Jump to content
Pluschan
  • entries
    20
  • comments
    247
  • views
    25,121

About this blog

Brevi racconti di un padre Nerd/Otaku/Geek alle prese con la figliolanza che cresce

Entries in this blog

kevin8

kevin9 è cresciuto conoscendo Star Wars attraverso i set Lego. Per cui è risultato molto semplice presentare i personaggi per i nomi originali, non essendoci alcun condizionamento precedente...

 

L'anno scorso ho deciso di iniziare a fargli vedere la serie Star Wars The Clone Wars. Io la trovo una serie discreta. Certo se sei malato di Star Wars passi sopra le magagne tecniche e ti lasci convincere dai mezzi spaziali, però anche da esterno direi che ha degli episodi molto ben sceneggiati e la mugliera sostiene che gli aforismi ad inizio episodio sono la parte più bella...

 

Ma non divaghiamo. La serie intriga kevin9 che passa buona parte della cena con la bocca spalancata e la forchetta a metà strada tra il piatto e il cibo. kevin9 2.0 anche se ancora piccolo ed incapace di comprendere a pieno trame e sviluppi si diverte e asseconda la madre parlando come R2D2...

 

Dopo cena è un fiorire di astronavi costruite con il Duplo e di battaglie, con il barattolo (kevin9 2.0) a fare costantemente il cattivo e i distruttore... non per niente lo chiamiamo Attila.

 

Visto il buon risultato di ascolti e di coinvolgimento, ho deciso di provare a far vedere anche i film.

 

Ovviamente ho pensato di seguire l'ordine storico anzichè cronologico...

 

Grosso errore! Ok, è vero! C'è la parte del "Sono tuo padre!", c'è la parte del "Tuo padre è stato ucciso da Lord Fener!" però, cosa vuoi che capisca un bambino di 6 anni...

 

Ma dato che sono fatto così, ho ritenuto che potesse funzionare.

 

Tra l'altro, aggiungo... far vedere una serie a un bambino partendo da metà è un vero casino. Troppi conti non tornano!

 

In questo caso specifico, abbiamo visto Star Wars 2,5, poi il 4-5-6, poi l'1-2-3, quindi più incasinato di così non si può...

 

Ma partiamo con la visione dell'episodio IV e già il figliol prodigo si chiede chi sia C1P8... Appare Darth Vader e k9 "Guarda Darth Vader!"... Ma poi lo sente chiamare con il nome che mi dicono sia stato deciso dagli appassionati di Star Wars italiani... anzi no, dai girellari di Guerre Stellari, e mi va in confusione... "Ma perchè si chiama Fener? Chi è Fener?" E a me, memore del periodo universitario in cui in appartamento avevamo un TV CRT 14" marchiato Fener, viene lo schifo e spero che la mia discendenza impari presto l'inglese per poterli vedere nell'idioma originale...

 

Così metto in pausa e spiego perchè in Italia un gruppo di sfigati inutilmente ignoranti e intellettualmente limitati si sia permesso di cambiare i nomi senza motivo... Chiunque con un minimo di buon senso capisce che cambiare un nome per un altro non è una scelta logica, nemmeno se il personaggio in originale avesse il nome "esotico" Peppino Sventravergini..., perchè negli anni 70 per un italiano adulto qualsiasi avrebbe fatto differenza sentire Fener o Vader? C1P8 o R2D2? Ian Solo o Han Solo?

 

...

kevin8

DUE ANNI

Sono ormai passati due anni dalla morte di mio zio. Due anni molto duri.

 

Avrei voluto scrivere quanto fosse stata importante la sua figura, congiuntamente ai miei genitori, ma mi sono accorto che avrei ceduto al lato patetico di tutta questa cosa. E non voglio cedere al lato patetico.

 

In questi due anni non ho smesso comunque di piangerlo, sembra strano ma è così. Dici sempre, e te lo senti dire, che con il tempo le cose passano e le ferite guariscono. In realtà mi sono reso conto che, in fondo, le ferite restano sempre aperte... semplicemente si impara a conviverci, si guarda avanti senza cercare di pensarci troppo e fortunatamete viviamo delle vite abbastanza piene, frenetiche e impegnate per cui ci si ritrova a tornare a pensarci di notte o nelle poche occasioni in cui ci troviamo da soli. Ed è una fortuna, perchè se dovessimo davvero fermarci a pensare a certe cose, semplicemente impazziremmo.

 

In questi due anni mi sono anche reso conto di cosa voglia dire seguire l'amministrazione dell'azienda, con tutte le incazzature che ti vengono e il mare di problemi che ricadono sulle tue spalle e i pensieri che ti porti a casa sempre. In effetti sono due anni che non stacco mai dal lavoro. Mai... alla faccia di tanti dipendenti che finite le 8 ore se ne vanno a casa e bon, tutto a posto.

 

In questi due anni, a detta di chi mi conosce molto bene, il mio carattere è cambiato profondamente e certamente non in meglio. Se già avevo un carattere del cazzo, immaginate adesso. In definitiva non riesco più ad essere davvero sereno.

 

In questi due anni, mi sono reso conto che se non fosse morto mio zio, non sarei mai cresciuto a livello professionale e a livello di consapevolezza, e sebbene prima fossi molto impegnato con i libretti delle macchine prodotte e con la sicurezza, il mio lavoro era più da dipendente. Ho capito che finchè hai questi grandi vecchi in azienda è difficile rendersi conto davvero cosa significhi avere un'attività in proprio e avere la responsabilità di 26 famiglie sul groppone e dover scendere a compromessi con clienti sempre pronti a tirare sul prezzo, pur di far lavorare quelle 26 persone e non fargli fare cassa integrazione, e in questo periodo, rinunciando ai tuoi utili, riducendoti ad avere uno stipendio da operaio, con tutti i rischi e le preoccupazioni che ti carichi addosso. E spesso senza avere nemmeno un po' di gratitudine da queste persone.

 

 

 

 

 

Non dimenticherò mai le parole di mio padre al telefono quel giorno, non scorderò mai quei giorni di sofferenza quando sembrava che nulla potesse tornare come prima.

 

Ma c'è ancora tanto da fare e tanto da migliorarsi e crescere.

 

Ciao zio.

kevin8

E' un po' che non scrivo, anche perchè ultimamente kevinove è stato abbastanza standard... nessuna uscita particolare...

 

Sarà il periodo...

 

Anyway, ieri mattina ero tutto intento alla costruzione di un Millenium Falcon prodotto da Lego e ovviamente k9 mi assillava con le solite pretese di costruirlo lui (ormai il gusto di assemblare qualcosa in santa solitudine ce l'ho solo con i Gunpla...).

 

Apro il primo sacchetto e ovviante inizio a costruire le minifig... Darth Vader, Leia, Han, Chewbacca, Luke e Obi... Attirato da tutti questi personaggi e completamente ignorante della saga di Star Wars, iniza a chiedermi ...

 

"Perchè questo qui sembra un barboncino?"

"Non è un barboncino... è uno Wookie ed il suo sport preferito è strappare gambe e braccia ai bambini che lo chiamano barboncino..."

"...e perchè questo qui è tutto nero e sembra un mostro?"

"non sembra un mostro, è Darth Vader, ed è mezzo uomo e mezzo macchina"

"Ma perchè ha la faccia piena di segni?"

"perchè è stato ferito e sono rimaste le cicatrici..."

"Ma Bart Valter è cattivo?"

"Darth Vader, non è completamente cattivo, ma si comporta da cattivo"

"E questo qui?"

"Questo è Luke Skywalker"

"Ed è buono?"

"Sì, lui è buono, e quello con il cappuccio è Obi-Wan Kenobi, il maestro di Luke"

"E perchè loro hanno la spada azzurra e Darth Vader ce l'ha rossa?"

"Perchè Darth Vader è un Sith, e i Sith hanno la spada laser rossa. I cavalieri Jedi l'hanno di altri colori, azzurra, verde, gialla..."

"Ma allora Luke è un Jedi?"

"Sì"

"Papà, posso giocarci un po?"

"Gioca gioca..."

 

E mi posso dedicare alla costruzione in santa pace, mentre kevinove gioca in maniera come al solito barbara...

 

Dopo pochi minuti...

 

"Ptu ptiu, brang..."

"Darth Vader, non puoi essere cattivo, io ti sconfiggerò!"

"Luke, tu devi unirti a me e saremo forti!"

"No mai! un jedi non sarà mai con un spit"

"Aaaargh! combatti! Ptiu! Ptiu! Sbang!"

"Argggghh! Adesso ti colpisco! Ecco, sei ferito!"

"No Luke!"

"Aaargh! I spit sono cattivi e io li uccido!"

"No, i Jedi sono cattivi"!

"Hai ragione, i Spit sono cattivi e anche buoni, guarda c'è un vulcano e la lava. e noi combattiamo nella lava!"

"Dobbiamo fare attenzione, la lava brucia!!!"

"E io ti butto nella lava perchè non eri buono e ti brucio le gambe!!!"

"Arrghhh, le gambe! Argghhh! Mi hai sconfitto!"

"Tu dovevi essere buono, invece sei diventato cattivo!"

 

Si intromette mia moglie, beffarda...

 

"Luke io sono tuo padre!"

 

kevinove "Cos'hai detto!"

 

Io "Noooo, bastarda, spoileratrice infame!!!

 

Mio figlio mi guarda strano...

 

Mio figlio è George Lucas....

kevin8

Teletubbies strike again

...e così il padre X stava costruendo l'ultimo edificio modulare da portare la fiera di Castello d'Argile (BO)... Il figlio numero 1 seguiva divertito e aggiungeva pezzetti a caso, dove, secondo il suo gusto personale, avrebbero donato quel tocco divertente. Il figlio numero 2 sul passeggino, guardava e si lamentava lanciando richiami e urletti per attirare l'attenzione che in quel momento gli era negata. Infine la consorte di X stava caricando la lavastoviglie.

 

Dopo pochi minuti numero 1 su alzò e chiese al padre di passare. Dato che difficilmente numero 1 si allontanava dalla zona di costruzione, se non per andare in bagno e vista la scarsa dimestichezza con la carta igienica che normalmente aveva, X chiese il motivo di tale allontanamento...

 

Numero 1 rispose che voleva andare a guardare la televisione e il padre incautamente lo permise...

 

 

 

 

 

 

...dopo pochi minuti, dalla sala adiacente arrivarono suoni gutturali e risatine idiote... il padre X andò in allarme: qualcosa all'interno di quel miracoloso elaboratore che è il cervello umano scattò e in lui si accese un'urgenza, la stessa urgenza che spinge una madre a raggiungere la camera del figlioletto durante un incendio, l'urgenza di chi sente che la propria prole è in pericolo e che, sebbene con un rischio altissimo per la propria incolumità, può solo tentare di salvarla...

 

Numero 1 era lì, gli occhi spalancati a pochi centimetri dallo schermo e dall'altra parte del cristallo, come dal pozzo più profondo dell'inferno, vide che 4 idioti travestiti da sfigati con un televisore sulla pancia erano lì a minare l'intelligenza della sua discendenza...

 

Urlò e si gettò sul telecomando, ma era troppo tardi! I danni erano ormai irreversibili...

kevin8

Dovete sapere che fondamentalmente sono uno che per le donne ha fatto cose abbastanza da matti...

 

Senza elencarle tutte, possiamo andare dall'autoproduzione di un fumetto a strisce, al gettarsi da un maggiolone in discesa mentre ero attaccato dietro...

 

Ma queste sono altre storie.

 

 

Mia moglie, compagna di vita da ormai 7 anni di convivenza, prima di tutto era un'amica. Un'amica a cui raccontavo, senza mezzi termini, avventure e gesti folli di corteggiamento... dato che era perfettamente al corrente di ogni sciocchezza avessi combinato nel "disperato" tentativo di conquistare la tipa di turno, ci rimase piuttosto male quando ci mettemmo insieme nel modo più tranquillo possibile...

 

Io ero piuttosto imbarazzato... avevo una compagna che teneva botta e mi sopportava, ma senza aver compiuto alcuna pazzia. Era qualcosa che urtava, e in parte urta ancora, il mio lato più sregolato.

 

Non avrei mai voluto sposarmi, perchè non ho mai creduto che per far funzionare un rapporto servissero intermediari o pezzi di carta. Sono ancora della stessa idea, però, decisi di fare la pazzia di chiederle di sposarci, quando fummo sicuri che kevinove sarebbe arrivato.

 

Ma io odiavo il matrimonio e odiavo anche non aver mai fatto qualcosa di veramente epico per lei che stava per darmi un figlio. Così tramai un piano (piuttosto costoso).

 

Ho un carissimo amico orafo di Alessandria.

 

Le proposi di acquistare le fedi da lui, per risparmiare qualcosa e prendere degli anelli che fossero diversi dai soliti che si vedono in giro.

 

D'accordo con lui, iniziai ad organizzare tutto. Lei non doveva sospettare nulla.

 

Avrei disegnato due fedi speciali, con intarsi e fuse in platino.

 

Così, alla sera fino a tardi e nei pomeriggi di sabato e domenica, iniziai a produrre schemi su schemi per le decorazioni, mi procurai un'anelliera per avere le misure e lavorai davvero sodo.

 

Nel frattempo riuscii a conoscere una persona che per lavoro faceva progettazione solida, un colpo di fortuna!

 

L'anello maschile doveva essere pesante e presentare disegni geometrici e intrecci rettilinei. Per la decorazione centrale mi ricordai di una vecchia Softco che aveva come simbolo un diadema con i Silmarilli, così rifacendomi a quanto ricordavo, creai una specie di Tao, ma con tre sezioni.

 

L'anello femminile doveva dare l'idea di leggerezza e sinuosità, creai un leggero intreccio di viticci e come decorazione centrale una rosa stilizzata.

 

Hanno molto delle decorazioni celtiche.

 

Una volta creata la striscia corrispondente al diametro esterno, in scala, andai a trovare il disegnatore.

 

E qui dovetti crearmi delle scuse per uscire di casa.

 

Mi è capitato raramente di raccontare balle... in genere cerco di evitarlo, perchè sono un pessimo giocatore di poker e mi si legge tutto subito... Sono uno che non tiene nemmeno il brodo (come dicono dalle mie parti) per cui fu anche difficile tenere tutto segreto...

 

In realtà lei iniziò a sospettare qualcosa... anche se non capiva esattamente cosa stessi combinando...

 

Nel frattempo kevinove era nato e fortunatamente il progetto era quasi finito. All'inizio dell'anno nuovo eravamo pronti ad andare ad Alessandria a vedere un po' di anelli e lei scelse quelli che proprio le piacevano.

 

Un successo!

 

Ma il disegno intricato e soprattutto il materiale, costrinsero il mio amico ad appoggiarsi a tecnologie diverse da quelle usate di solito (creazione del campione con la cera, creazione dello stampo con cera a perdere e poi fusione del gioiello), cercando invece orafi che avessero macchine a controllo numerico che lavorassero direttamente il grezzo dell'anello con frese e quant'altro.

 

Alla fine, l'anello di mia moglie venne lavorato con una macchina a taglio laser, mentre il mio con un più tradizionale centro di lavoro multiassi.

 

Un paio di settimane prima del matrimoni andammo a ritirare le fedi...

 

E qui ci furono due sorprese.

 

La prima per mia moglie che si ritrovò due anelli completamente diversi e sicuramente migliori.

La seconda per me, perchè gli anelli erano entrambi cannati!

 

Infatti chi aveva lavorato a laser aveva lasciato il platino con delle orrende bruciature, mentre chi aveva lavorato con il centro di lavoro, aveva cannato la scala del disegno.

 

No problem, il mio amico avrebbe fatto rifare il mio anello e avrebbe lucidato quello della moglie.

 

Il giorno del matrimonio, finalmente arrivò con le fedi, consegnate la mattina stessa.

 

Eccole...

 

gallery_27_71_420751.jpg

kevin8

gallery_27_71_266733.jpg

 

Metti un manipolo di coraggiosi geek che si ritrova nella città del fumetto per antonomasia e... non c'è nemmeno la Fiera!!!!

 

Gran bella serata, kevinove si è innamorato per l'ennesima volta e stava per rapire la figlia di Mike.... questo avrebbe dato inizio all'ennesima guerra, ma visto che alla fine ha desistito... meglio così!

kevin8

Kevinove è in fissa con alcune cose.

 

Tra queste c'è sicuramente Spiderman (rigorosamente con il nome originale).

 

Tornando dal mare sabato scorso, siamo passati per Bologna dove avevo i fumetti da arretrare.

 

"Papi, ma qui ci sono i fumetti di Spiderman?"

 

"Sì, ne vuoi uno?"

 

"Sì, dai, evviva mi compri un fumetto di Spiderman!!!"

 

Entriamo e sceglie una raccolta della Panini con una serie di team-up... tra i vari nemici anche l'Uomo Lupo!!!

 

Mio figlio è estasiato. Io un po' meno.

 

Come al solito la Panini fa le cose con il suo stile. In copertina è un tripudio di Spiderman, dentro torna ad essere l'uomo ragno...

 

Inoltre il volume puzza in maniera esagerata, ma li stampano in cina?

 

 

Da quando ha questo fumetto, alla sera, vuole che sua madre glielo legga... :pfff:

 

Così, prima di addormentarsi....

 

 

"Uomo Ragno, sei morto! Bang bang, Pow!"

 

"Mami, ma chi è l'Uomo Ragno?"

 

"E' Spiderman, solo che l'hanno tradotto..."

 

"Ma se si chiama Spiderman, perchè lo chiamano Uomo Ragno?"

 

"Perchè è tradotto!"

 

Dopo 10 minuti di lettura e di domande, le cui risposte hanno poco senso (se uno ha un nome, il nome è quello!), la moglie viene da me affranta...

 

"Leggere i fumetti è sfiancante!"

 

:lolla:

kevin8

Kevinove quest'anno ha frequentato il primo anno di scuola materna.

 

Ora, una cosa che mi convince sempre di più è che quando l'Italia deve guardare al proprio futuro, non deve fare altro che puntare gli occhi aldilà dell'Oceano Atlantico, negli Stati Uniti. Questo, nel bene o nel male.

 

Chiunque abbia seguito serie TV americane sa che a Natale e a fine anno scolastico avviene una cerimonia con saggi interpretati dagli alunni di fronte a platee di genitori muniti di telecamera per immortalare l'evento.

 

Questa cosa avviene negli Stati uniti da decenni.

 

Quando ero bambino da noi non succedeva nulla di simile.

 

Oggi invece....

 

Oggi le maestre coinvolgono giustamente i bambini in queste attività, che possono essere ricreative, sociali e perchè no, anche didattiche.

 

Però, le nostre scuole non hanno nemmeno la metà dei mezzi e degli spazi che possono avere di là dell'Oceano. Sia chiaro che non ho interesse ad intavolare discussioni politiche ma è solo una constatazione dei fatti.

 

Allora cosa succede se il saggio viene rappresentato in una stanza di 6 m x 12, invece che in una sala convegni o in una palestra?

 

E cosa succede se in quella stanzetta ci sono accalcati circa 250 genitori e parenti? seduti su seggioline da bambini in numero insufficiente? senza nemmeno un ventilatore o finestre apribili in un'afosa giornata di fine maggio?

 

E cosa succede se l'impianto audio è costituito da uno stereo compatto con un microfono che funziona a tratti? e il saggio dura un'ora abbondante?

 

Lo spettacolo è stato anche fin troppo professionale, kevinove ha fatto la sua parte senza piangere e senza salutarci, ma il ronzio e il chiacchiericcio era insopportabile...

 

Alla fine dello spettacolo c'era da fare la lotteria...

 

Bon, non c'è stato verso. La mandria era già in piedi, vociante, e la maestra non riusciva nemmeno a farsi notare.

 

Un'altra occasione per aumentare la mia misantropia... l'essere umano lo tollero davvero poco quando si muove in mandria...

kevin8

Se avete a che fare con dei bambini, sicuramente conoscerete la serie Benten.

 

Dico subito che non la trovo malvagia, anzi, secondo me , per dei bambini è un ottimo prodotto, certamente meglio di tante schifezze che ci sorbivamo noi 30 anni fa.

 

Kevinove di solito non lo guarda, ma vuoi a causa della frequentazione dell'asilo, vuoi per i prodotti che appestano ogni supermercato, direi che lo conosce abbastanza bene.

 

Ieri andiamo a fare la spesa e mia moglie lo veste con un completo di Benten regalato dai nonni (è l'ultimo grido vestire il bambino con i personaggi dei cartoni animati... l'hanno mai fatto con noi?)

 

In macchina inizia a raccontare di Benten:

 

"Papi, hai visto cos'ho addosso?"

"Sì, bello."

"E' Benten, sai?"

"Ah, lo so, lo so!"

"Sai che si trasforma in mostri?"

"Ah sì?"

"Sì, sono 10 mostri, infatti si chiama Benten!"

"Vero, perchè..."

"...ten vuol dire 10!"

"Bravo numero 1"

"Lo sai che cosa voglio?"

"Cosa?"

"Voglio la casa di Lego di Benten, sennò dove mette tutti i mostri?"

"Ma la Lego non ha fatto la casa di Benten!"

"Ma io la voglio, come faccio?"

"Beh, se vuoi compriamo i pezzi e te la faccio..."

 

Facciamo la spesa e gli compro una scatola di Lego per fargli sta benedetta casetta...

 

Al ritorno ci fermiamo alla pizza da asporto per prendere la cena.

 

kevinove da sempre interessato alla propria carriera da pizzaiolo, chiacchiera con il proprietario del locale e ad un certo punto torna a parlare di Benten:

 

"Sai che questo è Benten e si trasforma in 10 mostri?"

"Davvero? Chissà che bello!"

"Sì, ma sono mostri buoni, che combattono contro i mostri cattivi!"

"E vincono?"

"Certo, ma anche Gundam, lui sì che è buono! Invece il Sazabi e lo Zaku sono cattivi e perdono, infatti il mio Zaku è tutto rotto!"

"Cus'el?"

 

L'ho rovinato!

kevin8

kevinove...

gallery_27_71_12189.jpg

 

A volte è insopportabile e vorresti spegnerlo per qualche ora.... il più delle volte è l'unico reale motivo per cui non molli tutto e te ne vai altrove, lontano dai problemi, dai pensieri, dallo stress e dalla frenesia della vita odierna...

 

E anche se in questo periodo sta ancora mettendo alla prova la mia pazienza cercando il limite massimo a cui può mirare a livello di indipendenza (meritandosi una bella serie di punizioni), devo dire che resta adorabile.

 

L'altro giorno ho finito di sistemare un vecchio Sazabi (il nemico dell'amico di Gundam) e un RX93 Nu Gundam (l'amico di Gundam). Inutile dire che sta iniziando a giocarci in maniera diversa e mi sta stupendo parecchio. Infatti, dopo la brutta esperienza dello Zaku, andato in briciole dopo poco tempo, adesso si diverte a metterli in posa sulla mensola o sul tavolino... a cambiare le armi, a portarseli in camera da letto di notte...

 

Devo preoccuparmi?

kevin8

Pochi minuti fa.

 

Numero uno si deve lavare le mani nel suo lavandino (il bidet), così apro l'acqua al massimo della velocità e al minimo della temperatura. Dopo qualche secondo è già lì che si lamenta e piagnucola che è troppo fredda...

 

"No, papino, è troppo fredda, io la voglio calda!"

"No, numero uno, te la becchi fredda e fai alla svelta!"

"Ma io la voglio calda!" e inizia a frignare...

"No, te la prendi fredda perchè così le dita si ghiacciano e io mi mangio i ghiaccioli!"

"No, non voglio, le dita sono mie!"

 

Mi punta un dito e io lo inghiotto completamente!

 

Tira via in fretta e corre dalla madre urlando che gli voglio mangiare le dita, lei risponde che papino è matto e di dirmi di non farlo più, lui torna.

 

"Non devi farlo più, di mangiarmi le dita che mi servono. Tu sei matto!"

 

Facendo questo mi punta il dito e io gli prendo in bocca tutta la mano!

 

E' dura crescere con un cannibale come padre...

kevin8

Sono un ateo.

 

E un materialista, per cui ciò che c'è "oltre" per me semplicemente è il frutto della continua ricerca di risposte dell'uomo.

 

E sono anche convinto che eliminate dalla terra le religioni e gli dei, staremmo tutti un tantino meglio.

 

Detto questo... mia moglie è credente, non praticante (da vera pigra), ma credente. Io evito di approfondire il discorso che meno so e meglio sto, ma una frecciata ogni tanto gliela lancio volentieri.

 

Per quieto vivere mi sono sposato in chiesa e già che c'ero ho anche fatto battezzare kevinove... 3 anni fa, però, il prete del mio paese era abbastanza sbrigativo... ricordo che quando presi la dolorosa decisione di sposarmi in chiesa, andammo a colloquio dal prete per fissare la data:

 

"Cusa ghet!?"

 

"Buongiorno, vorremmo fissare le date del matrimonio."

 

"Va ben, gni denter!"

 

Entriamo in canonica con kevinove, all'epoca ancora molto piccolo...

 

"Ma và che bel putin! Cumas'chamal?"

 

"kevinove, don, vorremmo anche battezzarlo."

 

"Va ben, fisem la data!"

 

Fissiamo la data, dopo di chè, mia moglie chiede per il corso prematrimoniale

 

"Al curs, ma va! A ghi 'n putin, che curs vet far? A go gnint de insegnat!"

 

Cerimonia con battesimo, durata circa 40'!

 

Un mito... tra l'altro iniziata senza la suocera che era n ritardo (per questo si è meritato 100 euro in più nella busta!)

 

Adesso, io penso, ha avuto il battesimo di numero 1, il matrimonio in chiesa... il numero 2 me lo lascerà crescere da ateo?

 

Ma no. Ha fissato la data del battesimo con il nuovo prete (purtroppo il vecchio è stato male un paio di mesi dopo il nostro matrimonio), il quale pretende che andiamo una volta da lui a riflettere sul significato del battesimo...

 

Così, giovedì, dopo avermi servito una bella porzione di pasta al forno e il gelato, la mia dolce metà inizia...

 

"Sai che ho visto il prete?"

"Bella roba, io il prossimo figlio non lo ricoosco!"

"Lascia lì, ho preso l'appuntamento per parlare del battesimo"

"E cioè?"

"Domani sera..."

"Ma scherzi, a che ora?"

"Alle 9, dopo il rosario..."

 

Io già arrivo al venerdì che mi trascino a casa e non vedo l'ora di riposarmi, quindi l'idea di dover uscire per andare da un sottanone, mi lascia un poco perplesso...

 

"Ma zio cane! Ma che cazzo vuole sto rompicoglioni al venerdì sera, ma vaffanculo lui e tutta la chiesa! Cazzo vuole!"

 

"Ma dai, vedrai che facciamo in fretta!"

"In fretta un cazzo, questo qui fa messe da due ore, figurati che cazzo avrà da dirci! e i bambini?"

"Li lasciamo dai tuoi"

Triick, Traack....

 

"No, un par di balle, kevinove 2.0 lo prendiamo su, e lo tengo in braccio, così lo faccio piangere tutto il tempo."

 

"E figurati!"

 

"Ma anche tu, ma prendi un appuntamento ad un altro orario no?"

"E quando lo facevo? di giorno lavori!"

"Ma venivo via un po' prima...."

 

E via con altri improperi...

 

Ho avuto il tipico aplomb da inglese, ovviamente nulla scalfisce la mia indifferenza...

 

Arriva il venerdì, ovviamente ci sorbiamo mezz'ora di rosario perchè hanno sforato un po'.

 

Alle 9:30 finalmente entriamo nella canonica, nel suo studio... e qui è il tripudio degli orologi a muro, abbastanza inquietante per uno che poi non rispetta una durata che sia una...

 

La prima notizia mi sconcerta non poco... quel giorno ci saranno 6 battesimi e la messa si prolungherà un po', dice lui... (ok, superiamo le due ore!)

 

Poi inizia tutto un discorso sul significato del mettere al mondo un essere umano che è anche un cristiano, sul fatto che il padre deve essere guida spirituale e trasmettere la fede nel padre, nel figlio e nello spirito santo, sul fatto che entrerà a far parte di una comunità (di bigottoni penso io), sul fatto che l'abbiamo messo al mondo senza costrizioni e per libera scelta...

 

Poi riprende sul fatto che il padre è una figura importante perchè anche Dio è padre e quindi il padre deve essere un esempio di Dio (e io guardo in alto e penso che c'è qualcosa che non quadra, e intanto pizzico le chiappe del numero 2, ma questi da vero bastardo guarda ammirato il prete e sorride) e crescere i figli nella fede , da buoni cristiani, come è lui, il padre, un buon cristiano, e che tutta la crescita da buon cristiano in una comunità di buoni cristiani sarà agevolata dal padre buon cristiano e dai buoni cristiani della comunità, e che dovrà anche imparare a crescere indipendente, perchè la vita è dura e comunque c'è la comunità dei buoni cristiani che lo aiuteranno...

 

Il discorso va avanti così toccando temi come il libero arbitrio, che ce l'abbiamo, è vero, ma solo se stiamo fuori dalla chiesa, finchè ad un certo punto chiedo:

 

"Okay, tutto molto bello che io sono un buon cristiano e lui cresce come buon cristiano, ma se a 18 anni mi dicesse: Papà, io mi sento buddista?"

 

"Come?? Tu sei buddista?"

 

"Io? Nono, ma quale buddista? Se numero 2 diventasse buddista cosa succede?"

 

Lui mi guarda perplesso fino a quando mia moglie interviene:

"Guardi che sta scherzando!!!"

 

"Ah, ma pensa!"

 

E riprende finchè finalmente alle 10 e un quarto, riesco a far strillare numero 2.

Mia moglie:

"Sa, è stanco, a quest'ora dorme già da un po'!"

 

"Ma adesso finiamo, diamo un'occhiata al libretto"

45 pagine!" Quarantacinque pagine! Q U A R A N T A C I N Q U E P A G I N E !!!!

 

Dargli un'occhiata? Ma di che cazzo hai parlato finora?!?

 

Ci racconta la funzione fin quando arriva alla parte dell'acqua:

 

"Qui poi prendiamo dell'acqua benedetta..."

"Usate l'acqua San Benedetto?"

"No, usiamo dell'acqua di rubinetto che viene benedetta!"

"Ah, capisco"

"Non lo ascolti don, gli piace scherzare!"

 

SiaMo venuti via alle 11:00... domenica prossima, quando sarete a tavola, pensate a me...

kevin8

Oggi sono abbastanza alterato...

 

Ieri ho ricevuto per l'ennesima volta l'avviso che il pacco in arrivo dal Giappone era in giacenza presso l'ufficio postale del paese vicino, a 6 km da casa...

 

Non è la prima volta che capita e non sarà nemmeno l'ultima. Le poste italiane, ormai, sono troppo impegnate a raccogliere i soldi dei correntisti, a vendere cazzate agli sportelli e a fare da gestori di teleagonia mobile, per cui il semplice servizio di recapito posta sta diventando via via sempre più superfluo, tanto più che da maggio la posta non verrà più recapitata al sabato...

 

Non dimentichiamo che tanti venditori online non spediscono più in Italia e che cmq qui al nord la situazione è ancora accettabile...

 

Però, se pago una spedizione fino a casa e poi pago il 20% di IVA e altri soldi per la spedizione, il minimo che pretenda è che il pacco mi sia recapitato per lo meno all'ufficio postale del paese.

 

Invece no, fanno lo smistamento altrove, il postino ha un motorino scassato e io devo perdere un'ora per andare a ritirare quello che dovrebbe arrivarmi a casa.

 

Bon!

 

L'avviso riportava la dicitura "In giacenza perchè pacchi molto voluminosi".

 

Stamattina vado nell'ufficio postale a 6 km di distanza.

 

Dopo 3/4 d'ora di attesa in coda, finalmente tocca a me.

 

Presento l'avviso e chiedo se il camion basta per caricare i pacchi voluminosi. La tipa mi guarda e sorride, poi vede l'avviso e si lamenta che non sono ancora stati lavorati e che dovevano scrivere di ritirare dopo le 11 (quasi 24 ore per passare l'etichetta del codice a barre nel lettore e scrivere due cazzate al PC). Mi fa il favore di consegnarmi i voluminosi pacchi lo stesso. Uno è una busta imbottita con dentro 20 g di pezzi di Lego sfusi, l'altra è una scatola da 30x20 cm di HLJ... voluminosi... Pago 15,90 euro per la dogana e il trasporto a casa.

 

A questo punto chiedo cosa fare per chiedere il rimborso. Lei mi guarda esterrefatta e mi chiede di cosa parlo.

 

"Se pago per la consegna a casa mi aspetto che il pacco mi venga consegnato a casa e se per un vostro disservizio e non per mia colpa, sono costretto a venire qui a ritirarlo, di sicuro mi dovrete un rimborso."

"Ma noi come facciamo, il postino non riesce a portare i pacchi, ha già la posta!"

"Questi non sono problemi miei, sono problemi vostri ed è sbagliato farli ricadere su di me!"

"Eh, ma per una volta cosa le costa?"

"Mi costa che ho perso un'ora per venire qui e aspettare che deste la pensione a un branco di rincoglioniti che ancora si fidano a lasciarvi i loro averi! Mi costa che pago per una spedizione e voi non la fate!"

"Però noi non sappiamo come fare, perchè i pacchi vengono smistati qui!"

"Torno a dire che sono problemi vostri e che voglio un rimborso!"

"Sentirò il responsabile!"

"Senta il responsabile, aspetto o mi fa sapere?"

"Le faccio sapere, però non so come faremo!"

"Non fatemi pagare il trasporto, se non siete in grado di farlo, o lasciate che la consegna di pacchi e posta venga fatta da gente competente, visto che non siete in grado di farlo!"

"Le farò sapere!"

"Non mi chiede nemmeno un cellulare per farmi contattare dal responsabile?"

"Ah, vero!"

 

 

Scommetto che non riceverò chiamate, ma tra una settimana torno.

 

Io non mollo, adesso ne ho le palle piene.

 

 

 

 

Altro episodio che riguarda le Poste....

 

Mio zio aveva un libretto di deposito nell'ufficio postale del paese, non chiedetemi perchè, io piuttosto di dare soldi alle poste, mi strappo un braccio e poi lo uso per picchiarmi...

 

Cmq, alla sua morte, è stato attivato tutto l'iter della successione.

 

A distanza di 5 mesi non abbiamo ancora una dichiarazione di giacenza delle Poste. Dalle altre banche con cui lavorava lui, l'abbiamo avuta in una quindicina di giorni, dalle Poste abbiamo avuto una dichiarazione in cui si attesta che la Giacenza arriverà in data da definirsi. Non lo sanno nemmeno loro...

 

Ora, siamo fortunati ad essere benestanti... siamo fortunati che le giacenze delle altre banche sono state fatte e a breve gli eredi di mio zio potranno entrare in possesso di ciò che gli spetta, però se mio zio avesse avuto tutti i propri beni in posta?

 

Mia zia e i miei cugini dovrebbero aspettare altri mesi, forse un anno... perchè? e poi, perchè ci obbligano ad andare dal notaio una seconda volta per fare una integrazione?

 

Se avete conti postali, libretti postali, pensateci. Magari vi promettono tassi agevolati, zero spese e una macchinina maisto in regalo, ma quando è il momento di fare qualcosa di serio, si tirano indietro. Chiedete quanto tempo ci vuole a chiudere un conto, poi mi direte...

 

 

 

 

 

Fortuna che c'è kevinove.

 

Ieri lo porto da mio padre per piantare le fragole nell'orto...

 

Dopo aver ripetuto una decina di volte le fasi della piantumazione se ne è uscito così:

 

"Adesso serve il rosso!"

"Perchè?"

"Per pitturare le fragole!"

"Ma non hanno bisogno di essere colorate!"

"Ma sì! Non vedi che sono verdi???"

"Ma perchè sono acerbe! Diventano rosse con la maturazione!"

"Ma è vero! Perchè prendono l'energia dal sole!!! Come Daitarn 3!"

 

Questa poi non so da dove l'abbia sentita, magari qualche volta mostrandogli il SOC, gli ho detto che dal disco rosso caricava sparava l'energia solare caricata, boh?

kevin8

Io non sono un uomo!

L'altra sera ci guardiamo finalmente PonPoko. Finalmente perchè erano settimane che il DVD languiva sulla libreria e perchè erano settimane che, per un motivo, o per l'altro, non riuscivamo a guardare qualcosa che superasse i tre quarti d'ora di durata, e PonPoko dura quasi due ore...

 

Comunque decido di vederlo, numero uno chiede cosa guardiamo e mi limito a dire che si tratta di una storia su un gruppo di "procioni" che si trasformano e fanno scherzi agli uomini... Inutile affrettare conclusioni per un bambino di 3 anni e mezzo... ma questo dimostra quanto io sia ancora acerbo come genitore e quanto i bambini siano sorprendenti quando lasciati da soli a trarre le loro conclusioni. In questo forse a volte è meglio cercare di non influenzarli con le nostre idee...

 

Ho amato PonPoko, per tutta la durata del film, mi è piaciuto il messaggio che ha mandato Takahata e mi è piaciuta la "leggerezza" con cui è stato trattato l'argomento, nel senso che il messaggio arrive senza essere pesante e senza annoiare. Un pregio di un grande comunicatore secondo me è quello di riuscire a trasmettere anche concetti difficili senza annoiare la platea...

 

Iniziamo la visione e N°1 si appassiona, ci sono gli animali antropomorfi, ci sono le trasformazioni... tutto molto disneyano direi. Ma quando i Tanuki iniziano a fare danni alle macchine da lavoro, inizia ad assumere un'espressione perplessa... si volta e mi dice:

 

"Ma perchè rompono le ruspe? I TaRuki sono cattivi!"

"No, i Tanuki non sono cattivi, guarda bene che poi capisci perchè!"

 

Proseguiamo la visione e torna a divertirsi, quando i Tanuki iniziano a fare dispetti e scherzi per spaventare gli uomini e si susseguono trasmissioni con queste notizie, torna sereno.

 

Poi però mi guarda e mi chiede: "Perchè gli uomini tagliano gli alberi? Perchè distruggono il bosco dei TaRuki?"

 

E lì vado un po' in imbarazzo... cosa rispondi ad un bambino di 3 anni e mezzo? Che l'uomo è l'animale più stupido, egoista, autolesionista che abiti questo pianeta? Che non esita a sacrificare gli altri animali per cementificare ovunque?

 

"Perchè spesso gli uomini non capiscono il male che fanno alla natura... perchè se sapessero quanto possono essere speciali i Tanuki e gli altri animali, gli lascerebbero lo spazio per vivere... ma non è così e l'uomo fa dei veri disastri naturali..."

 

Lui mi guarda ancora più perplesso, io resto in attesa che dica qualcosa... intanto guarda lo schermo con il film in pausa (il tasto pausa è la più bella invenzione dell'Home video, soprattutto per chi ha bambini piccoli che parlano spesso durante la visione).

 

"Ma allora tu sei cattivo?"

"Perchè?"

"Perchè sei un uomo e fai male alla natura!"

"Beh, a volte sì, ma anche tu sei un uomo!"

"Io non sono un uomo, io sono un bambino. Un bambino medio!"

"Però dai le sberle a Bilbo quando lo trovi a dormire sul tuo letto, e fai scappare la Bia!"

"Ma loro non sono TaRuki, loro non si trasformano!"

"Oh bella, ma sono animali e dovresti trattarli bene! In più sono i nostri animali!"

"Io non sono cattivo, io sono un bambino!"

 

Smetto per non fargli perdere autostima e continuiamo arrivando al punto in cui la polizia antisommossa uccide i Tanuki ribelli.

 

kevinove si mette a piangere, non capisce perchè i Tanuki debbano morire, inutile spiegargli, ma alla fine del film ha una folgorazione:

 

"L'uomo è cattivo e i TaRuki devono diventare uomini per sopravvivere... ma allora anche io devo diventare uomo?"

"Prima o poi diventerai grande e comunque sei già un uomo perchè è la tua specie..."

"Ma anche gli altri animali devono diventare uomini?"

"No, ma purtroppo devono adattarsi a noi per sopravvivere perchè noi non ci adattiamo, noi cambiamo la natura per vivere meglio"

"Papi?"

"Cosa?"

"Io non voglio diventare grande!"

 

 

 

 

Neanche io lo volevo...

kevin8

L'attesa di un figlio è un periodo di grande trambusto, enormi rivoluzioni e ansie... da parte della moglie...

 

Noi uomini abbiamo tanti difetti, se vogliamo, ma ci basta un unico pregio, quello di portare pazienza ed imparare a staccare il senso dell'udito quando le nostre donne vanno in crisi.

 

E' abitudine di molte donne, quando sono in dolce attesa, di riempirsi di riviste e libri che spiegano cosa fare con un bambino in qualsiasi occasione e fascia di età. Non solo, esistono manuali (esecrabili) che durante la gravidanza indicano patologie e conseguenze per ogni sintomo, in modo tale da anticipare qualsiasi ginecologa...

 

Per lo più io le prendo come le varie riviste da donne, 90% di fregnacce, 10% di interesse (le foto delle modelle)... però, non c'è nulla da fare, è più forte di loro e passano 9 mesi + tot anni a preoccuparsi e a leggere questi articoli... articoli che tra l'altro vanno spesso in contraddizione tra loro, ma non importa, perchè come con la sibilla cumana, qualsiasi cosa dicano sarà sempre veritiera. In quel periodo, la nostra funzione è praticamente solo quella di cercare di tranquillizzarle... così, partecipi al corso pre-parto e cerchi di acquistare quello che lei crede indispensabile ma che sai già che non userai mai.

 

Nell'ordine, vi segnalo alcune cose che stanno ancora lì a prendere la polvere e non sono state rispolverate nemmeno per il figlio numero 2.

 

1- L'umidificatore dell'aria: Perchè sui libri e sulle riviste gli esperti scrivono che un neonato può sopravvivere solo in un ambiente con temperatura e umidità controllate, manco fosse un antico tomo rilegato in pelle di Brontosauro... L'abbiamo usato una volta sola, poi vedendo che si faceva una certa nebbiolina in camera e avevamo più freddo, ha ben deciso di archiviarlo...

 

2- Lo scaldabiberon: Perchè il pentolino con l'acqua ti porta via troppo tempo e dappertutto mostrano le meraviglie di questo ritrovato tecnologico... Utilizzato poche settimane con il figlio numero 2, poi non riusciva mai ad avere una temperatura per lei ottimale, quindi l'ha riposto e va di pentolino e bagnomaria.

 

3- Lo sterilizzatore: perchè qualsiasi cosa venga a contatto con un neonato deve essere sterilizzata... Abbiamo acquistato per il figlio numero 1 una bacinella che funzionava aggiungendo amuchina diluita in acqua (usare una vecchia pentola no, meglio buttare soldi per una bacinella di plastica e una pinzetta), e sembrava funzionare, ma no, per il figlio numero 2 non va più bene, adesso ci sono gli sterilizzatori a microonde... No, questo non l'ho preso, o almeno ho promesso di guardare su internet e sto ancora guardando...

 

4- Il sistema di monitoraggio continuo del battito e della respirazione: Mi sono semplicemente rifiutato di prenderlo ma ho un amico che si è piegato... risultato? Una notte il sensore si è staccato ed è stata la più brutta notte della loro vita!

 

5- Il sistema di monitoraggio (Walkie Talkie): Acquistato appena incinta, mai usato, nemmeno adesso! In pratica se lasci il bambino nella sua camera e poi vai a cucinare dovresti poter sentire se si sveglia e piange, sai com'è, abitiamo in una villa di 500 mq!!!

 

6- Il marsupio: Mai usato una volta... il neonato ha bisogno di attenzioni, i miei non lo hanno mai sopportato...

 

7- Passeggini: Abbiamo 3 passeggini, uno completo, uno medio, uno leggero... pensavo che un passeggino seguisse i primi due anni, ma evidentemente per le donne non è così...

 

8- Lo zaino porta bebè: Acquisto obbligato se sei un trekker, non se passi volentieri il sabato e domenica pomeriggio in casa...

 

 

Quando avrete figli ci saranno altre cose che salteranno fuori, d'altronde la scienza compie grandi passi ogni giorno...

 

Magari, al secondo figlio, vi dirà che dovete seguire il corso pre-parto una seconda volta, perchè chissà quali novità vi attendono!!! La mia l'ha fatto, l'ho mandata a quel paese e non l'abbiamo seguito...

 

 

In ogni caso ricordate che diventando madri, le vostre compagne sapranno quello che serve, inutile protestare!

kevin8

Premessa 1: Le Fedi Nuziali.

 

Io e mia moglie non abbiamo due fedi nuziali "normali"... e non è che abbiamo delle cose strane alle dita, sono comunque anelli, ma sono anelli unici, realizzati su mio disegno da un orafo nostro amico, quindi in caso di smarrimento, oltre ad essere molto costoso realizzarli nuovamente, sarebbe una bella rogna...

 

Premessa 2: I Bambini.

 

I bambini di età prescolare, hanno il brutto vizio di prendere in mano le cose che attirano la loro attenzione e metterle via, dimenticandosi poi del nascondiglio segreto...

 

Premessa 3: Le Donne.

 

Le donne hanno la straordinaria tendenza a sentirsi baricentriche, se succede qualcosa in ogni caso sono coinvolte, se stai pensando ai cazzi tuoi, stai sicuro che se la cosa viene notata, seguirà la tipica domanda "A cosa stai pensando?"

 

Premessa 4: Il mio Carattere.

 

Ho un carattere estremamente sanguigno, quasi paperinesco, per cui esplodo, tiro giù uno stuolo di santi, ma poi mi passa subito

 

Premessa 5: Il carattere di mia Moglie.

 

Il carattere di mia moglie è all'opposto del mio, si incazza e tiene il muso finchè non me ne accorgo e mi faccio perdonare, il problema è che spesso non me ne accorgo...

 

 

 

 

Bene, finite le premesse ecco cosa è successo giovedì scorso...

 

 

Giovedì scorso, durante il pomeriggio, me ne stavo bello bello a pulire i pezzi dell'Exia MG e per evitare di fare troppo rumore mi ero tolto la fede, appoggiandola sul tavolo. Alle 17:00 circa si sveglia kevinove e viene nella mia camera a vedere cosa sto facendo, dopo uno scambio di battute sulla pericolosità del taglierino e sul fatto che fra qualche anno gli prenderò i primi model kit da assemblare, vede la fede e la prende...

 

Mi accorgo della cosa e gli dico di metterla posto, ma mentre lo sta per fare, gli cade per terra. Sul momento non do peso alla cosa, gli chiedo di raccoglierla e di metterla a posto, senza nemmeno guardarlo.

 

In quello stesso istante mia moglie ci chiama, noi gli rispondiamo, scendiamo...

 

Mi dimentico completamente dell'anello.

 

La mattina dopo, ci alziamo presto perchè kevinove va all'asilo (io invece ho deciso di fare il ponte per rinvasare i bonsai). Al ritorno, penso al fatto che durante il rinvaso sarà meglio non avere la fede, visto che una volta mi si è sfilata ed è rimasta nella terra di un vaso, e faccio per toglierla, ma non c'è!

 

Ecco, bel problema... kevinove l'avrà riposta sul tavolo? Corro in camera, ma non c'è... inizio ad imprecare, mia moglie mi sente da sotto e mi chiede cosa succede, io scaglio un paio di strali a kevinove e inizio a cercare...

 

Non trovo nulla, guardo nella sua camera, nei cassetti... nulla... guardo per terra nella mia camera, sotto il PC, sposto le scatole dei model kit ancora da assemblare, nulla...

 

E nel frattempo le imprecazioni si accrescono, finchè la mugliera torna a chiedermi cosa è successo, ma ovviamente rispondo al massimo dell'incazzatura (ovviamente verso il figlio numero 1).

 

In conclusione dopo tanto cercare, ritrovo l'anello, per terra, infilato nella fessura tra due scatoloni...

 

Faccio quello che devo fare e la giornata per me passa tranquillamente, fino all'ora in cui kevinove si sveglia. Scendiamo e mia moglie ha un muso lungo che tocca terra... Le chiedo cos'ha, mi risponde nulla...

 

Mah, per me qualcosa ha, allora, conoscendola insisto, finchè non scopro che è incazzata con me perchè le ho urlato contro.

 

E non importa se ce l'avevo con mio figlio, no, perchè ho comunicato con lei urlando, quindi ce l'avevo comunque con lei....

 

Per cui, come al solito, non importa quello che dici, ma il modo in cui lo dici, soprattutto con le donne!

kevin8

Qualche settimana fa... prima di andare a dormire, kevinove si ferma davanti alla vetrina in sala e guarda incantato i perfect grade... dopo qualche secondo si rivolge a me:

 

"Papi, ma qui ci sono dei Gundam!"

"Sì, ti piacciono?"

"Però è più bello lo Zaku!"

"Vero, ma ce n'è uno solo...!"

"E poi mi piace quello rosso e blu"

"Il Daitarn?"

"Sì, e quello bianco con la spara spara che diventa un aereo, ma papi, perchè diventa un aereo?"

"Perchè le Valkirye quando combattono in cielo possono volare solo se sono trasformate in aereo... ma ti piacciono tanto?"

"Sì, però non darmelo che è delicato, quando sono più grande mi fai giocare (seeeee, come no!), ma adesso no che poi lo rompo... ma combatte contro i cattivi?"

"Sì, difende il pianeta"

"Ma i cattivi.... ma i cattivi, sono proprio cattivi?"

:lolla: guarda cosa mi tocca spiegare...

"No, i cattivi a volte hanno i loro motivi e non decidono di essere cattivi...."

"E allora perchè combattono?"

"Perchè? Perchè magari non capiscono che è sbagliato, a volte conoscono solo la guerra e non capiscono che si può vivere senza..."

Mi guarda non troppo convinto e mi indica la parte bassa della vetrina, indicando i Core Fighter dei PG.

"E quelli cosa sono, gli aerei di Gundam?"

"Sì, ma non sei stanco che è ora di andare a letto?"

"No, non sono stanco, ma a cosa servono gli aerei di Gundam, si trasformano in Gundam?"

"No, diventano la cabina di pilotaggio che si incastra dentro..."

"Papi, mi fa vedere come si trasformano?"

"Ufff, ok, guarda"

Apro la vetrina, tiro fuori il Core Fighter dell'RX78 e inizio a trasformarlo.

"Ma è diventato un rettangolo!"

"Beh, la forma in parte è quella!"

"Va bene, andiamo su?"

 

Andiamo su, lo cambio, mentre mia moglie pensa al figlio numero 2, lo preparo per andare a letto e poi come al solito si mette a letto con la mugliera per farsi leggere delle favole.

 

Dopo una decina di minuti, sto giocando con un videogioco su PC, si presenta.

 

"Papi, mi porti a letto?

"Ok. andiamo"

Guarda le librerie che hanno in cima le teche con i master grade...

"Ma ci sono dei robot lassù"

"Sì, li vuoi vedere?"

"Sì, dai, fammeli vedere, fammeli vedere!"

Sale in spalle in modo da arrivare abbastanza vicino...

"Ma questi sono tutti Gundam, ma qui ci sono tantissimi Gundam!!!"

"Sì, hai visto? Ci sono anche tanti Zaku!"

"Ma in questa casa ci sono troppi Gundam!!!"

 

Lo porto a letto, con in sottofondo mia moglie che ride....

kevin8

Questa è di pochi minuti fa.

 

Kevinove viene nella mia camera e come al solito si guarda intorno con la faccia di chi sa che ne sta facendo una delle sue....

 

Mi guarda mentre leggo il forum, poi guarda il calendario di Shin Mazinger e mi chiede:

"Ma questo chi è?"

"E' sempre Shin Mazinga"

"Ma... non c'è lo Zaku?"

"No, lo Zaku c'è solo in Gandam!"

"Ma chi, quello bianco che vola e usa lo sparafuoco?"

"Esatto, lo Zaku è in quel cartone animato lì!"

 

Si guarda ancora in giro...

 

"Ma qui non c'è neanche un poster con lo Zaku!"

 

PS: Lo Zaku di Char è il suo preferito...

kevin8

Sabato sera esco con amici per una pizza.

 

Eravamo io e la famiglia al completo, una coppia senza figli (il lui è il Beppe della mia campagna di DnD) che chiameremo B e S e un'altra coppia con un bimbo di due anni che in questo caso saranno M ed E.

 

Tutti i presenti hanno un'infarinatura di anime, però non sono andati oltre la girella... parlando del più e del meno M mi chiede se ho ancora tempo di fare modellini di G(u)ndam e io tranquillo gli rispondo che il tempo è quello che è, ma ne faccio ancora. Pochi, ma li faccio. B si inserisce dicendo che ho iniziato a regalarne a kevinove e ovviamente M mi guarda un po' allibito, ma lo rassicuro dicendo che sono modelli HG e che kevinove si diverte a giocarci e la cosa mi fa piacere, anche se lo Zaku ha già perso una gamba e una mano...

 

Continuiamo a parlare di G(u)ndam, e ovviamente non perdo tempo a chiarire che si pronuncia con la A e che il doppiaggio dei DVD ha la U... tanto sarebbe tempo sprecato, ma non per cattiveria nei loro confronti, semplicemente perchè penso che ognuno alla fine lo pronuncia come vuole e tante volte la U la metto anche io, mannaggia...

 

Senonchè, ad un certo punto della conversazione, kevinove, smette di disegnare autolavaggi e forni, mi guarda un po' stupito, guarda B che conosce parecchio bene e poi esclama: "Si pronuncia Gandam!!!!"

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.