Jump to content

SDF Macross - Serie tv e DYRL Bluray (jp)


Recommended Posts

@ Shuji :

 

 

Ora, IL PIU? GROSSO problema dell'animazione 3d era la FLUIDITA' eccessiva di movimento che faceva rendere lo stesso come 'scivolare' su una parete ghiacciata, senza attrito, senza impedimenti particolari; era proprio di quegli anni ad esempio il software Impact della Dynamic reality, o l'era dei primi plugin particellari quali Sparks della Metrografx, A MANO si introducevano paths non lineari per simulare il jittering degli oggetti.

 

Ecco, io a QUESTO mi sto riferendo; per avere una resa 'naturale' va impostata in un altro modo.

 

 

In questo sono d'accordo. I difetti della primissima CG nei film live action era proprio questo effetto "distaccato", un movimento innaturale data la sua fluidita'. Questo pero' era solo un dei problemi, il riuscire a dare consistenza agli oggetti un altro. Il rendere tutto "fisicamente" realistico un altro (e quando parli di assenza di attrito si rientra in questa categoria). Basta guardare The Last Starfighter dove tutti i problemi vengono a galla (moltiplicati poi per l'assenza di motion blur nelle scene prettamente CG).

 

Detto questo pero', se questi problemi si risolvono, e secondo me si sono risolti da anni basta vedere Final Fantasy The Spirits Within o anche l'ultimo Starship Trooper Invasion, maggiore fluidita' nei movimenti rende il tutto piu' realistico (tenendo conto di tutti i vincoli di tipo fisico etc...). Io mi riferivo a questo.

Link to comment
Share on other sites

Non e' questione di essere d'accordo :tv:

 

comunque il resto e' anche un altro discorso.

 

p.s.

x Halman, quando in Muv Luv vedi i carri armatini che si muovono in quel modo, e' indice (inutile dirlo) di un budget ridicolo, in quanto quello e' esattamente un problema di Move Jittering, di movimento 'innaturale' di mezzi simili che pero' gia' dai 15 ai 18 anni si risolveva (con paths irregolari ad oscillazione), anche a mano.

Link to comment
Share on other sites

E sai come circa nel '96 si rendeva 'fluido' quel movimento? Semplicemente facendo calcolare i fotogrammi non come frames, ma come fields, usando quindi oltretutto il naturale anti-aliasing del segnale video. In questo modo si ottengono/ottenevano animazioni 'fluide' andando a calcolare quindi sui 50hz; un'animazione resa a 25 fotogrammi pieni e messa in onda secondo il segnale video standard pal e similari, semplicemente, rappresentava una sequenza di fotogrammi in fila, con risultato innaturale.

 

Ecco, io a QUESTO mi sto riferendo; per avere una resa 'naturale' va impostata in un altro modo.

 

Per tutta questa ed altre serie di considerazioni, posso tranquillamente dire che quella che si vede e' appena un pelo al di sopra di un preview di qualita' di un sistema di rendering professionale odierno.

 

Quindi, tutta la menata del 'voi che siete ancorati al passato dell'animazione', etc etc, come dire, tienila per te.

Saranno piu' di 10 anni che non lavoro piu' nel video, ma ti posso assicurare che l'argomento lo conosco bene, perche' quelle cose li' io LE HO FATTE.

 

Bai.

 

Il tuo discorso, molto molto molto vero, mi ricorda due cose:

 

1) lo stile della animazioni nei videogiochi in 2d, in cui no, non è che avendo 'più frames al secondo' si ottengono 'animazioni migliori'. E' un discorso che risale al... mmh.... 1996.

 

2) che l'animazione giapponese, almeno da Ootsuka Yasuo in poi, si fa facendo scorrere i fotogrammi disegnati (ancora in sakuga) con un cronometro in mano, e la permanenza di ogni disegno non equivale a un secondo fratto il numero di fps.

 

Il tuo post era troppo tecnico per me, che non sono compente su quel piano, ma anche per me si capiva il discorso. E' stata una lettura molto interessante.

Edited by Shito
Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

Due edizioni. La serie tv e basta a 39900 yen.

 

La complete edition a 47250 yen.

 

Nella complete ci saranno in più:

 

- footage di pachiko e pachislot

- pv del videogioco per ps2

- episodi 1, 2 e 11 in versione prima tv

- nontelop op & ed

- op & ed special edition

- vari commercial movies

- op in versione super deformed

- Macross Perfect Memory (250 p)

- copioni per il doppiaggio dell'episodio 1

- storyboard della opening, dell'episodio 1 e dell'episodio 27

- libro di illustrazioni con disegni di Mikimoto e Takani

- enciclopedia con interviste allo staff e retroscena

- box illustrato da Mikimoto

- illustrazioni interne di Tenjin Hidetaka

 

bandai02.jpg

 

beh, purtroppo la qualità video della serie tv effettivamente è quella che è.

la lista degli extra comprende anche altri due bonus, uno special ed un 30th Anniversary Special; ma non ho capito cosa sono... help!

i music clip estratti dal pachinko sono otto.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Ho avuto modo di vedere parte del BD di Ai boeteimasuka e, a parte la pessima - a dirne bene- qualità video soprattutto nelle scene scure, ho trovato molto triste che abbiano censurato con sfocature estreme le scene più splatter (quella testa schiacciata da macerie a favore di camera durante il concertone di Minmay, per dirne una).

E il gioco per PS3 inserito nel BD è davvero un contentino tanto per. XD

Link to comment
Share on other sites

  • 2 years later...

Scusa la domanda stupida, ma pagare i diritti per farlo a chi li detiene, non è causa sufficiente per poterli pubblicare?

Saluti Toma

 

Nel caso di Macross sfortunatamente no, in quanto Harmony Shit detiene il trademark (marchio registrato) sul nome Macross. E lo detiene non solo negli USA ma in Europa ed in svariati altri paesi. Non in Giappone e mi pare neanche in Taiwan e Cina.

Pertanto anche se i Giapponesi dessero la licenza a Dynit per pubblicare Macross Frontier per dire, a meno di non pagare il pizzo a Harmony Shit non lo puoi pubblicare per via del marchio registrato. E i Giapponesi (Big West etc...) non si sono mai dimenticati della pugnalata alla spalla della Harmony Shit e non vogliono niente a che fare con quella ditta. Neanche se si tratta di andare in tribunale per riprendere possesso del marchio registrato che ovviamente appartiene a Big West in quanto ideatori del franchise. E i diritti della storia, dei personaggi, dei mecha etc... appartengono a Big West e Tatsunoko. Non a Harmony Shit. 

Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...
  • 1 year later...

 

 

Hai la serie ridoppiata da Yamato? Perché guardare Robotech non ha senso.

Cmq, dopo la serie guardati il film. Oltre ad essere un capolavoro di disegni e animazione, oltre ad essere la bandiera dell'anime boom, riscrive la trama della serie rendendola molto più interessante (ovviamente qualche personaggio viene sacrificato, ma se hai visto la serie tv basta che fai un mix mentale fra i due e hai tutto).

Inoltre il design dei personaggi, dei vestiti e dei mecha del film diventano poi quelli ufficiali, soppiantando quelli della serie (infatti nei Macross successivi l'iconografia si rifà sempre al film.

 

No no robotech so benissimo che non va preso in considerazione. A dire il vero non sapevo che ci fosse una versione italiana ridoppiata quindi sono andato di inglese (come Z Gundam del resto), ma adesso cercò di rimediare la versione di Yamato. Poi sicuramente andrò coi film

Link to comment
Share on other sites

A dire il vero non sapevo che ci fosse una versione italiana ridoppiata quindi sono andato di inglese (come Z Gundam del resto), ma adesso cercò di rimediare la versione di Yamato.

Purtroppo è esaurita da tempo. Se la trovi in vendita te la sparano a prezzi allucinanti.

L'edizione era interessante anche perché aveva tutte le canzoni di Minmay tradotte.

Link to comment
Share on other sites

E' che poi nella continuity della saga, i fatti di serie e film sono mixati. Fokker muore come nella serie, Max e Miria si conoscono come nella serie, ma la storia fra Hikaru, Misa e Minmay è come nel film. I resti della civiltà protoculturiana sono stati trovati per davvero, come nel film. L'SDF-1 è come nel film, non ha le due navi al posto dei ponti di lancio, ecc...

Link to comment
Share on other sites

Chiudendo l'OT... ecco, sinceramente fossi stato Kawamori avrei preso il film come canonico per tutte le successive incarnazioni del brand.

Dopotutto si poteva anche farla una scelta del genere senza stravolgere grandi cose.

Al limite, se alcuni elementi della serie il nostro li considerava imprescindibili li poteva reinserire post film in altre opere legate a Macross (ambientate sia prima che dopo la pellicola cinematografica).

Non so, di solito non amo i paletti che costringono in binari ferrei la creatività ma se un brand resta sempre nell'orbita del suo creatore (come nel caso di Macross con Kawamori) preferirei almeno una certa coerenza interna.

Link to comment
Share on other sites

Be', Max e Miria nel film usano due Quadluun-Rau, mentre in Macross 7 tirano fuori i due vecchi Super VF-1J della serie tv.

 

 

e pure i 2 vf 22 Custom a fine serie (per l'epoca il pinnacolo delle Valkyrie) cmq non era solo Miria ad usare il VF1 prima che qualche parente a caso glie lo scassasse o ricordo male io?

 

Btw questo non era un topic su (Z) Gundam?

Siamo un pò ot/spostate le digressioni su Macross nei topic che si và in spoiler per chi non l'ha visto/si becca cross spoiler a sorpresa su altro  \-.- 

Link to comment
Share on other sites

Bene, complici le feste ho visto Macross, serie e film.

 

Innanzitutto dovrei flagellarmi per aver aspettato così tanto per decidermi a vederlo.

 

Mi è piaciuto moltissimo, è davvero un'opera invecchiata benissimo ed ancora in grado ancora di parlare ad un audience del 2017, per paradosso alcune tematiche  mi sono sembrate più attuali oggi che quando furono scritte e qui penso alla questione dell'integrazione tra culture diverse che si vede al momento del secondo ritorno sulla terra di Macross e della flotta Zentradi con cui avevano combattuto infine insieme. Ma qui forse è la mia percezione di italiano che si trova ad affrontare questa complicata questione da relativamente poco tempo rispetto a paesi come UK, Francia e USA.

 

In Macross ho trovato livelli di fruizione: una saga spaziale di combattimenti con un trama solida che solo poche volte non convince per le sue scelte (il cugino hippie su tutti) e che si mantiene tendenzialmente coerente con l'impianto dell'ambientazione che ci propone, tutte le trame di tutti personaggi hanno una risoluzione credibile e sempre molto bella e attuata con tempistiche giuste che danno la possibilità di far crescere i protagonisti durante tutta la vicenda e farci affezionare. C'è una storia sentimentale classica con l'altrettanto classico triangolo che viene portata avanti davvero bene perché fino all'ultimo hai il dubbio su chi la spunterà (ah, per la cronaca Misa>Minmay). E infine quest'opera ti dà tanti di quegli imput su cui riflettere che ci si perde. La questione della "cultura" e il modo in cui cambia la vita degli Zentradi è una cosa enorme, Minmay in quanto idol ha rappresentato solo il volto del consumo della cultura, ma allo stesso tempo come cantante ha rappresentato l'arte che è una delle forme più alte di cultura. Davvero ci si potrebbe stare mesi a discutere sopra. Gli Zentradi che faticano ad integrarsi e diventano terroristi, quelli che sia danno da fare e lavorano e chissà quante altre cose si possono tirare fuori. E questo è senza dubbio un merito oggettivo che ha un'opera.

 

Sulla questione Serie-Film, hanno i loro punti forti e deboli, ma nonostante Do you rember love abbia un impatto grafico e visivo migliore e che abbia delle scene di una potenza memorabile gli preferisco comunque la serie. I personaggi hanno più tempo di svilupparsi ad esempio Minmay perde molto della sua caratterizzazione partendo già come idol e preferisco come sono state narrate le vicende di Fokker, Max e Misa e la risoluzione del triangolo. Ma naturalmente credo che entrambi le versioni vadano viste, l'ideale sarebbe la serie con la grafica e il chades ed alcune scelte e scene del film.

Link to comment
Share on other sites

Mi è piaciuto moltissimo, è davvero un'opera invecchiata benissimo ed ancora in grado ancora di parlare ad un audience del 2017, per paradosso alcune tematiche  mi sono sembrate più attuali oggi che quando furono scritte e qui penso alla questione dell'integrazione tra culture diverse che si vede al momento del secondo ritorno sulla terra di Macross e della flotta Zentradi con cui avevano combattuto infine insieme. Ma qui forse è la mia percezione di italiano che si trova ad affrontare questa complicata questione da relativamente poco tempo rispetto a paesi come UK, Francia e USA.

 

mah forse no. nel senso che macross all'epoca si inseriva un contesto che ora non c'è più, vuoi perchè metabolizzato vuoi perchè ignorato (tutti i successivi macross riprendo alcuni concetti della serie originale ma vanno in tutt'altra direzione e la 'protocultura' è praticamente un elemento tecnico utile alla narrazione, non necessariamente metaforico).

per quanto riguarda le culture, anche se il concetto alla base è universale (qualcosa che accomuna tutti gli esseri) qui forse il riferimento è alle sottoculture; più che integrazione credo si tratti prima di convivenza/tolleranza di diverse identità, poi integrazione di culture frammentarie derivate da qualcosa che le comprendeva inizialmente... però non si può tornare indietro al momento preciso di equilibrio pre-rottura. ma non so se gli autori avessero effettivamente pensato a questa distinzione.

 

In Macross ho trovato livelli di fruizione: una saga spaziale di combattimenti con un trama solida che solo poche volte non convince per le sue scelte (il cugino hippie su tutti) e che si mantiene tendenzialmente coerente con l'impianto dell'ambientazione che ci propone,

 

purtroppo l'ultima parte della serie tv è una specie di estensione/finale allungatissimo che non va per i fatti suoi, però in certi momenti si sente la mancanza di quello che c'era prima e che ha reso interessante l'opera...

 

La questione della "cultura" e il modo in cui cambia la vita degli Zentradi è una cosa enorme, Minmay in quanto idol ha rappresentato solo il volto del consumo della cultura, ma allo stesso tempo come cantante ha rappresentato l'arte che è una delle forme più alte di cultura. Davvero ci si potrebbe stare mesi a discutere sopra. Gli Zentradi che faticano ad integrarsi e diventano terroristi, quelli che sia danno da fare e lavorano e chissà quante altre cose si possono tirare fuori. E questo è senza dubbio un merito oggettivo che ha un'opera.

 

eh, però c'è il discorso sulle idol ed è molto particolare. non è detto che si tratti di arte; in questo caso ha anche una funzione di incoraggiamento (truppe) e di distrazione (popolo).

minmay è più che altro un prodotto che viene messo al centro di tutto per sopravvenuta necessità.

la stessa minmay si perde in questo processo finchè si arriva ad un punto nel quale... improvvisamente non serve più a nessuno. allora torna ad essere "umana" (non più un idolo) perchè non le resta altro o ha veramente capito dove stava sbagliando? e... quali erano le ultime battute del dialogo tra i tre vertici del triangolo prima di dividersi?

in ogni caso con il film diventa più chiaro che l'importanza di quelle canzoni non sta solo nel chi le canta. si tratta di testi anctichi scritti da un'altra razza non umana, e pertanto di un'altra cultura con precise motivazioni...

 

 

Sulla questione Serie-Film, hanno i loro punti forti e deboli, ma nonostante Do you rember love abbia un impatto grafico e visivo migliore e che abbia delle scene di una potenza memorabile gli preferisco comunque la serie. I personaggi hanno più tempo di svilupparsi ad esempio Minmay perde molto della sua caratterizzazione partendo già come idol e preferisco come sono state narrate le vicende di Fokker, Max e Misa e la risoluzione del triangolo. Ma naturalmente credo che entrambi le versioni vadano viste, l'ideale sarebbe la serie con la grafica e il chades ed alcune scelte e scene del film.

 

concordo. ma non rinuncerei mai alle animazioni del film XD

vista la direzione che ha preso la bega con la harmony gold e che di questi tempi si fa un remake di tutto, un retelling che mette insieme serie tv e film non lo escluderei.

Link to comment
Share on other sites

cmq non era solo Miria ad usare il VF1 prima che qualche parente a caso glie lo scassasse o ricordo male io?

Non ricordi male. Cmq ha pilotato anche un VF-17 Nightmare (ovviamente pretendendo che venisse colorato di rosso...).

Poi ok, è passata al VF-22.

 

 

Gli Zentradi che faticano ad integrarsi e diventano terroristi, quelli che sia danno da fare e lavorano e chissà quante altre cose si possono tirare fuori.

E' un discorso che puoi fare solo adesso. Negli intenti originali non c'era questo tipo di lettura sulla vicenda. Semmai era una constatazione che non si può convivere così, dall'oggi al domani.

Quanto alla cultura, questa può essere interessante quando se ne parla come strumento di comunicazione (argomento di altri Macross). Ma Minmay è stata proprio usata come strumento di distrazione di massa.

Se le cose poi hanno preso una buona piega è perché ci sono stati anche Zentradi intelligenti come Exsedol che hanno capito che non erano costretti a vivere tutta la loro vita combattendo. Gli Zentradi erano armi create geneticamente che hanno svolto al meglio ciò per cui erano nati sterminando anche i propri creatori. Che potessero sviluppare anche loro una cultura non era previsto (anche perché poi è una replica di quella terrestre, non innata). Quindi i paragoni che fai sull'attualità contemporanea li capisco, ma hanno basi molto diverse.

Link to comment
Share on other sites

 

 

per quanto riguarda le culture, anche se il concetto alla base è universale (qualcosa che accomuna tutti gli esseri) qui forse il riferimento è alle sottoculture; più che integrazione credo si tratti prima di convivenza/tolleranza di diverse identità, poi integrazione di culture frammentarie derivate da qualcosa che le comprendeva inizialmente... però non si può tornare indietro al momento preciso di equilibrio pre-rottura. ma non so se gli autori avessero effettivamente pensato a questa distinzione.

 

 

 

E' un discorso che puoi fare solo adesso. Negli intenti originali non c'era questo tipo di lettura sulla vicenda. Semmai era una constatazione che non si può convivere così, dall'oggi al domani.

Quanto alla cultura, questa può essere interessante quando se ne parla come strumento di comunicazione (argomento di altri Macross). Ma Minmay è stata proprio usata come strumento di distrazione di massa.

Se le cose poi hanno preso una buona piega è perché ci sono stati anche Zentradi intelligenti come Exsedol che hanno capito che non erano costretti a vivere tutta la loro vita combattendo. Gli Zentradi erano armi create geneticamente che hanno svolto al meglio ciò per cui erano nati sterminando anche i propri creatori. Che potessero sviluppare anche loro una cultura non era previsto (anche perché poi è una replica di quella terrestre, non innata). Quindi i paragoni che fai sull'attualità contemporanea li capisco, ma hanno basi molto diverse. 

 

Immaginavo che la mia fosse una lettura che molto deve al contesto socio-politico del tempo in cui io ho visto la serie e non del tempo di quando la serie fu effettivamente trasmessa, però alla luce degli eventi di oggi la parte finale dove gli Zentradi cercano con successo o meno di adattarsi alla cultura umana mi ha fatto necessariamente pensare al dibattito sul multiculturalismo e sull'integrazione. Chi si integra a costo di perdere qualcosa del proprio io originale come le prime tre spie che riescono ad andare avanti anche arrancandosi, altri non ci riescono ricorrono alla violenza e cercano anche fisicamente di tornare Zentradi. Ma alla fine anche Quamzim e Lap-Lamiz nella sola forma del contatto fisco fanno "cultura", no? 

 

Ma sono solo considerazioni mie, non voglio sovra-interpretare. Però se a 30 e passa anni una serie riesce a sintonizzarsi con il presente è un gran merito.

 

Naturalmente metto in conto in un futuro spero non troppo lontano di vedere altri prodotti del brand, consigli?

Link to comment
Share on other sites

Ma alla fine anche Quamzim e Lap-Lamiz nella sola forma del contatto fisco fanno "cultura", no?

Certamente. Ma non sono in grado di accettarlo e quindi lo fanno come se fosse una forma di scherno.

 

Però se a 30 e passa anni una serie riesce a sintonizzarsi con il presente è un gran merito.

O un demerito dell'umanità...

 

Naturalmente metto in conto in un futuro spero non troppo lontano di vedere altri prodotti del brand, consigli?

Eeh... Zero si ricollega al fatto che esistono altri resti dei protoculturiani originali oltre alla città trovata da Hikaru e Misa in DYRL. Cmq è una miniserie ova ambientata prima della prima serie.

Plus ha una storia a mio avviso debole, ma grande tecnica registica (esordio di Shinichiro Watanabe). Introduce l'elemento dell'intelligenza artificiale. Cmq sono solo 4 ova.

Seven è forse la saga più debole perché strutturata ad episodi autoconclusivi, ma che assumono un aspetto diverso se visti nell'insieme. Cmq è la serie che presenta gli antagonisti creati per contrastare gli Zentradi. Qui la musica è di stampo alternativo perché il vocalist è un uomo e fa j-rock, non j-pop.

Frontier è un grande dispiego di musica (i cd vendettero tantissimo, arrivarono primi in classifica generale), ma la cosa che la contraddistingue è che i "nemici" questa volta sono degli insettoni che viaggiano nello spazio. Se è già difficile comunicare fra esseri umani, come puoi farlo con degli insetti guidati da una regina? Dalla serie sono tratti anche due film metà montaggio e metà animazione nuova, con il finale e il senso che alla versione televisiva mancava.

Delta doveva essere l'epilogo. Tutta la galassia è ormai stata mappata (vari indizi portano a pensare che la SDF-2 sia stata ritrovata) e ci viene mostrato come i protoculturiani abbiano creato innumerevoli razze diverse come aspetto e cultura. Però è anche la serie più cinica di tutte. Peccato che si sia frantumata proprio nel finale, lasciando insoluti molti enigmi. Anche di questa serie uscirà la versione film.

Se invece vuoi fare in fretta eccoti uno spezzone preso da Delta. Tutti i fatti salienti della saga di Macross riassunti in 9 minuti.

 

Link to comment
Share on other sites

Delta è stata veramente un'occasione sprecata per chiudere OGNI questione lasciata in sospeso e ogni mistero ancora irrisolto, peccato perché la prima metà è anche bella poi si perde malamente con finale inconcludente che ha anche poco senso. Chissà che in versione cinematografica aggiungano qualcosa.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.