Jump to content
Pluschan

silent bob

Pchan User
  • Content Count

    1,078
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

silent bob last won the day on September 8 2012

silent bob had the most liked content!

Community Reputation

-4 Poor

About silent bob

  • Rank
    Seguace Borghese di Crom
  • Birthday 01/01/1

Informazioni Profilo

  • Sesso
    Non dichiarato

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. il post di fencer ha come unica cosa buona il riferimento ad una mia vecchia ragazzata. Di quinto superiore. Su tutti gli altri insulti non rispondo altrimenti non la si finisce più. Sugli acquisti: blue water, lapis sapientiae ... poi in verità gli otaku con i modellini. La bile, tutto il resto, frustrazioni, belle pucciole in 2d, etc. etc. La lapis sapientiae è appunto l'archetipo dell'archiviazione, anche con un gusto un pò totemico. è tale un libro o qualsiasi forma di archivio che conserva appunto la conoscenza reale appresa. Non è che la lapis sapientiae è una cosa bella e infiocchettata, altrimenti è tipo la lapis vanitatum eh :P Per il resto ci rinuncio a scrivere sul forum, mi son messo una password a caso cosi non mi capita più di rientrare nemmeno se mi viene in mente una osservazione. Tanto non è che vengono su discussioni interessanti :)
  2. al primo post di sopra ci avevo rinunciato, del tipo non ci sta niente da fare. Non lo capirà mai. Guarda che io avevo usato feticismo dal principio, non ho mai usato consumismo. Indi attaccavo il feticismo proprio. Il punto è che credo che nessuno oggetto elevi la sostanza etica di chi lo consuma, e che poi la contemplazione feticistica al contrario degradi - sempre - la sostanza etica. Al contrario può elevare la sostanza etica un'opera d'arte per il suo significato, sicché il remare in due direzioni opposte che ci vedevo. Ovvio discordiamo sul feticismo. fai però caso che la marea di pupazzetti e e collector's edition sorge intorno non a rocco e i suoi fratelli, per citare un film che ti piace, o al cinema di qualità ( ed ecco qui toma e chibi: intellettualoide) ma attorno a tutto un universo in cui la significanza profonda è cmq una rarità mentre al contrario sono la regola il divertimento e l'evasione. Vedendo ciò capisci che ho ragione io, il feticismo è amico di divertimento, evasione e stordimento p.s. ai vari insulti personali non rispondo. Non mi va di entrare nel girone dei biliosi. Poi scroccone quando davvero guardo opere che se sono tanto diffuse da esser disponibili alla vendita in dvd sono anche su youtube, dunque di cui se ne accetta pacificamente lo streaming online mi sembra tanto un voler dire qualcosa contro. scroccone quando talvolta le stesse case produttrici offrono lo streaming, siate onesti con voi stessi. il dvd ormai è entrato nella logica di un oggetto da collezione, da cui le edizioni superlussuose appunto.
  3. No, non era una critica al fatto che davi l'occasione di comprare un dvd a poco prezzo. Tanto più che in fin dei conti offri solo lo sconto, chi voleva comprarlo lo avrebbe comprato cmq. Più che altro pensavo che se da una parte promuovi un'opera che avrà un suo contenuto, dall'altra cmq incoraggi la debolezza consumistica. Mi è venuto da pensarlo e poi scriverlo anche vedendo il tuo topic sul modellino del nautilus. Di nuovo da una parte un contenuto cmq profondo, l'amore per il quale viene però esplicato mediante azioni deboli. Secondo me non va. Un pò un controsenso. ( cmq si dico sempre le stesse cose alla fine, è un pò ridondante e inutile. però mi è sembrato aggiungevo una sfumaturina in più ) Agli altri: ma secondo voi dovevo scrivere un post per prima condannarmi e poi assolvermi di una cosa che ritenevo una colpa. Aahah, o mio dio.
  4. Una piccola provocazione sull'acquisto dei dvd, dato che pensandoci mi è giunta in mente una formulazione abbastanza elegante in senso matematico del mio pensiero. Ovvero: non vanno acquistati perché mischiano l'interesse contenutistico con il piacere feticistico, ed il secondo nuoce al primo. è il motivo per cui non ho mai comprato dvd ma per una collezione ho preferito sempre tenerli masterizzati, i libri li compro perché talvolta scrivo appunti a pie pagina e se li rileggo mi piace rileggere la stessa edizione, una sorta di senso rievocativo. Non so sarei curioso di sentire il parere di gualtiero, ovvio non regge la scusa per finanziare l'opera buona. un solo acquisto conta nulla e non vale nemmeno "se tutti facessero come me ...", o almeno la ritengo una ragione debole per la poca consequenzialità sul reale rispetto a quanto il piacere feticistico possa sporcare l'interesse contenutistico. p.s. ovviamente può essere bello anche un cubo di alluminio, ma mi ricordo come su un blog si scriveva che il bello per l'uomo, almeno in senso più alto, è ciò che è significativo. E anche ma altrove che non ci sono azioni indifferenti o si va avanti o si va indietro
  5. grazie a tutti per le risposte, ho provato a rispingere il tasto accensione tanto per e stavolta è partito bene. Bha, era giusta la battuta di qualche giorno in shoutbox di dare del LEI alle macchine di informatica ... In ogni caso i consigli sono buoni cmq dato che mi son fatto un pò di cultura a riguardo, specie quello di lonelywolf che si è sbattuto a farmi una lunga spiegazione. Se sarà da cambiare a breve termine saprò già come indirizzarmi, poi casomai si andasse a bloccarsi ogni 3x2 giorni lo cambio prima cmq e prendo appunto quelli indicati ( il primo o al più il secondo i5 secondo i vostri consigli ). grazie ancora a tutti p.s. buono il promemoria di halmann sull'ssd, però è ancora troppo caro per le mie tasche considerando i vantaggi che da
  6. Allora oggi mi e' morto il pc, 1 bip lungo e 3 corti.ADa quello che dicono in internet problema video con necessita forse di cambiare la scheda video. Appena un 2 mesi fa lo avevo formattato perche' era bloocato all'avvio senza possibilita' neppure di avvio in modalita' provvisoria, un 15 giorni fa altri 30 euro per la scheda lan fulminata ... e' un periodo nero. Mi consigliate di provarlo a riparare o cambiarlo? E un fujitsu siemens scaleo p dual core 2 duo e per le cose che ho da fare va benissimo. Pero son quasi dieci anni che ce lo ho, hard disk sostitutio da 4, e mi chiedo se ha senso spendirci altri soldi. Di computer non ci capisco nulla per questo chiedo a voi. Ù Data la buona durata pensavo in caso di cambio di prendere un altro fujitsu, ero indeciso tra questi 3: http://www.lambda-tek.com/Fujitsu-VFY-P0420P7321GB-3YRNSLAWRTY~shIT/B1870537&viewSpec=y#productTop http://www.lambda-tek.com/Fujitsu-VFY-P0420P8511GB-3YRNSLAWRTY~shIT/B1870538 http://m.eprice.it/pc-desktop-FUJITSU/d-5709582 Agli i5 pensavo piu che per la potenza immediata per un discorso di resistenza all'inefficiantamento che col tempo pare colpire i pc, tipo lo compro piu potente cosi anche quando sara un po vecchio quello che mi serve lo fa. Sento talvolta miei amici che si lagnano dei pc lenti, il mio vecchi problemi del genere non me li ha mai dati, forse perche molto potente in principio ( o solo per fortuna? ) A voi esperti la parola! P.s. scuati slati e sgrammaticatura ma scrivo dal tablet
  7. No, dico ma pensate davvero che qualcuno che non sia un nerd sfigato come voi vedendovi smanettare con programmi strani o che pensi "che nosb, che figo" piuttosto che "che nerd sfigato, madonna mia". Oppure che un iphone o un oggetto apple ma anche una supernovità tecnologica sia una snobberia quando se vai da un muratore al cantiere sicuro ce l'ha pure lui ahah
  8. Mmmh, il punto credo che sia che non avendo problemi finanziari né casomai fisici ci si deve rendere conto che il peso della propria felicità è tutto nelle proprie mani, e insomma pensarci anche due volte prima di suicidarsi o gettarsi in dipendenze come droghe o alcool o anche accettare di farsi stroncare dalla depressione. Se si è felicemente sposati è mia personale opinione che si abbia anche un dovere a vivere verso il proprio coniuge per non lasciarlo solo al mondo. Indi un atto del genere mi sembra rispettivamente debole e moralmente sbagliata. Questo in linea generale e al di là di williams ( della cui vita eccetto soldi e integrità fisica non so niente e non mi interessa, casomai era ai ferri corti con la moglie o chissà che cosa ).
  9. Riguardo l'attimo fuggente, ricordo che la sua recensione di Kezich fu una di quelle che me lo fece apprezzare come critico. L'ho stampata ed è conservata nel dvd del film ( chiaramente un masterizzato ), un tempo era presente su mymovies, ora se ne può leggere solo l'inizio. Scartabellando internet per vedere se c'era da qualche parte mi sono accorto che io stesso la postai qui nel 2010 per far vedere un esempio di recensione che a me piaceva molto: Qualcosa bolle in pentola, nelle pigre scuole sul finire degli anni '50, anche se la Contestazione scoppierà molto più tardi. Tradition Honor Discipline Excellence sta scritto sui vessilli della Welton Academy (Vermont), considerata il miglior college americano; ma ci penserà il nuovo professore di letteratura, a far toccare con mano ai ragazzini quanto sia vuota la retorica dell'istituzione. Chi ha avuto un professore come Robin Williams ne ha risentito l'influenza per tutta la vita, chi non l'ha avuto l'ha sempre sognato: perciò il copione di Toni Schulman, pur cucinato secondo un ricettario tradizionale, che un po' ne contraddice lo spirito, ha toccato il cuore del pubblico. Al successo del film contribuisce non tanto la regia competente dell'australiano Weir quanto la recitazione schietta e impertinente di Williams. Sistematico nell'irridere, il docente dimostra che un sano cinismo non esclude il più tenero amore per la poesia, fa strappare le pagine dei libri che suonano false e addita come scopo della vita il godimento dell'attimo fuggente. Affascinati gli allievi migliori costituiscono un setta segreta che si riunisce di notte per declamare versi di poeti defunti; e un giovane in particolare consolida la propria vocazione teatrale trionfando come Puck nel Sogno scespiriano. Purtroppo l'opposizione paterna alla carriera artistica lo spinge al suicidio e, peggio ancora, l'incidente è attribuito all'insegnante, che viene esonerato. Per onorarlo, nel momento dei saluti, mezza classe monta in piedi sui banchi in un gesto di disobbedienza. Pur suggestivo, il film non toglie il sospetto che i suoi commossi ammiratori sarebbero tra i primi a spaventarsi se nella scuola tornasse a soffiare il vento della ribellione. Da Il filmnovanta: cinque anni al cinema: 1986-1990, Mondadori, Milano, 1990 Più che gauche caviar come dici tu, credo che la parte in grassettato centri proprio il punto. In quello stesso post postai anche un'altra recensione di Kezich ai ragazzi dello zoo di berlino, ti copincollo solo il pezzo forte il resto lo ritrovi scavando nel sito: ottica che oscilla fra due punti di vista ugualmente sbagliati: il coinvolgimento vagamente morboso (la curiosità di vedere da vicino come vivono e cosa fanno «quelli là») e il distacco moralistico-entomologico (ma guarda un po’ cosa esiste in natura, meno male che io, la mia famiglia e i miei figli non siamo così). Interpreti diligenti, regia pedestre, arte latitante. Mai più lette cose che sentivo cosi vere nella critica cinematografica.
  10. beh dai, è la stessa cosa solo si alleggerisce/diluisce la pillola. In ogni caso, mi chiedevo seriamente: ma è possibile che due sentenze varino cosi tanto tra loro ? Cioè a leggere i motivi dell'assoluzione mi sembrano sensati, non so quelli della condanna. Io sono uno che non ha mai ben capito il lavoro degli avvocati: cioè se ci sono le leggi o sei colpevole o no. Al più si dovrebbero conoscere tutti i cavilli, ma per quello dovrebbe bastare un giudice competente sul caso in esame e per le indagini/appurazione dei fatti la polizia. Credo mi manchi proprio qualche pezzo ... forse te che hai fatto giurisprudenza ne sai un pò di più
  11. mmh, dai ci riprovo :) a me sinceramente basta la descrizione di suoi certi comportamenti per sapere che é rimasto indietro. Dico davvero, l'ubriacarsi per un cartone ( ma potrei dire opera d'arte in generale ) denota tutto un certo stato mentale. Ma tale mio giudizio é indifferente dal momento che mi dici che lui stesso ha ammesso di non essere diventato adulto ( l'ho letto da te sopra, non so se é scritto testualmente tra i vari post ). Un bambino avrò un proprio stato cognitivo diverso da quello di un adulto no? E non sarà cosi anche per un bambinone ? E se sarà storto ( freaks, per strizzare l'occhio a una delle cit tipiche di shito ), la sua stortezza non deformerà la sua stessa comprensione della realtà ? purtroppo é cosi. ovvio che ad autorealizzare il permanere nello stato infantile ci arriva, a cose più fini in quanto più subcoscienti casomai no.
  12. Mmmh ... non so. però pensaci alla limitazione cognitiva relata al vissuto effettivo.
  13. Per comprenderla la comprende. Semmai dovresti chiederti "e dopo averla compresa cosa fa?". Torna a guardarsi anime, direi. Non é cosi garion. hai visto utena ? pensa al ragazzino biondo che si guarda i film d'amore per capire un bacio. è irrimediabilmente fail ( invero solo il suo tentativo di comprensione, essendo un ragazzino va bene cosi anzi ... ). pensa a egawa che in deadman diceva che le immagini evocate dal protagonista vampiro non solo visualizzavano l'epoca ma ne facevano sentire gli odori e le "vibrazioni" che erano nell'aria, si empatizzava con la tensione. Dato un proprio campo esperienizale si può empatizzare e comprendere realmente altro da esso solo entro certi limitati limiti.
  14. Peraltro, l'idea di 'anarchico' mi sembra una cosa tanto occidentale/europea che mi pare sbagliato da principio usarla come categoria di lettura a priori per un'opera come quella di Miyazaki. :P cmq belli i post di garion solo che .... dopo che uno ha scritto che passava le giornate a guardarsi sailor moon, ogni tanto si riguardava il film con char e poi ne andava tutti eccitato a parlarne con gli amici occhialuti. Ora, che comprensione presumiate possa avere un tipo del genere della realtà ?
  15. pensiero estemporaneo: non é che queste metafore fantasy per raccontare una situazione reale vadano poi, alla somma dei conti, a nascondere quanto di quella situazione sia dovuta pigrizia&stupidità dell'uomo ? e forse proprio per questo riescono più gradevoli, dato che rendono la cosa molto "iperuranica". Mmmh ... Meglio: con anni di ritardo dalla lettura sul tuo blog vidi poi Espiazione. Effettivamente era un film che faceva male, ma anche troppo. C'è qualcosa che non va in tutto ciò, pur se non riesco a identificarlo bene.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.