Jump to content
Pluschan

Recommended Posts

Adesso, zocram ha scritto:

So che sei sarcastico ma non può, prima di farli i lavori deve firmare un contratto di non rilascio, in pratica gli tocca tener la bocca cucita prima d'ogni uscita.

Si sono sarcastico... inoltre da oggi leggerò sempre chi adatta l'opera prima di guardarla 🙄

Link to post
Share on other sites
  • Replies 2.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Mi appoggio al commento di Bospie per puntualizzare alcuni aspetti di metodo che – a malincuore – continuano a essere sottovalutati, e che di fatto determinano, a mio parere, l'intreccio complesso del

Be', Gualtiero... Non so se non ha avuto modo di leggere il mio precedente intervento, ma quel che più mi dispiace è che – al momento – lei si sta limitando a controbattere a piccole questioni legate 

Salve a tutti e salve @Shito/Gualtiero. Ho seguito la discussione che si è protratta fin qui, cercando - da appassionato di Evangelion quale sono - di comprendere le ragioni che hanno orientato il rec

Posted Images

5 minutes ago, Shito said:

Devo argomentare quello che *penso*?

La libertà di pensiero neppure? XD

Che ridere. O piangere. O niente. 🙂

Shito, in questo specifico caso non hai molta libertà di parola, se non quella di spiegare le tue scelte. I tuoi post, quelli che riesci a fare, dovrebbero essere rivolti alle spiegazioni. Che poi probabilmente potrà essere inutile, visto che è un processo a senso unico, inutile dire/sostenere il contrario, ma rispondere pezzo pezzo sarebbe meglio che fermarsi ad esprimere opinioni sulle parole dei colleghi(o quel che sono).

1 minute ago, Matteo Mascellani said:

Si sono sarcastico... inoltre da oggi leggerò sempre chi adatta l'opera prima di guardarla 🙄

Benvenuto nel mio mondo :lolla: 

Edited by Chocozell
Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, Shito ha scritto:

Penso che siano idiozie.

Penso siano concetti del tutto vacui e del tutto mistificatori, su più livelli.

Penso che sia quando di più sbagliato si possa (pensare di) fare in ambito di interlinguistico narrativo.

In ambito puramente funzionale, come che so - per il bugiardino di un medicinale - capirei. Condividerei.

Ma qui siamo in un ambito che, se non diametralmente opposto, considero davvero molto, molto, distante. A tratti agli antipodi, sì.

Idiozie. I professionisti e chi ha realmente studiato la materia quindi dice idiozie.

 

Siamo al livello dei no-vax

  • Like 1
  • Love 2
  • Thanks 2
Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Shito ha scritto:

Devo argomentare quello che *penso*?

La libertà di pensiero neppure? XD

Che ridere. O piangere. O niente. 🙂

Sì, se contraddici professori e colleghi sul metodo o sull'essenza stessa del lavoro che svolgi ti serve uno straccio di argomentazione

Citazione

Cerca la toponomastica che hai usato come scusa per quel tuo errore, se proprio non te la senti di contribuire in modo costruttivo rispondendo alle domande che ti vengono fatte e che continuamente glissi.

Stanno organizzando un tour dell'hokkaido per indagare sul luogo.

 

Citazione

Rientro a gamba tesa nella discussione per puntualizzare una cosa: quello che io (a altri più esperti di me) contestano nel metodo di Cannarsi non riguarda la COMPRENSIONE o assimilazione da parte del pubblico, ma la necessità (perché è ciò che fa un adattamento) di TRASMETTERE le stesse emozioni e evocare le stesse immagini nel pubblico nostrano. Un giapponese sbava sui polpacci, un italiano sbava sulle cosce; un giapponese non fa caso alla ripetizione della stessa particella 6 volte in due frasi, un italiano sì; ad un giapponese suona normale una frase che termina con un verbo, un italiano è abituato al verbo prima dell'oggetto. Sia in senso sintattico-grammaticale che fonetico o del puro significato.

 

Quando diciamo di considerare il pubblico non parliamo di immediatezza, comprensione o semplicità, parliamo di rendere astruso ciò che a un giapponese sembra astruso, conciso e scorrevole se sembra tale (e il ragionamento non si limita alla costruzione della frase, ma anche al significato)... Per questo ritengo interessante pochitto o restauro, ho delle riserve su apostoli e delle critiche per "prendere rifugio".

 

EDIT se per esempio in giapponese una frase termina con l'oggetto per enfatizzarlo (conosco talmente poco la lingua che non so neanche se sia possibile, ma cercate di capirmi) è naturale che in italiano non useremmo soggetto - verbo - complemento, che non produrrebbe nessun effetto in uno spettatore italiano, ma tenteremmo di mettere in risalto come nell'originale.

 

EDIT2 nel caso non fosse già abbastanza chiaro non è di sintassi(ne so poco e niente!) che parlo, ma di logica di adattamento

Citazione

«Quando si lavora alla traduzione di un libro non è tanto importante scriverla bene, quanto trasmettere quello che l’autore vuole dire: bisogna innanzitutto conoscere la cultura del paese d’origine per capire il significato della parola, anche se la si traduce diversamente dal testo originale. Quando si traduce, in questo caso, dalla lingua di un paese molto lontano diventa un aspetto fondamentale l’aver vissuto nel Paese per capire il significato di una parola o di un gesto e saperla rendere, magari con una traduzione letteralmente diversa ma che incarna il senso del testo originale. Il vero ‘protagonista’ è il lettore, perché il successo di un romanzo è dovuto soprattutto alla capacità di chi lo legge di andare oltre le righe e capire la descrizione della realtà profonda, il messaggio dello scrittore»

(Sono buono e mi limito a 2 quotes) Attendiamo una risposta degna di questo nome, da parecchie pagine invero...

Edited by Jupiter00
  • Like 1
Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, Shito ha scritto:

non conosce la sintassi italiana.

La stessa idea che mi sono fatto dell'adattatore di questa serie. Per il momento ho visto/ascoltato solo gli stralci riportati in giro ed i meme più chiacchierati, ma non sono riuscito a levarmi quella sensazione di brivido gelido che ha iniziato a corrermi lungo la schiena appena ho aperto gli occhi sull'orrore. Da quanto visto qui c'è un'ibridazione tra l'astrusità pseudoalica girellica ed una vena autoriale che vira decisamente sul grottesco. 

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Kotomine_Kirei ha scritto:

La stessa idea che mi sono fatto dell'adattatore di questa serie. Per il momento ho visto/ascoltato solo gli stralci riportati in giro ed i meme più chiacchierati, ma non sono riuscito a levarmi quella sensazione di brivido gelido che ha iniziato a corrermi lungo la schiena appena ho aperto gli occhi sull'orrore. Da quanto visto qui c'è un'ibridazione tra l'astrusità pseudoalica girellica ed una vena autoriale che vira decisamente sul grottesco. 

No guarda, devi vederti un paio di episodi per capire bene.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

ALLORAH?! coff coff

non cogliete le provocazioni o il topic si trasforma in una chat. e cosa succede quando un topic si trasforma in una chat? succede che i contenuti interessanti *PUFF!*

e tocca riportarli un'altra volta, e si ricade nel loop, e non ci si capisce più.

anche tu però, shito... va bene tutto ma certe uscite non aiutano di sicuro.

  • Like 1
  • Thanks 5
Link to post
Share on other sites
1 minute ago, Jupiter00 said:

Stanno organizzando un tour dell'hokkaido per indagare sul luogo.

Almeno l'Hokkaido per fortuna esiste. Questa fantomatica laureata alla Ca'Foscari amica sua che dice cose che non stanno in piedi invece...

Oh, ma magari anche la Prati si è davvero sposata. 🤷‍♂️

  • Like 1
  • LOL 1
Link to post
Share on other sites

sorvolando sui dibattimenti sul sesso degli ang...apostoli di questo thread, ho trovato davvero interessante il dibattito portato avanti da theDanish su un argomento, il linguaggio e il bagaglio antropologico che si porta dietro, che non mi ero mai ritrovato ad approfondire, ritrovandomi d'accordo con quello che dovrebbe essere lo scopo di una traduzione/adattamento.
Quello che fin'ora mi sfugge è in cosa consista la "fedeltà" di Cannarsi: se non è la grammatica giapponese con i suoi costrutti, se non è il senso delle frasi o dell'opera, se non è il messaggio o l'emozione che deve suscitare...cos'è?
Lo chiedo più che altro agli altri utenti che sicuramente sono più dentro alla cosa, perché a volte sembra che più che una divergenza di vedute si parli proprio di cose differenti.
Grazie

  • Like 4
Link to post
Share on other sites

Ragazzi allora dal momento che anche il mio di lavoro oggi è leggermente calato in produttività... e poi mi troverei a dare del cornuto all'asino in quanto bue... io salumo fino a stasera... magari Shito, nostro ang...apostolo si rinfresca un po' e poi ci posta qualcosa di comprensibile... nel frappè cià 🙋‍♂️

Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Kotomine_Kirei ha scritto:

La stessa idea che mi sono fatto dell'adattatore di questa serie. Per il momento ho visto/ascoltato solo gli stralci riportati in giro ed i meme più chiacchierati, ma non sono riuscito a levarmi quella sensazione di brivido gelido che ha iniziato a corrermi lungo la schiena appena ho aperto gli occhi sull'orrore. Da quanto visto qui c'è un'ibridazione tra l'astrusità pseudoalica girellica ed una vena autoriale che vira decisamente sul grottesco. 

Abbi pazienza ma astrusità pseudoalica girellica proprio è al di fuori della mia comprensione...

Me lo rendi più comprensibile, grazie.

Saluti Toma

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Ho delle domande un po' "estemporanee" per @Shito (nel senso che mi sono un po' perso le ultime pagine, scusate... recupererò), relative al making off di questo adattammento. 

- Hai scritto di aver usato le vecchie traduzioni. I ritmi di lavoro erano così frenetici che non ci sarebbe stato il tempo materiale di farne di nuove? Se non avessi avuto le vecchie traduzioni avresti dovuto lavorare sui sub inglesi?

- C'è stato qualche tipo di contatto con il Giappone? Delle direttive ricevute? 

- Da quello che ho visto i sottotitoli italiani sono traduzioni del doppiaggio inglese. Tu o il direttore del doppiaggio vi avete contribuito in qualche misura? Sai dirci perché alcuni termini sono in comune con il doppiaggio (Apostolo) e altri no (Unità 01)?

- Hai detto di aver "indicato" alcuni doppiatori. Il cast è stato scelto da te assieme al direttore durante la riunione preliminare di cui ci hai accennato?

- Per Netflix avevi già lavorato a Bleach; rispetto a quest'altra produzione i tempi sono stati più serrati?

Non so se puoi rispondere a tutto, comunque grazie. 

 

Ti riporto anche la mia risposta alla questione delle "Nazioni membra", che forse si era persa nell'oceano delle ultime mille pagine:

14 ore fa, Gingerbread ha scritto:

Grazie della risposta!

Gli Stati Uniti sono uno Stato federale di entità chiamate a loro volta, formalmente, "stati". Lo stesso vale, ad esempio, per la Germania (che è formata da stati che si chiamano "Länder"... Ma Land(-er) in tedesco significa proprio "Stato" e puoi tranquillamente usare la parola per definire l'Italia) o la Svizzera (con i  cantoni). Quindi lo Stato degli Stati Uniti è uno degli "Stati Membri" delle Nazioni Unite.

La definizione che citi di Treccani utilizza "Nazione" in luogo di "Stato" per metonimia. "Il governo della Nazione italiana" è in realtà "il governo dello Stato Italiana, in cui si riconosce la Nazione (= la comunità di persone con una storia, usi e costumi propri)". Se non ci fosse lo Stato italiano, non ci sarebbe il governo "della" Nazione italiana.

Nel contesto semi-istituzionale di quella scena e nel più ampio "realismo politico" di Evangelion, "Stato" sarebbe stato (scusa il bisticcio) il termine corretto. Anche cercando con Google, i risultati di "nazione membra" o "member nation" sono in numero estremamente minore rispetto a "stato membro" o "member state" ( usato invece "nazione costituente" / "costituent nation", ma riferito esclusivamente ai quattro territori che compongono il Regno Unito).

 

  • Like 2
  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Fencer ha scritto:

Solo questo, visto che il resto verte su argomento che non posso trattare. In primis, quando ho letto c'era proprio un intervento che suggeriva la forzosa volonta di cambio verso il passato. E non mi spiego diversamente l'attaccamento morboso al termine Angelo che vedo in certi video. In secundis, di nuovo: non pensare che il fatto che non freghi a te voglia dire che non freghi a nessuno. Non arrogarti posizioni da opinion leader che non hai. 

Da persona che non schifa il termine Apostolo (anzi potrei accettarlo se non fosse che purtoppo in Italia ha una forte caratterizzazione che lo rende quasi ridicolo fuori da contesti strettamente legati alla religione, e dico strettamente non a caso, non bastano secondo me i riferimenti che ci sono in NGE).
Quando si fa riferimento ad esempio ad Angelo ti scontri con 20 anni di tradizione. Non sono pochi. Quindi non è accanimento, è come se da domani io decidessi che il CAMMELLO nella cruna dell'ago non va più bene.  Purtroppo non si può. 

Detto questo, non volevo ergermi a opinion leader come dici tu. Io intendevo che il grande pubblico che per la prima volta ha visto evangelion non ha alcuna conoscenza/interesse di questioni tecniche tipo la parola angelo. La maggior parte dei meme e delle prese in giro sono su frasi che pronunciate in italiano fanno ridere. Quindi io vorrei focalizzare il problema su questo. Non sul perchè X è stato tradotto Y.
Perché molti (e non voglio fare l'opinion leader ma per me miglialia di persone sono tante) prendono in giro le nuove frasi di evangelion?

Vorrei capire questo. Un problema c'è probabilmente. O sono io che mi arrogo ancora una volta posizioni da opinion leader? Se è così chiedo scusa.

 

Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Gingerbread ha scritto:

- Da quello che ho visto i sottotitoli italiani sono traduzioni del doppiaggio inglese. Tu o il direttore del doppiaggio vi avete contribuito in qualche misura? Sai dirci perché alcuni termini sono in comune con il doppiaggio (Apostolo) e altri no (Unità 01)?

Questo posso dirtelo anche io perché è già stato detto indietro, i sub li ha fatti un'altra persona per i fatti suoi, non se ne è occupato lui, possono aver preso strade diverse

Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Il Toma ha scritto:

Abbi pazienza ma astrusità pseudoalica girellica proprio è al di fuori della mia comprensione...

Me lo rendi più comprensibile, grazie.

Saluti Toma

Tentativi di far parlare in maniera ampollosa dei tredicenni o comunque dei personaggi che non si esprimono nemmeno lontanamente in quel modo. Le carenze lessicali del soggetto, poi, fanno in modo che anziché avere personaggi con una parlata veramente ricercata ci si trovi davanti a macchiette che straparlano in maniera buffa e con costrutti illogici. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Alex Halman ha scritto:

Questo posso dirtelo anche io perché è già stato detto indietro, i sub li ha fatti un'altra persona per i fatti suoi, non se ne è occupato lui, possono aver preso strade diverse

Sì, è però curioso l'utilizzo della terminilogia "Apostolo"(ma non di altre) sia nei sub che nel doppiaggio, tanto più che la fonte è doppiaggio inglese. Magari nella riunione preliminare di cui ha accennato sono state imposte delle linee guida.

Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Kotomine_Kirei ha scritto:

Tentativi di far parlare in maniera ampollosa dei tredicenni o comunque dei personaggi che non si esprimono nemmeno lontanamente in quel modo. Le carenze lessicali del soggetto, poi, fanno in modo che anziché avere personaggi con una parlata veramente ricercata ci si trovi davanti a macchiette che straparlano in maniera buffa e con costrutti illogici. 

Ok, era il termine pseudoalica che non capivo, intendevi una cosa tipo "vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole, e più non dimandare" ...

No scusami non è ovviamente riferito a te, ma questa mi è venuta fuori di getto, sono reminescenze diviche. :lolla:

Comunque ho capito, grazie

Saluti Toma

Edited by Il Toma
  • Like 1
Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, veldom ha scritto:

Quando si fa riferimento ad esempio ad Angelo ti scontri con 20 anni di tradizione. Non sono pochi. Quindi non è accanimento, è come se da domani io decidessi che il CAMMELLO nella cruna dell'ago non va più bene.  Purtroppo non si può. 

Questo è appunto uno dei canoni di adattamento con cui non posso concordare. Una giustificazione al termine Angelo anche quando viene detto completamente altro si può dare anche per varie riflessioni su quanto di ufficiale esiste nell'opera e magari nelle produzioni ufficiali ad esso legate, ma non sulla base del fatto che per vent'anni si sono chiamate così. Se si sono chiamate nel modo sbagliato è giusto che si correggano e che le nuove generazioni possano conoscerlo col termine corretto. Si può e si deve cambiarlo. Altrimenti stai solo propagando un errore. Non è accettabile per conto mio ed è anche irresponsabile, ovviamente parlando dal punto di vista della localizzazione.

12 minuti fa, veldom ha scritto:

Detto questo, non volevo ergermi a opinion leader come dici tu. Io intendevo che il grande pubblico che per la prima volta ha visto evangelion non ha alcuna conoscenza/interesse di questioni tecniche tipo la parola angelo.

L'avevo capito. Ma vedo che forse non si è capito bene lo spirito che sta alla base del pchan: qui ognuno parla esclusivamente per sè, espone una sua opinione, ne discute se lo desidera e se ne prende la responsabilità, come si prende la responsabilità in caso non faccia la terza cosa di essere bellamente ignorato. Per questo, da utente di vecchia data, mi risulta difficile leggere dopo tanti anni di persone che parlano di altri che non sono presenti (anzi, qui la prima cosa che ti dicono è "cazzo, parla per te") e di solito accolgo con una certa diffidenza quando mi viene detto "il pubblico fa così". Quindi io non parlavo per altri quando dicevo cosa mi interessava in una localizzazione, ma esclusivamente per me stesso. In questo senso l'esempio di Apostolo è calzante per me, specie in un'ottica come quella riportata su dell'attaccamento a errori passati (non è che i cloni dell'episodio II di Star Wars sono stati chiamati Quoti).

Per il resto, chi ha visto per la prima volta Eva credo non abbia problemi a priori sulla terminologia, al massimo sulla dualità, ma è così anche in originale. Sul resto, come detto, non so che risponderti. Per questo sono alla finestra e cerco di leggere i post.

  • Like 4
Link to post
Share on other sites
  • ryoga locked this topic
  • ryoga unlocked this topic

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.