una norma anticovid non mi disturba non ho problemi a seguirla.
Per dire se mettessero la regola per cui per entrare in un cinema si dovesse sempre eseguire un tampone di quelli che ti
mettono il bastoncino fino quasi al cervello col cavolo che mi vedono.
Oppure se obbligassero a comprare solo biglietti online.

Così invece solo con quel controllo non c'è problema.

Link to comment
Share on other sites

Fatta una settimana nel Lazio, il green pass era chiesto solo nei musei... fatti 3 giorni sopra il lago d'Iseo, mai chiesto una volta, preso il treno del Bernina... zero, in Svizzera sembra neanche che sappiano cosa sia sto Virus...

Link to comment
Share on other sites

3 hours ago, kevin8 said:

Fatta una settimana nel Lazio, il green pass era chiesto solo nei musei... fatti 3 giorni sopra il lago d'Iseo, mai chiesto una volta, preso il treno del Bernina... zero, in Svizzera sembra neanche che sappiano cosa sia sto Virus...

Eppure hanno fatto un bel lockdown pure loro. Lì ho diversi compaesani e amici (Anzi, c'è proprio una sezione distaccata del mio paese a questo punto) e i locali sono stati chiusi per mesi e mesi.

Comunque, stasera un amico sceso in ferie mi ha raccontato che al locale della sorella i no-vax vanno con le calamite per capire se c'è gente vaccianata usando il magnetismo. E mica dopo il primo controllo smettono. Ritengono che possano diventare magnetico anche dopo qualche tempo, non è uguale per tutti. Quidni li vedono tornare sempre con 'ste calamite :lolla:

Link to comment
Share on other sites

5 hours ago, kevin8 said:

Fatta una settimana nel Lazio, il green pass era chiesto solo nei musei... fatti 3 giorni sopra il lago d'Iseo, mai chiesto una volta, preso il treno del Bernina... zero, in Svizzera sembra neanche che sappiano cosa sia sto Virus...

Al momento per i treni non è richiesto, due settimane fa ho preso due volte il Frecciarossa (per un farmi un giro a Gardaland dove invece era chiesto insieme ai documenti se no non arrivavi manco alla biglietteria, ma c'era la polizia a controllarli), Sabato scorso gita al Lago d'Orta neiente GP per il battello e nemmeno per il trenino turistico da Pella alla Madonna del Sasso e mangiando sempre fuori all'aperto nessuno ha chiesto nulla

Edited by Alex Halman
Link to comment
Share on other sites

La gente che ha paura di ammalarsi farebbe bene a starsene a casa. Oltre al covid esistono tante altre malattie pericolose che si possono contrarre. Tubercolosi, epatite, aids, influeze assortite.... Q

Questa gente affetta da fobia da infezione invece di cagare il cazzo al prossimo, farebbe bene a rintanarsi in un bunker, Giani compreso.

PS
visto che ora il dogma è che i vaccinati temono di infettarsi dai non vaccinati, direi che i vaccinati stanno affermando che il vaccino non funziona proprio (altro che funzionicchia). 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

On 8/28/2021 at 6:54 PM, Taro said:

La gente che ha paura di ammalarsi farebbe bene a starsene a casa. Oltre al covid esistono tante altre malattie pericolose che si possono contrarre. Tubercolosi, epatite, aids, influeze assortite.... Q

Questa gente affetta da fobia da infezione invece di cagare il cazzo al prossimo, farebbe bene a rintanarsi in un bunker, Giani compreso.

PS
visto che ora il dogma è che i vaccinati temono di infettarsi dai non vaccinati, direi che i vaccinati stanno affermando che il vaccino non funziona proprio (altro che funzionicchia). 

Quelli che dovrebbero chiudersi nel bunker sono i no vax.

Dati di oggi da Israele: ogni 100k over 60 NON vaccinati, circa 280 sono gravi causa Covid.
Viceversa, ogni 100k over 60 vaccinati i gravi sono 20.

 

E si non esiste cura neanche quelle "nuove" sbandierate da un certo comitato altrettanto efficaci. Non a caso le terapie intensive sono piene di no vax (nonostante siano la minoranza) e si il karma è stato molto cattivo (negli USA si sono dati ai farmaci per animali con conseguenze disastrose). Ma si i vaccini non "funzionano"....come no....meglio le mirabolanti cure a casa.....:banana:

Edited by francescoG1
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

https://www.ilsussidiario.net/news/israele-nega-green-pass-a-chi-non-ha-terza-dose-vaccino-scade-serve-richiamo/2212843/

 

“Il Green Pass certifica che una persona è immunizzata in un certo modo. Quindi, dal momento che sappiamo che il vaccino perde la sua efficacia dopo un certo periodo, non c’è giustificazione per dare un Green Pass a qualcuno che non ha ricevuto un’altra dose” ha spiegato il ministro alla televisione Channel 13. Da Israele dunque è partita la campagna alla terza dose che, al momento è aperta agli over 30. Horowitz ha affermato che il pass con terza dose arriverà quando sarà disponibile anche dai 12 anni in su.

Link to comment
Share on other sites

14 hours ago, francescoG1 said:

Quelli che dovrebbero chiudersi nel bunker sono i no vax.

Ma i no vax non hanno paura di ammalarsi. Non hanno paura di vivere. Non hanno paura di affrontare un eventuale cura farmacologica.
Sono i nazivax che hanno paura di infettarsi, eppure si sono fatti il vaccino...

Il vaccino non ti fa ammalare di covid.
Contrordine il vaccino non ti fa ammalare di covid in modo grave, in compenso protegge gli altri perchè non infetti nessuno.
Aricontrordine, il vaccino non ti fa ammalare in modo grave ma ti rende infettivo e puoi contagiare gli altri.
Aricontrordine, il vaccino non ti fa ammalare per un po', ma dopo scade quindi devi rivaccinarti altrimenti muori ommioddio.
Il prossimo passo quale è?

Ah si possiamo credere a Speranza che le cure non funzionano. Sicuramente tanti nazivax devono crederci, altrimenti la loro fede nel diovax verrebbe meno e si sentirebbero come tanti stronzi che invece di essere sorci hanno fatto le cavie.

In Israele e in Inghilterra a fronte della massiccia campagna vaccinale i dati dei contagi sono disastrosi.

Gli effetti gravi e gravissimi dei vaccini, a dispetto del silenzio mediatico, sono reali, e se vogliamo fare gli stronzi possiamo iniziare a postare i video dei tipi che hanno le paresi facciali e hanno fatto i video su youtube in lacrime. Ma in tv ci fanno vedere solo quelli non vaccinati in ospedale e che fanno il mea culpa. Il famoso karma.... Certo ragazze morte di trombosi cerebrale non possono farlo il mea culpa sulla siringata.
E merde come Abbrignano invitano chi ha effetti gravi da vaccino a non divulgare la cosa, confermando che sussiste una volontà a far sottovalutare il danno da vaccino e il relativo rischio da inoculazione.
E la farmacovigilanza solo passiva invece di quella attiva? Meglio di no, non sia mai che si telefona e poi si debba registrare quello che accade.

Ma potremmo parlare della famosa slide di presentazione di pfeizer che presentava tutta una serie di effetti gravi possibili dopo la somministazione da vaccino. 
O della fake news dell'approvazione della FDA del vaccino pfezier per i 12/15 enni quando in realtà si tratta di un nuovo farmaco rispetto a quello somministrato attualmente. Ricordando che FDA al pari di EMA e AIFA è sovvenzionata dalle stesse case farmaceutiche per un 55% del bilancio, ma nessuno parla di conflitto di interessi...

Ah ma del milione e passa di fiale pfeizer bloccate in giappone dopo la scoperta di contaminazione da metalli in alcune somministrazioni effettuate? Roba che non ci dovrebbe stare dentro ovviamente, perchè i media si prodigano di dire cosa c'è e non c'è nel siero magico, ma del processo graziato da segreto industriale con cui si arriva al siero nessuno parla. Come purificano l'rna? Ci sono aziende di biotecnologie che vendono i "kit" ma dichiarano che non sono prodotti per uso medico e ne sconsigliano l'uso i ntal senso. Magari un po' di chiarezza non guasterebbe, ma se i controllori sono pagati dai controllati...

Mi raccomando comunque la terza dose quando sarà il momento. Adesso si hanno 12 mesi perchè il mago merlino ha deciso così di punto in bianco. Lo dice la sciienzah. Come la schiienzah dice che due dosi proteggono. Anche una malattia covid + 1 vaccino copre.  E pure 1 vaccino + una malattia covid copre. 
Stranamente 2 vaccini + 1 malattia covid ti fanno perdere il green pass (in questo caso la malattia non vale come terza dose?). Ma magari quando decideranno per la terza dose la sciienzah dirà che 1 vaccino + 1 vaccino + malattia covid sono valide come copertura vaccinale. Per ora no. Attaccatevi.

Ah la sciienzah non si sa perchè ammette il mix di vaccini. Così lo stronzo che ha avuto reazione avversa con uno di essi, anche se nessuno gli spiega cosa gli è successo e cosa ha in corso, non può sottrarsi alla seconda dose, pena la perdita del lavoro in alcuni casi. Qundi magari è finito all'ospedale, non sanno dirgli, o non vogliono dirgli il perchè... però è tutto ok per fargli un'altra dose.
Per i farmaci normalmente, per reazione avverese non previste nel bugiardino si blocca il farmaco.... ma con questi sieri magici il povero cristo invece deve giocare alla roulette russa secondo le virostar, Speranza e tutta la cricca.

Ah cari nazivax, nel mentre che aspettate l'inoculazione annuale, vi consiglierei di fare le analisi del sangue e delle urine. Sapete, a qualcuno hanno trovato tracce di proteine nelle ultime. E in caso di assenza di tumore, possono essere associate a calcoli renali o a infiammazione dei reni. Una nefrite non è che si sente fisicamente, e il danno arriva dopo. Ma oh, se la vostra religione è il cieco atto di fede nel diovax e preferite fare come le 3 scimmiette, chi sono io per giudicare? La spike invece se ne frega di tutto e tutti e porta infiammazione dove capita.
Quindi se magari finora avete evitato la spike che sta appiccicata al virus, fate in modo di essere voi stessi a produrla (in che quantità non è dato saperlo) mi raccomando.
Buona malattia autoimmune a tutti.

E buona ironia anche contro i novax.

 

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

58 minutes ago, Taro said:

Il vaccino non ti fa ammalare di covid.
Contrordine il vaccino non ti fa ammalare di covid in modo grave, in compenso protegge gli altri perchè non infetti nessuno.
Aricontrordine, il vaccino non ti fa ammalare in modo grave ma ti rende infettivo e puoi contagiare gli altri.
Aricontrordine, il vaccino non ti fa ammalare per un po', ma dopo scade quindi devi rivaccinarti altrimenti muori ommioddio.
Il prossimo passo quale è?

Ti faccio io una perfect edition, che vale per ogni infezione virale.

Purtroppo, come ogni cosa reale, è un po' sfumata, non è on/off, non è binaria, quindi è difficile... eh, lo so, ma so anche che tu hai tutte le facoltà mentali per comprenderla al 100%.

Un vaccino contro una malattia portata da un infezione virale serve a scongiurare la possibilità di manifestare la malattia, quindi
un vaccino contro una malattia portata da un infezione virale non ha la facoltà di evitare l'infezione stessa (il contagio), e
un vaccino contro una malattia portata da un infezione virale non garantisce la non infettività (contagiosità) del vaccinato contagiato, e
un vaccino contro una malattia portata da un infezione virale in genere abbassa la carica viremica del vaccinato contagiato, indi la sua contagiosità.

soprattutto:

un vaccino contro una malattia portata da un infezione virale in genere offre una "copertura" limitata nell'efficacia e nel tempo, per non dire contro l'effetto di susseguenti mutazioni del virus (varianti!1!!),  e questa copertura sarà minore rispetto a un soggetto che abbia sviluppato anticorpi propri per aver contratto il virus e sviluppato immunoglobluline-G in modo naturale, specie se oltre a contrarre il virus avesse anche sviluppato e superato la malattia.

Credo sia tutto, e vale per tutte le malattie virali, ovvero malattie portate fa un infezione (contagio1!11) virale.

Un virus è un virus, la malattia che sviluppa sul suo ospite è una malattia.

Un'infezione virale è un contagio, il suo dare una susseguente malattia è una malattia.

Tanto per onor di cronaca, ho suggerito ai miei genitori di vaccinarsi e bene e presto, e ho suggerito alla mia consorte di non vaccinarsi (credo peraltro che io e lei abbiamo già passato l'infezione da asintomatici).

Quindi sono un PRO-VAX, un NO-VAX o cosa?

Forse un VAXANCUL?

Come si chiamano quelli che cercano di capire le cose e ragionare lucidamente, senza tifoserie di sorta?

Ah, ecco: esseri umani.

RIVOLUZIONE:

ve la metto giù in altro modo. Circola questo nuovo virus che fa sviluppare una POLMONITE INTERSTIZIALE BILATERALE eventualmente piuttosto grave. Per gli amici: SARS. Di polmonite si muore come si è sempre morti, occhio. Cercate di evitare il contagio, e in questo modo è probabile che anche contagiandovi vi contagerete con bassa carica viremica. In caso di sospetto contagio, iniziate subito una profilassi contro la POLMONITE VIRALE, non contro "il virus alieno". Solo i miei 2cent, perché sono sempre un vecchietto.

 

Edited by Shito
Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, Shito said:

Un virus è un virus, la malattia che sviluppa sul suo ospite è una malattia.

Vuoi ridere? Sull'invito a vaccinarsi (occhio non obbligo) che le asl hanno spedito tramite pec al personale sanitario si parla di vaccino contro sars cov 2.
Tuttavia al centro vaccinale sulla documentazione c'è scritto covid19. Questo branco di farabutti pretende di obbligare le persone a vaccinarsi, ma al contempo cerca di pararsi il culo per eventuali azioni legali. Visto che in ballo c'è la sospensione dal lavoro senza stipendio, già parlare di invito fa ridere. Inoltre se al centro vaccinale il foglio che trovo da firmare esprime il mio consenso la dice lunga. Se sono obbligato pena un danno, quale consenso sto fornendo? A chi cancella e scrive "dissento" nessun medico inocula il vaccino ma lo rimanda a casa (ed è obbligato a scrivere un verbale e firmarlo).
La asl si para il culo perchè se subisco un danno loro hanno detto di vaccinarmi contro sars cov2, ma io mi faccio inoculare qualcosa che si occupa della malattia (covid19), non del virus. In sede legale possono dire "ti ho detto di vaccinarti contro A, non per B". Non so quanto possa reggere in realtà, ma nella catena di comando di questi cialtroni ognuno obbedisce e cerca la scappatoia per le sue porcate.
 

Proseguiamo:

http://www.chemicell.com/home/index.html

questa azienda si occupa di biotecnologie, in particolare di nanoparticelle con caratteristiche magnetiche. Tra le varie pagine, vediamo come alcuni loro prodotti possano essere utilizzati per purificare materiale genetico.

http://www.chemicell.com/products/Magnetic_RNA_Separation/magnetic_rna_separation.html

Qui non si parla della stronzata delle monetine, quello è fumo negli occhi al pari degli ufo. Fa comodo a certa propaganda far passare tutti per cretini, in modo da non dover rispondere a quesiti legittimi.
Vogliamo parlare di come vengono prodotti questi vaccini? Non di quello che c'è dentro, ma di quello che potrebbe rimanerci se il processo non è seguito correttamente. Magari informare sul rischio di contaminazione da metalli sarebbe il caso o no di farlo? 

La stampa parla di questo? 

https://asia.nikkei.com/Spotlight/Coronavirus/COVID-vaccines/1.6m-Moderna-doses-withdrawn-in-Japan-over-contamination

The ministry said later in the day that the substance that had been mixed in may have been metal. "It's a substance that reacts to magnets," a ministry official said. "It could be metal."

o sta ignorando la questione?
Al solito: una valutazione del rischio è diritto del cittadino o meno? O ci pensa lo "stato etico" a farla per lui? Lo fa l'EMA che si regge sull80% del bilancio con i soldi delle industrie farmaceutiche?

E io mi dovrei fidare?

Video della FDA



Al minuti 2:33:40 per un istante compare una slide, ma è subito saltata e si capisce che è rimasta per errore.
Il video è del 22 Ottobre 2020.
Questa è la slide malamente censurata:


photo_2021-08-30_15-40-03.thumb.jpg.4e08f6560df289736bf594b13599b831.jpg


A Ottobre dell'anno scorso già erano conosciute ed elencate le possibili reazioni avverse gravi, ma nel consenso informato le persone sono state e/o sono informate su quanto sta scritto li sopra? Perchè a seguire la cronaca locale, e non la stampa "più venduta", molti di quegli effetti sono tristimente reali a seguito della vaccinazione.

Possiamo leggere nel consenso (dis)informato ( https://cdn.onb.it/2020/12/all-1-Consenso.pdf) di pfeizer biontech la frase seguente:
"L’elenco di reazioni avverse sovraesposto non è esaustivo di tutti i possibili effetti indesiderati che potrebbero manifestarsi durante l'assunzione del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19. Se Lei manifesta un qualsiasi effetto indesiderato non elencato informi immediatamente il proprio Medico curante."

Li nella silde skippata nel video non ci sono mal di testa o stanchezza o dolorini, ci sono effetti gravi riconducibili alle infiammazioni dovuti alla spike.
Le persone sono informate? Perchè il consenso informato non dovrebbe tacere. Poi una volta consapevoli si può anche ritenere che il rischio covid sia peggiore e quindi valutare di vaccinarsi. Ma di contro una persona potrebbe ritenere di non voler rischiare quella roba li ed accettare l'eventualità di contrarre il covid e poi doversi curare. La libera scelta questa dovrebbe essere. 
Certo se chi mi dovrebbe informare mi nasconde le cose va da se la fiducia se l'è giocata, specie se gli "uomini di sciienzah da salotto televisivo" con arroganza negano l'evidenza, pontificano su cosa un malato possa dire o meno....

Per questo post è tutto, ma se in precedenza mi ero trattenuto dall'intervenire in modo assiduo, penso che d'ora in poi mi "darò da fare", con buona pace delle scimmiette che possono anche giocare con le monetine o negare tutto.

Giochino: al centro vaccinale, chiedete al medico vaccinatore per quanto tempo il vostro corpo produrrà la spike. Probabilmente dirà che non lo sa, alla faccia della conoscienza sui vaccini e l'informazione, ma se lo facesse, scrivete sul consenso informato quanto dichiara e fateglielo firmare. Vi dico che si rifiuterà negandovi la siringata e invitandovi ad anadare via. Pagato si per vaccinare, mica per fare lo stronzo che si prende la responsabilità di quello che succede dopo.



 

Link to comment
Share on other sites

17 minutes ago, Taro said:

Fa comodo a certa propaganda far passare tutti per cretini, in modo da non dover rispondere a quesiti legittimi.

Da sempre i "complottisti" e i dissidenti più balzani e scriteriati sono foraggiati intenzionalmente da chi cerca di occultare non un complotto, ma i suoi magari sordidi interessi.

Se non puoi oscurare qualcosa, devi renderlo insignificante negli occhi dei più. Screditarlo. E mettere una cosa nel calderone del ridicolo è il modo più semplice e funzionale.

Quindi una persona che ragiona e ritiene di non vaccinarsi, è un "no-vax", che vuol dire un cugino di un "terrapiattista".

No?

È anche importante che le etichette siano brevi, fichette e quindi facili da ricordarsi.

Edited by Shito
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.