Jump to content

Mobile Suit Gundam The Origin - The Animation


Roger

  

31 members have voted

  1. 1. Come sarà?

    • Fricchettone!
      4
    • Una bampata!
      3
    • Il nuovo punto di riferimento per i real robbò!
      4
    • LOLWooT
      16
    • Eh boh, non so...
      4


Recommended Posts

Beh, non ci vedo nulla di male nei combattimenti fighi in HD, la trama quella è e quella resta, per l'epoca Gundam è comunque qualcosa di allucinante in fatto di animazioni,

 

Non direi, era piuttosto standard. Le animazioni spaccavano nel terzo film, dove le hanno rifatte. E ad ogni modo il massimo del combattimento fra MS secondo me lo si raggiunge quando Amuro percepisce in anticipi i Bit dell'Elmeth. E sinceramente quella scena non penso che con le animazioni attuali possa riuscire enormemente meglio.

Con le animazioni attuali possono fare muovere *di più* il Gundam, e sicuramente lo faranno. E' proprio questo l'errore che temo. Il Gundam originale non è mai stato una ballerina.

 

Piuttosto, ormai lo sanno anche i sassi che la serie TV è monca di alcune parti, è giusto dopo tanto tempo che vengano portate in animazione.

 

La serie tv è monca degli ultimi 9 episodi, ma il finale originale mica è stato ripristinato nel manga. Altri tagli non ce ne sono stati.

 

E se amo un'opera, ne voglio conoscere i particolari, anche quelli non narrati

 

Se ami davvero Gundam, lo apprezzeresti per quello che è stato. Non per le parti mai narrate che vengono adesso inventati da altri per lucrarci sopra.

Link to comment
Share on other sites

Se ami davvero Gundam, lo apprezzeresti per quello che è stato. Non per le parti mai narrate che vengono adesso inventati da altri per lucrarci sopra.

 

Perchè queste cose si dicono per Gundam e non per Shin Mazinger?

Perchè? :happy:

Io cq prima di parlare male di un remake di 0079, aspetteri di vedere come è fatto, prima.

Fatto poi da Tomino in persona, dove potrebbe davvero mettere tutto quello che gli hanno cassato durante la realizzazione dell' originale ( perchè il prodotto finale non rispecchia quasi mai quello che l'autore avrebbe davvero voluto fare), aiutato dalle nuove tecnologie, bè, io mi fappo.

Edited by Zio Sam
Link to comment
Share on other sites

 

Fatto poi da Tomino in persona, dove potrebbe davvero mettere tutto quello che gli hanno cassato durante la realizzazione dell' originale

 

Ma lo ha già fatto tra film e romanzi, sinceramente preferirei che il regista fosse Imagawa.

Link to comment
Share on other sites

Perchè queste cose si dicono per Gundam e non per Shin Mazinger?

 

Perchè Imagawa non ha fatto un compitino, ha fatto il suo Mazinger recuperando ciò che di Nagai non si era mai visto in animazione.

Per dire, se Origini venisse diretta da un regista con le palle, allora sarei più curioso.

 

Io cq prima di parlare male di un remake di 0079, aspetteri di vedere come è fatto, prima.

 

Se devo pupparmi Char Aznable sosia di Casval, non serve che lo veda.

 

Fatto poi da Tomino in persona

 

Non credo che Tomino dirigerà mai più niente, e cmq di sicuro non gli interessa rifare una cosa che ha già fatto.

Link to comment
Share on other sites

Se ami davvero Gundam, lo apprezzeresti per quello che è stato. Non per le parti mai narrate che vengono adesso inventati da altri per lucrarci sopra.

 

Perchè queste cose si dicono per Gundam e non per Shin Mazinger?

Perchè? :happy:

anche il mazinger toei ha parti inventate da altri e mai narrate nel manga di nagai e ci lucra sopra. è una prassi antica e svegliarsi solo ora è un po' triste.

cmq vediamo di tirare fuori anche altri esempi oltre al solito shin mazinger (che si è capito ti fa caghè, e nagai non sa disegnare, e nagai non fa più nulla di interessante, e nagai diqquà nagai dillà), che sennò sembra che in tutta la vita si sia visto solo quello.

Link to comment
Share on other sites

cmq vediamo di tirare fuori anche altri esempi oltre al solito shin mazinger (che si è capito ti fa caghè, e nagai non sa disegnare, e nagai non fa più nulla di interessante, e nagai diqquà nagai dillà), che sennò sembra che in tutta la vita si sia visto solo quello.

D'accordo, apriamo un topic sui remake di Sally la Maga e Akkochan ( Stylli e lo specchi magico) :°_°:

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
  • 11 months later...

nel frattempo anche in italia si è concluso il manga origini (sempre che non salti fuori quella cosa di sayla... ma non mi pare che star comics abbia annunciato qualcosa).

quel che più mi ha colpito è che in definitiva char è un personaggio estremamente fissato con la vendetta, più di quello che ricordavo, ma soprattutto le parole che pronuncia durante il duello con amuro lo caratterizzano come un tristo figuro, patetico fino all'inverosimile.

bò, magari non l'ho capito bene però non mi ha lasciato una buona sensazione...

Link to comment
Share on other sites

nel frattempo anche in italia si è concluso il manga origini (sempre che non salti fuori quella cosa di sayla... ma non mi pare che star comics abbia annunciato qualcosa).

quel che più mi ha colpito è che in definitiva char è un personaggio estremamente fissato con la vendetta, più di quello che ricordavo, ma soprattutto le parole che pronuncia durante il duello con amuro lo caratterizzano come un tristo figuro, patetico fino all'inverosimile.

bò, magari non l'ho capito bene però non mi ha lasciato una buona sensazione...

 

E' così che lo vede YAS.... è così che lo ha rappresentato in Origini...

 

Amen.

Link to comment
Share on other sites

nel frattempo anche in italia si è concluso il manga origini (sempre che non salti fuori quella cosa di sayla... ma non mi pare che star comics abbia annunciato qualcosa).

quel che più mi ha colpito è che in definitiva char è un personaggio estremamente fissato con la vendetta, più di quello che ricordavo, ma soprattutto le parole che pronuncia durante il duello con amuro lo caratterizzano come un tristo figuro, patetico fino all'inverosimile.

bò, magari non l'ho capito bene però non mi ha lasciato una buona sensazione...

 

 

Char e' sempre stato fissato con la vendetta (vendetta contro gli Zabi, vendetta contro Amuro per la morte di Lalah). L'unica eccezione e' quando gli autori di Zeta hanno completamente stravolto il suo personaggio che da criminale passa a space hippie all peace and love per poi fare un altro dietro front in Char's counterattack.

Da notare che il Char nel film e' pari pari a quello di Gundam 0079.

Char e' un grande personaggio, forse un tantino meno tragico di Haman Khan ma un gran criminale e antagonista per Amuro Ray.

Peccato che ne abbiano stravolto il suo carattere in quella idiozia di Zeta Gundam.

 

Beh, all'inizio Origin era nato per riproporre su carta la prima serie, togliendo al massimo le ingenuità dell'epoca (vedi Amuro che non rientra in atmosfera nè con il profilattico nè con il gas refrgerante, ma si mette sulla scia della WB... e cmq il suo fisico ne risente).

Tuttavia a un certo punto, probabilmente per rendere la lettura più interessante per quelli che conoscevano già la storia a menadito, qualcuno ha avuto la geniale idea di riempire i vuoti della prima serie, spiegando tutto il non detto.

 

Questo e' un plus.

Chi diavolo vuole leggere una storia gia' scritta 30 anni fa ?

 

Ma dal mio punto di vista, quei vuoti non erano dei semplici buchi, ma facevano parte dell'opera, accrescendone il valore.

La mitica battaglia di Loum, in cui Char si guadagna il soprannome di cometa rossa e in cui la stella trinaria nera rapisce Revil!

Poi te la fanno vedere e l'alone mistico si sgonfia.

Lalah che non può abbandonare Char perchè è in debito con lui, che l'ha salvata! Grande, chissà che cosa è successo fra i due! E il bello è che non lo si sa, ognuno se ne fa un'idea.

Poi te lo mostrano, e lei era semplicemente sfruttata da dei biscazzieri. Mavaff...

 

Eccetera.

 

Stupidaggini, i buchi narrativi non fanno parte dell'opera. Solo i fanboy piu' accecati possono pensare una cosa del genere.

A meno che Tomino in persona non abbia dichiarato da qualche parte che x e y non sono stati inseriti per questo e quel motivo. E sperare che non stia trollando. Poi francamente Tomino della serie tv se ne e' sembre sbattuto i coglioni. Basta vedere il Gundam letterario per capire a quale versione tenga dippiu'. Le frasi di circostanza che dice di tanto in tanto lasciano il tempo che trova.

I dettagli sono importanti quando offrono lo spunto per affinare la backstory dei personaggi. Cosa ti aspettavi da Lalah ? Che Char l'avesse salvata dagli alieni ? Magari era meglio se veniva salvata da un circolo di prostituzione infantile ? Cosi era piu' tragico eh ?

 

 

Percui, portare in animazione Origini per mostrare quella roba lì, è un'autogol pazzesco.

 

Per niente. Se Seed che e' al 100% un remake di Gundam 0079 ha avuto successo, un vero remake fara faville.

Non solo con i vecchi fan ma anche le nuove leve.

 

Poi non parlatemi di "aah, ma con le tecniche di animazione moderne sai che figata i combattimenti tra MS!". Eh sì, come se fossero l'argomento principale di Gundam...

 

Ma lol lol lol lol. Gundam e' la macchina di merchandising per eccelleza. E questo dal 1980. Arrivi un po' in ritardo per sostenere il contrario. La storia conta, ma conta molto dippiu' quanti modellini puo' vendere la Bandai. L'ultima prova e' Gundam Unicorn.

 

Metterli al centro dell'opera significa tradire il Gundam originale e sputare sul lavoro di Tomino, altro che "ci siamo accorti che Gundam non è stato capito, ti prego Yas ridisegnalo per farlo comprendere alle nuove generazioni". Eh sì, si è visto proprio.

 

 

Stronzate. Con questa logica distorta anche Zeta Gundam ha tradito lo spirito originale di Gundam. Ed e' ZZ che si avvicinato molto dippiu' alle arie comiche e tragiche di Gundam 0079. Tomino stesso ha sputato sul suo lavoro, basta guardare Zeta Gundam, e Victory per rendersene conto.

 

Probabilmente quando Tomino parlava delle difficoltà di comunicazione fra gli uomini si era bevuto qualche bicchiere di troppo. Ma ora tutto tornerà alla normalità e avremo dei bei combattimenti in HD. Wow.

 

Tomino sulla difficolta' di comunicazione tra gli uomini ha detto tutto quello che aveva da dire con Gundam 0079, Ideon, Brain Powerd e Turn A Gundam.

Tutto il resto e' ininfluente. Per cui si dia il via ai combattimenti in HD. :banana:

Link to comment
Share on other sites

No, su questo non sono proprio d'accordo:

 

Stupidaggini, i buchi narrativi non fanno parte dell'opera.

 

credo che il problema e' che determinati argomenti sono diventati cosi' rapidamente di largo uso che si adoperano spesso non nell'adeguata accezione dei termini; un buco narrativo si ha quando nella narrazione ci sono vere e proprie mancanze o intralci alla lettura di un'opera; nei casi citati da roger le informazioni erano presenti e non c'erano intralci alla narrazione; se io preso da crisi esegetica da nerditudine mi faccio Lo Sacro Spadone e dico che un'ammaccatura nell'arma e' dovuta ad una battaglia, non sto creando 'buchi' ma 'instillando' un qualche alone mitico al mio spadone.

 

I buchi narrativi, sinteticamente, sono errori.

Prendere ogni cosa un autore faccia, a partire dall'elisione, e considerarlo errore/buco e' un errore di per se'.

 

Ad esempio, mai sentito parlare di narrazione per sottrazione?

Link to comment
Share on other sites

credo che il problema e' che determinati argomenti sono diventati cosi' rapidamente di largo uso che si adoperano spesso non nell'adeguata accezione dei termini; un buco narrativo si ha quando nella narrazione ci sono vere e proprie mancanze o intralci alla lettura di un'opera; nei casi citati da roger le informazioni erano presenti e non c'erano intralci alla narrazione; se io preso da crisi esegetica da nerditudine mi faccio Lo Sacro Spadone e dico che un'ammaccatura nell'arma e' dovuta ad una battaglia, non sto creando 'buchi' ma 'instillando' un qualche alone mitico al mio spadone.

 

I buchi narrativi, sinteticamente, sono errori.

Prendere ogni cosa un autore faccia, a partire dall'elisione, e considerarlo errore/buco e' un errore di per se'.

 

Ad esempio, mai sentito parlare di narrazione per sottrazione?

 

 

Uhm usare il termine "buco narrativo" forse non e' stato l'ideale. Resta il fatto che quando un autore scrive un romanzo ci presente gia' dei personaggi completi. Al piu' con qualche dettaglio sulla loro backstory che serva a giustificare le future scelte del personaggio. Difficile che l'autore scriva tutta la vita di un personaggio prima di presentarcelo. E Tomino non e' il primo ne' tantomeno l'ultimo a fare una cosa del genere.

 

Prendi ad esempio Asimov e la sua trilogia sulla Fondazione. Quando scrisse la trilogia negli anni cinquanta la figura di Hari Seldon nei 3 romanzi era mitica, non si sapeva niente di questo personaggio, della sua vita, di come era giunto a formulare la teoria della psychohistory, di come gli era venuta l'idea di quel piccolo cubo nero che proietta tutto il piano nello spazio tridimensionale etc... Quando dopo 5 decenni e' ritornato sulla questione non ha fatto altro che dimistificare quella figura. Non tanto nei due sequel della Fondazione quanto nei vari prologhi. Li' vediamo Seldon da giovane matematico che arriva a Trantor, leggiamo delle sue avventure contro i vari poteri forti, l'importanza della sua "guardia" del corpo etc... Insomma si andava completando di dettagli un personaggio che era partito come una figura mitica. Ad alcuni lettori questa cosa non e' piaciuta perche' ledeva l'immagine che si erano fatti di Seldon, ma molti l'hanno apprezzata. Asimov ci ha fornito uno squarcio su quello che era il personaggio piu' importante della trilogia originale.

 

Pertanto non vedo cosa ci sia di male nel affinare personaggi e situazioni "non dette" del Gundam originale.

Edited by Cobra
Link to comment
Share on other sites

Ti diro' una cosa molto particolare, se fai una breve ricerca in rete troverai altri sceneggiatori o scrittori che dicono all'incirca quanto ti sto per scrivere;

 

in realta' i personaggi, per quanto tu possa definire un setup molto ben delineato, non sono mai completi all'inizio.

 

Man mano che scrivi di un personaggio, accade una cosa 'strana', che in qualche modo 'prende' il suo posto, a volte diventa 'invadente'; non dico che 'prende vita' perche' sarebbe banale e non vero, ma i personaggi 'crescono' e si sviluppano nel tempo.

 

Ad esempio, ricordo un'intervista a Quentin Tarantino che dice all'incirca questo, mentre parlava della realizzazione di Bastardi senza gloria, con lui che era quasi 'costretto' a seguire determinate strade e situazioni per via dei personaggi.

 

E questo vale un po' per tutti i tipi di lavorazione, sia per i personaggi molto ben delineati agli inizi, sia per quelli che lo sono poco.

 

Paradossalmente, e nidificando un livello metaforico mica male nel discorso, i personaggi iniziano ad esistere come tali nel momento in cui quel 'qualcosa' scatta nella loro caratterizzazione, dico metaforico in quanto se i personaggi sono comunque quelli che conducono una storia, la storia stessa funziona quando c'e' quel 'qualcosa' in piu' che scatta, spesso e volentieri alla fin fine le due cose coincidono.

 

E' un po' l'appunto 'principe' che fanno moltissimi editor di case editrici, per 'scegliere' un testo tra gli altri decidono se c'e' quel 'qualcosa'.

 

Asimov come scrittore aveva come 'nume tutelare' nella scrittura la chiarezza, l'aveva detto piu' volte, quindi non stupisce piu' di tanto che per lui il processo creativo fosse qualcosa di molto basato sulla 'costruzione' di solidi presupposti, del resto visto anche il suo punto di vista di scienziato.

 

Quindi al di la' del discorso di prima, non ci trovo niente di male manco io nell'affinare personaggi o situazioni.

 

Inteso come 'processo'.

 

A patto che in questo processo non si sacrifichi ogni sotto testo implicito solo perche' non si ha spazio per dire altro; la Forza in Star Wars era qualcosa di non definito, ma il sottotesto implicito che scavava nella fantasia di ciascuno in modo spesso differente ma sempre con un'aura di mistero e misticismo era assai superiore alla meenchiata dei midichlorian, che hanno banalizzato tutto.

Link to comment
Share on other sites

nel frattempo anche in italia si è concluso il manga origini (sempre che non salti fuori quella cosa di sayla... ma non mi pare che star comics abbia annunciato qualcosa).

quel che più mi ha colpito è che in definitiva char è un personaggio estremamente fissato con la vendetta, più di quello che ricordavo, ma soprattutto le parole che pronuncia durante il duello con amuro lo caratterizzano come un tristo figuro, patetico fino all'inverosimile.

bò, magari non l'ho capito bene però non mi ha lasciato una buona sensazione...

 

E' così che lo vede YAS.... è così che lo ha rappresentato in Origini...

 

Amen.

Si ma occhio, Char è un personaggio creato da Yas, non solo come aspetto ma anche come idea.

Fu lui a suggerire che doveva essere il figlio di blabla e che doveva vendicarsi di gnegnè , ecc....

Link to comment
Share on other sites

bò, magari non l'ho capito bene però non mi ha lasciato una buona sensazione...

 

La cosa più strana secondo me, è che ha usato la caratterizzazione di CCA (la faccenda della mamma).

Yas non ha mai considerato i lavori su Gundam non fatti da lui e questa eccezione è curiosa.

So di fan che non accettano l'esistenza di CCA proprio per via di come viene smontato Char...

Link to comment
Share on other sites

bò, magari non l'ho capito bene però non mi ha lasciato una buona sensazione...

 

La cosa più strana secondo me, è che ha usato la caratterizzazione di CCA (la faccenda della mamma).

Yas non ha mai considerato i lavori su Gundam non fatti da lui e questa eccezione è curiosa.

So di fan che non accettano l'esistenza di CCA proprio per via di come viene smontato Char...

Magari stà cosa della mamma dovevano già metterla nella vecchia serie .

Perchè chissà quante cose hanno dovuto tagliare quando hanno deciso di portare la serie da 52 episodi a 43.

Link to comment
Share on other sites

No, su questo non sono proprio d'accordo:

 

Stupidaggini, i buchi narrativi non fanno parte dell'opera.

 

credo che il problema e' che determinati argomenti sono diventati cosi' rapidamente di largo uso che si adoperano spesso non nell'adeguata accezione dei termini; un buco narrativo si ha quando nella narrazione ci sono vere e proprie mancanze o intralci alla lettura di un'opera; nei casi citati da roger le informazioni erano presenti e non c'erano intralci alla narrazione; se io preso da crisi esegetica da nerditudine mi faccio Lo Sacro Spadone e dico che un'ammaccatura nell'arma e' dovuta ad una battaglia, non sto creando 'buchi' ma 'instillando' un qualche alone mitico al mio spadone.

 

I buchi narrativi, sinteticamente, sono errori.

Prendere ogni cosa un autore faccia, a partire dall'elisione, e considerarlo errore/buco e' un errore di per se'.

 

Ad esempio, mai sentito parlare di narrazione per sottrazione?

 

Io credo che Shuji non abbia mai avuto tanta ragione come qui sopra.

 

Per 'buchi narrativi' (Shuji mi corregga) ho sempre inteso delle reale incongruenze, dei non sequitur, non dei semplici 'non detti' che nulla tolgono alla funzionalità della narrazione.

 

Ovviamente, non esiste meandro più buio della fantasia di ciascuno.

 

Se dovessi narrare le più atroci nefandezze compiute a danno di un personaggio, le fare accadere dietro una porta chiusa da cui il personaggio esce in lacrime.

 

In questo modo, ciascuno riempirebbe in modo automatico/inconscio il vuoto con il 'suo' peggio, dato che ognuno ha i suoi incubi e la sua visione dell'inferno.

 

Nel senso che 'vuoti' narrativi non sono necessariamente 'buchi', possono essere semplici innocue mancanze, o ricercate finezze, o tutti i grigi nella gamma tra quel bianco e quel nero. :-)

Edited by Shito
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.