Jump to content
Pluschan

Aldo

Troll
  • Content Count

    2,067
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    10

Everything posted by Aldo

  1. Il problema non è neanche tanto lo shading, o la qualità dei modelli che mi sembra comunque bassina. È che da quel poco che abbiamo visto sembrano animati malissimo.
  2. Roggè, ci hanno già fregato diverse volte, tu ti vuoi proprio fare del male. (soffro)
  3. Aldo

    Justice League

    Visto tutto d'un fiato. Piaciuto parecchio. Avevo hype sì, ma per una tamarrata alla BvS, invece mi è piaciuto sul serio. Certo, non è un capolavoro, ci sono diverse Snyderate, ma tutto sommato l'ho trovato uno dei migliori film supereroistici che abbia mai visto, e li ho visti quasi tutti pur rimanendo annoiato dalla stragrande maggioranza di essi. La durata non la trovo del tutto ingiustificata, sebbene certe parti sembrino un po' portate per le lunghe. C'è lo spazio per introdurre personaggi completamente nuovi, alcuni bene altri un po' meno. Viene anche dato tempo alle inquadratu
  4. Vabè a parte l'articolo che cerca per forza dei collegamenti con la modernità, quest'anno si fa cassa così. Vedremo se le tavole avranno una risoluzione abbastanza alta da non fare rimpiangere troppo il non poterle vedere dal vivo.
  5. @Endrius @aznable85 Su binari più seri e mio malgrado istituzionali, anche se so bene che è inutile: hai detto che hai il PC da un paio di anni; credo che la tua esperienza su internet, specie in un luogo di persone molto "navigate" come questo, possa diventare più fruttuosa se riuscissi a interpretare le cose con più leggerezza e meno saccenza. Sei arrivata in un luogo pieno di professionisti del settore, un forum dove anche chi è un semplice appassionato ha una conoscenza pluridecennale sull'argomento (sia chiaro che mi escludo dalla categoria). È anche un luogo non facile per un n
  6. Mi dispiace, la guida all'utilizzo del forum è disponibile solo in digitale
  7. Mai provato, non riesco proprio a leggere su un portatile o pc. Vista la cura con cui hanno realizzato la versione mobile non vedo perché non debba essere buona.
  8. Ecco, ora immagina di dover traslocare. Magari spesso, come accade a molti. Ammettiamo che hai la fortuna di avere Casa dei Tuoi che accettano di riempire metà cantina* di carta tua. Se hai voglia di leggere o sfogliare i tuoi fumetti preferiti, che ammettiamolo a degli appasionati come noi capita spesso, che fai? PS: se vuoi prendere il tablet, consiglio vivissimamente di comprare usato. *L'immortale carta non dura a lungo, laggiù.
  9. Mi sa che non ci siamo capiti. È una discussione soprattutto tecnica perché è una tecnologia in evoluzione senza alcuno standard, è normale che si scambino pareri su quale mezzo sia il migliore. Inoltre siamo nerd. Tra l'altro detesto la Apple ma se producono di gran lunga il dispositivo migliore per leggere fumetti non è colpa mia. È consumismo parlare pure delle serie di punta, o delle case editrici. Purtroppo o per fortuna siamo nel capitalismo. In teoria potremmo pure dire che col digitale è tutto potenzialmente gratis, ma non mi sembra il caso dato che è illegale.
  10. Purtroppo sì, all'inizio era in linea con l'alta risoluzione dei tankobon e in più avevano le pagine a colori. Probabilmente hanno diminuito per non farsi concorrenza. Mangaplus mi sa che è un po' meglio rispetto a quando fu scritto l'articolo, ed è accettabile. Pure l'abbonamento Jump è comunque meglio della risoluzione della roba italiana via Kindle Store.
  11. Purtroppo gli americani hanno sempre fatto pagare molto cari i tankobon. In più credo che le edizioni digitali dei tankobon in inglese siano viste più come una cosa "premium", visto che ormai hanno capito che chi vuole leggerli gratis lo fa e i singoli capitoli si trovano gratuitamente o quasi (l'abbonamento Viz/Shueisha mi pare costi pochissimo) in maniera ufficiale e legale. Di roba in italiano ce n'è abbastanza e a buon prezzo, ma personalmente vista la qualità preferisco il cartaceo.
  12. Su Comixology c'è l'edizione americana, che in edizione cartacea di listino costa 13.00$. Gli editori italiani scontano le edizioni digitali molto di più, ma sono ancora legati a Kindle. Se un giorno lanceranno Comixology o qualche altra piattaforma simile anche in Italia, con la qualità non penso proprio aumenterà anche il prezzo. Per quanto riguarda la fatica agli occhi, secondo me dipende molto dalla risoluzione. Ho provato, leggere su schermi troppo piccoli e/o a bassa risoluzione è orribile e assolutamente non ideale: i dpi dell'iPad Pro 12.9 sono proprio il minimo indispensabile sec
  13. Eeeh, purtroppo la qualità su certi store è pessima. In italiano direi che è quasi impossibile leggere bene cose con disegni anche leggermente complessi a causa delle limitazioni tecniche dello store Kindle: leggo solo i vari Ortolani o Zerocalcare. Per gli altri fumetti europei fortuna che c'è izneo. Viz/Jump ha diminuito vertiginosamente la qualità dei capitoli settimanali, dopo aver cominciato benissimo. I tankobon sono ancora ottimi ma non hanno le tavole a colori ed escono con una lentezza esasperante. I tablet (ma proprio un paio eh, secondo me si contano sulle dita di una ma
  14. Andare avanti non significa fare progressi, significa semplicemente adattarsi alle cose che cambiano, ma è pure superfluo dirlo. In caso contrario saremmo (siamo?) morti. Temo di non aver capito bene il discorso. È oggettivamente faticosa con uno schermo scadente, così come è faticosa con una brutta fotocopia. Purtroppo gli schermi di qualità con dimensioni e formati adatti alla lettura sono relativamente rari, ma esistono e offrono spesso una qualità superiore rispetto a molte edizioni cartacee. Mi permetto di consigliarti di provare quello che è forse il migliore per rapporto tra man
  15. Roggè, la Storia non ti ha insegnato nulla? Che peccato comunque. È chiaro che quando hanno voluto puntare alla qualità (Shin Mazinger) non hanno ottenuto i risultati sperati, quindi eccoci con l'ennesimo compitino che sarà al massimo mediocre giusto per monetizzare i fan che restano.
  16. È un po' complicato. La versione The Princess and the Cobbler è quella ufficialmente finita dal Completion Bond, ed è stata ulteriormente rimaneggiata dalla Miramax nella versione Arabian Knight. Data la particolarità del film e il modo in cui è stato promosso mentre era in produzione, il film ha senso di esistere come visione di Richard Williams. L'ultima versione a cui ha lavorato è il secondo workprint del 1992, che è ovviamente una versione grezza, troppo lunga (secondo una fonte di Cartoon Brew, Williams avrebbe voluto accorciarla per le proiezioni recenti) e con musiche assenti o tempora
  17. I diritti non sono di Gilchrist. Gilchrist è un uomo che ha dedicato una quantità di tempo incalcolabile (anche se lui fa delle stime in diversi anni di ore lavorative) al suo progetto, ma soprattutto alla rivalutazione della figura di Williams. Gilchrist ha creato una versione guardabile del film a partire dal materiale disponibile al pubblico e da pellicole-test a lui donate, e non va dimenticato, ha creato un archivio immenso di ore ed ore di documentari, pubblicità e altri lavori realizzati da Williams nel corso degli anni. Detto ciò, sarebbe disonesto definirla (o lasciare intendere
  18. Secondo me, la migliore è Diamond is Unbreakable: visto il setting limitato Araki è stato costretto a sviluppare i personaggi con ottimi risultati. Stone Ocean è orribile ed è stato uno dei pochi manga che ho abbandonato in corso. Anche Vento Aureo aveva i suoi grossi problemi ma in animazione ha reso molto di più che su carta, non sono sicuro che un anime possa salvare Stone Ocean. Peccato perché Jolyne è un buon personaggio (gli altri praticamente non esistono).
  19. È un prodotto ufficiale scritto e disegnato da un professionista, commissionato da una delle principali case editrici francesi, visto che da qualche anno va di moda riprendere personaggi del passato ancora popolari probabilmente per la legge del "franchise". I disegni non sono male, il problema di queste produzioni francesi per il grande pubblico (o che vorrebbero esserlo) è che le sceneggiature sono troppo spesso di una banalità sconcertante. Non ho ancora cercato di leggere questo però.
  20. Il fratello di Kurosawa (Akira) era un benshi, ricordo bene?
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.