Jump to content
Pluschan
  • entries
    11
  • comments
    2
  • views
    11,622

Secret Files:Il Mistero di Tunguska


Fencer

577 views

Come promesso,ecco le impressioni su un gioco che non rientra nella categoria JRPG,e come tale non finisce sul topic apposito.Sto parlando di Secret Files:Tunguska,appartenente a un venerando ma ancora arzillo genere,quello delle avventure grafiche,a cui appartengono esponenti che han fatto la storia del videogioco,come Secret of Monkey Island.

Bando alle ciance e veniamo al gioco comunque.

 

Il genere dell'avventura grafica è molto conosciuto,quindi non mi metterò a descrivere il genere,se avete giocato uno degli esponenti del genere avrete un'idea di cosa si tratta,se non lo avete giocato nei vent'anni in cui è stato in giro probabilmente non vi interessa il genere del tutto,quindi inutile sprecare tempo a descriverlo.In questo caso l'incipit della trama prende le mosse da un fatto realmente avvenuto,ovvero la misteriosa esplosione avvenuta a Tunguska (una località della Siberia) nel 1908,e vede come protagonista Nina Kalenkov,la figlia di uno scienziato che indagò sull'accaduto una quarantina d'anni dopo.All'inizio del gioco,lo scienziato viene rapito,e Nina,con l'aiuto di un giovane non si capisce cosa (lavora nel museo,ma non dicono se sia anche lui uno scienziato o solo un impiegato) di nome Max,che punta proprio a quello a cui state pensando,parte all'avventura nel tentativo di salvarlo.

Da qui la trama si dipanerà tra viaggi in Sudamerica,Siberia,e chi più ne ha più ne metta,con la scoperta di sette e di misteriose cospirazioni ai danni del mondo,con un crescendo per certi versi appassionante,per certi un pò sbilanciato,non crediate comunque che il viaggio sia tutto destinato alla scoperta di cosa avvenne a Tunguska,questo non è Indiana Jones e il destino di Atlantide,l'obiettivo è salvare il padre della protagonista e il classico "Save the World",la scoperta dell'ipotesi dei programmatori su cosa sia avvenuto avviene di riflesso,e per di più in differita.E la protagonista nemmeno ci crede.Uno dei lasciti dell'esplosione sarà comunque alla base della suddetta cospirazione,ma non sarà il fulcro della trama.Trama che comunque è abbastanza appassionante nei suoi colpi di scena da far terminare il gioco,che si attesta nella media delle avventure grafiche,quindi direi sulla 12-15 ore.Se giocate in modo assatanato però potrebbe scorrere via in meno tempo.C'è da dire che correre in questo caso è la scelta sbagliata,dato che si perdono molte delle chicche che il gioco ha da offrire:infatti pur essendo seria la trama,ci sono momenti di umorismo divertenti,soprattutto nella descrizione di alcuni oggetti,ad esempio in un caso Nina se ne esce con un "Questo è impossibile.Alcuni miei colleghi direbbero:Non funziona,non posso fare così o comando non compreso" (o simile,la falsariga è questa)

 

Graficamente il gioco non è Assassin's Creed,ma la sua figura la fa,pulito e funzionale,senza contare che girerebbe pure su una caffettiera.I filmati in CG non sono il massimo della modellazione anche loro,ma vale il medesimo discorso di prima.L'interfaccia è ridotta all'osso,niente verbi(che vabè non si vedono da anni) nè menù a scomparsa,abbiamo un inventario nella parte bassa dello schermo e un puntatore che cambia forma diventando un mouse in caso l'azione sia possibile.Dico l'azione perchè non si sceglie cosa fare,è il gioco a farlo per voi,le uniche icone sono l'occhio in caso di oggetto esaminabile,la mano in caso di azione possibile,per usare un oggetto dovrete cliccarci su nell'inventario e poi cliccare sull'hotspot in cui vorrete usarlo,ovviamente se l'azione è giusta,altrimenti il pulsante destro,deputato a dare il via all'azione,resterà inevitabilmente bianco e tanti saluti.Qui poi non resterete ore a cercare gli hotspot stessi (a meno che non siate masochisti),dato che SF:Tunguska usa un sistema simile a quello di Simon the Sorcerer,per cui basta schiacciare un tasto per evidenziarli tutti,pixel hunting scongiurato dunque (e meno male,perchè certi hotspot son davvero piccoli).Il sistema è quindi molto semplice ed intuitivo,ciò però non vuol dire che lo sarà il gioco.

 

Il sonoro è di buona qualità,poca musica e molti effetti sonori,decisamente appropriato e d'atmosfera,infatti le poche musiche intervengono solo quando necessarie.Il doppiaggio è in inglese,sembra ben fatto,ma qualche volta la ragazza scazza un pò la recitazione.Nota di demerito per la localizzazione italiana (i sottotitoli),che in certi casi presentano travisamenti anche grossi,come nel caso del cellulare:se lo si usa su Nina questa dirà "There is no reception here",ma nei sottotitoli si leggerà "Non certo quello che si dice una grande accoglienza",inspiegabile vista la situazione e l'oggetto dell'azione.E la cosa si ripete più di una volta,in certi casi nelle descrizioni,che possono essere fondamentali per risolvere gli enigmi.

 

Parlando di enigmi,la maggior parte degli stessi è logica e tende a non essere impossibile,basta usare un pò di logica funzionale e si risolvono,alcuni invece sono più difficili e sono enigmi veri e propri,con tanto di aiuto a richiesta segnalato da un'icona,ma non l'ho mai usato,dato che basta mettere insieme gli indizi e anche questi sono fattibili.Certo,la cosa non vale per tutto,dato che arrivano alcuni enigmi (concentrati anche nella parte finale)che sono tutt'altro che intuitivi,certo,non roba da lateral thinking estremo,ma roba abbastanza aberrante.Risolvibile sì con il "prova tutto con tutto,combina tutto con tutto",ma si esagera un bel pò.Tolto questo,il gioco come tutte le avventure tende ad utilizzare il metodo "trova oggetto,usa oggetto per trovarne un altro",e via di questo passo,oppure "per convincere un personaggio fagli un favore e portagli un oggetto",solo che a mio parere certe votle si esagera con la catena,nel senso che dopo che mi sbatto un'ora per trovare un oggetto,devo pure sentirmi dire che non funziona e che devo trovare il modo di farlo funzionare?Non è un pò troppo?Per me in certi frangenti sì,per altri no,quando uscì,un paio d'anni fa,l'avventura ricevette il consenso unanime del popolo del videoludo.

E tutto sommato il giudizio non era certo immeritato,l'avventura è appassionante e stimola a portarla al termine,e riesce ad essere a portata di tutti senza essere banale,certo una maggiore cura per alcuni particolare l'avrebbe portata ad essere ancora migliore.

0 Comments


Recommended Comments

There are no comments to display.

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.