Jump to content
Pluschan

Recommended Posts

34 minuti fa, Shito ha scritto:

Penso che siano idiozie.

Penso siano concetti del tutto vacui e del tutto mistificatori, su più livelli.

Penso che sia quando di più sbagliato si possa (pensare di) fare in ambito di interlinguistico narrativo.

In ambito puramente funzionale, come che so - per il bugiardino di un medicinale - capirei. Condividerei.

Ma qui siamo in un ambito che, se non diametralmente opposto, considero davvero molto, molto, distante. A tratti agli antipodi, sì.

(per errore ho cancellato la mia precedente risposta invece di eliminare un altro post. la ripropongo ma non troverò di sicuro le stesse parole)

Grazie per la risposta.

Credo che il problema sia proprio questo, cioè che la maggior parte delle persone che critica questo tuo ultimo lavoro (nel mio caso costruttivamente con l'intento che non accada più quanto è accaduto in questa occasione, perché credo non faccia piacere a nessuno), vorrebbe invece che la traduzione fosse molto più attenta a trasmettere non solo il significato corretto parola per parola dell'originale, ma anche le emozioni e il significato più profondo che l'autore, utilizzando le parole come MEZZO e non come fine, voleva trasmettere, e farlo magari usando un italiano che risulti più "fluido" (voglio usare questo aggettivo neutro).

Noi che ti critichiamo non percepiamo fluidità ed emozione nell'adattamento (potrebbe anche essere colpa della nostra ignoranza), e dalla tua risposta, correggimi se sbaglio, non è infatti questo il tuo obiettivo.

Quindi per me credo che difficilmente potremmo giungere a qualsiasi tipo di soluzione per le future traduzioni.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • Replies 2.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Mi appoggio al commento di Bospie per puntualizzare alcuni aspetti di metodo che – a malincuore – continuano a essere sottovalutati, e che di fatto determinano, a mio parere, l'intreccio complesso del

Be', Gualtiero... Non so se non ha avuto modo di leggere il mio precedente intervento, ma quel che più mi dispiace è che – al momento – lei si sta limitando a controbattere a piccole questioni legate 

Salve a tutti e salve @Shito/Gualtiero. Ho seguito la discussione che si è protratta fin qui, cercando - da appassionato di Evangelion quale sono - di comprendere le ragioni che hanno orientato il rec

Posted Images

7 minuti fa, Ombra Salmastra ha scritto:

Ma ma per caso Mazzotta ha specificato quando è stato terminato il doppiaggio?

Fatico a trovare il senso di dover lavorare così di fretta a una serie che verrà trasmessa sei mesi dopo.

Era già successo con Gundam per Mediaset, dico la prima serie ai tempi di d/Visual, U (e cavallo alato) a parte si stava cercando di fare un buon lavoro ben controllato poi improvvisamente hanno avuto ordine di accelerare e la qualità col proseguire degli episodi è calata

I grandi network mi sa che funzionano così, vogliono il prodotto subito poi quando gli gira lo mandano in onda/caricano sulla piattaforma

Edited by Alex Halman
Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, veldom ha scritto:

(per errore ho cancellato la mia precedente risposta invece di eliminare un altro post. la ripropongo ma non troverò di sicuro le stesse parole)

Grazie per la risposta.

Credo che il problema sia proprio questo, cioè che la maggior parte delle persone che critica questo tuo ultimo lavoro (nel mio caso costruttivamente con l'intento che non accada più quanto è accaduto in questa occasione, perché credo non faccia piacere a nessuno), vorrebbe invece che la traduzione fosse molto più attenta a trasmettere non solo il significato corretto parola per parola dell'originale, ma anche le emozioni e il significato più profondo che l'autore, utilizzando le parole come MEZZO e non come fine, voleva trasmettere, e farlo magari usando un italiano che risulti più "fluido" (voglio usare questo aggettivo neutro).

Noi che ti critichiamo non percepiamo fluidità ed emozione nell'adattamento (potrebbe anche essere colpa della nostra ignoranza), e dalla tua risposta, correggimi se sbaglio, non è infatti questo il tuo obiettivo.

Quindi per me credo che difficilmente potremmo giungere a qualsiasi tipo di soluzione per le future traduzioni.

Ma infatti qui si parla di adattamento ed altre finezze, ma in realtà è proprio la traduzione che è errata. Se a scuola, terza media, traduci How old are you? in Quanto vecchio sei tu? Prendi 4, vai al posto e non fiati, perché hai cannato il senso di tradurre.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, Kotomine_Kirei ha scritto:

Ma infatti qui si parla di adattamento ed altre finezze, ma in realtà è proprio la traduzione che è errata. Se a scuola, terza media, traduci How old are you? in Quanto vecchio sei tu? Prendi 4, vai al posto e non fiati, perché hai cannato il senso di tradurre.

Nel caso di una traduzione... un adattamento può, entro i limiti della correttezza e del rispetto, permettersi libertà anche maggiori ove utili alla comunicazione. Non riprendiamo il flamecutter 🤣

Edited by Jupiter00
Link to post
Share on other sites

Era già successo con Gundam per Mediaset, dico la prima serie ai tempi di d/Visual, U (e cavallo alato) a parte si stava cercando di fare un buon lavoro ben controllato poi improvvisamente hanno avuto ordine di accelerare e la qualità col proseguire degli episodi è calata I grandi network mi sa che funzionano così, vogliono il prodotto subito poi quando gli gira lo mandano in onda/caricano sulla piattaforma

Vabbé ma che in Mediaset siano dei coglioni a gestire i palinsesti è cosa nota, mi stupisce invece Netflix che è un medium completamente differente. La serie l'hanno annunciata a novembre, possibile che non ci siano stati i tempi per lavorare a ritmi umani, senza neanche la possibilità che Shito e Mazzotta stessero insieme in sala doppiaggio? Non sarebbe opportuno dedicare un pò di spazio anche su questo aspetto?

Edited by Ombra Salmastra
  • Like 1
Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Ombra Salmastra ha scritto:

Ma ma per caso Mazzotta ha specificato quando è stato terminato il doppiaggio?

Fatico a trovare il senso di dover lavorare così di fretta a una serie che verrà trasmessa sei mesi dopo.

Su Facebook girano messaggi suoi che parlano della lavorazione. Non so se è possibile risalire alle tempistiche dai post. Tuttavia, indipendentemente dai tempi, certe espressioni usate lasciano poco all'immaginazione. Già quel "qualche volta vince l'ignavia" lascia intendere cos'è accaduto in certi casi estremi che abbiamo ascoltato. A essersi inceppata credo sia un po' tutta la catena di eventi e metodi che hanno portato a questo nuovo adattamento.

65208236_10219483904038168_3921418987946

Edited by StaRise
Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, Ombra Salmastra ha scritto:

possibile che non ci siano stati i tempi per lavorare a ritmi umani, senza neanche la possibilità che Shito e Mazzotta stessero insieme in sala doppiaggio?

ipotizzo sia per un mero discorso di budget.
Magari forti della convinzione che richiamare le stesse persone del primo adattamento avrebbe reso la cosa più semplice e agevole.

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Shito ha scritto:

Devo argomentare quello che *penso*?

La libertà di pensiero neppure? XD

Che ridere. O piangere. O niente. 🙂

Ehm...

Sì...? 

Cioè, non è che io mi alzo alla mattina e di colpo penso, "ehi, probabilmente il sole cessa di esistere ogni volta che tramonta" o "in realtà i quelli che dicono di essere mia madre e mio padre non sono i miei veri genitori" così senza motivo, anche le opinioni hanno un fondamento, un ragionamento, devono nascere da qualche parte, soprattutto se sono così salde e articolate da costruirci sopra la propria carriera. Uno è libero di pensarla come vuole su un sacco di cose, ma se uno ha un opinione contraria e la propria risposta"è così perché lo dico io", poi non si può lamentare se fa la figura dello stupido, o del megalomane.

  • Like 5
  • Thanks 3
Link to post
Share on other sites
Il 24/6/2019 Alle 17:34, Shito ha scritto:

Penso che siano idiozie.

Penso siano concetti del tutto vacui e del tutto mistificatori, su più livelli.

Penso che sia quando di più sbagliato si possa (pensare di) fare in ambito di interlinguistico narrativo.

In ambito puramente funzionale, come che so - per il bugiardino di un medicinale - capirei. Condividerei.

Ma qui siamo in un ambito che, se non diametralmente opposto, considero davvero molto, molto, distante. A tratti agli antipodi, sì.

Bene, signori, penso che a questo punto possiamo anche chiuderla qui. Se, anche a fronte di interventi tra loro quasi opposti da parte di illustri e stimati "colleghi" come Antonietta Pastore e Lucian Belmau, il qui presente continua rigettare qualsiasi osservazione, è evidente come non sia più possibile cambiare un atteggiamento che è rimasto identico per più di 20 anni.

In sostanza, abbiamo capito come a Shito sembra non importi:
- del linguaggio di arrivo, del messaggio dell'autore, del senso originale;
- dell'oggettività (sono state trovate moltissime scelte personali in questo thread);
- del pubblico (in toto), del committente, dei propri colleghi;
- sia di traduzioni parola-per-parola che senso-per-senso;
- della comprensione dell'opera, della sua fruizione, delle osservazioni terze, e molto altro.

Praticamente, saremmo di fronte al comportamento di un professionista (?) rinchiuso nella sua personale torre d'avorio che non vuole, o non può, più uscirne. Un atteggiamento, parafrasando uno dei suoi fautori (tra l'altro moderatore, almeno in questa discussione), oserei dire tipico di un folle.

Ma il problema principale è che il signor Cannarsi si è più volte rivelato come un autentico amante dell'animazione, della cultura, degli usi e della società nipponica, con conoscenze estremamente dettagliate di particolari anche rarissimi! Tutti hanno amato la prima edizione di Evangelion, si ritiene ancora oggi uno dei migliori doppiaggi italiani di sempre. Cosa è andato storto in seguito? E' evidente quanto questo mondo sia importante per lui, si potrebbe anche chiamare un vero "Otaking", à la Anno! Ha una preparazione che aprirebbe a moltissime possibilità, ma in altri campi!
La seccatura è che tutto questo non basti affatto a rendere buona una traduzione o un adattamento, sono necessari altri metodi, altre conoscenze, proprie di coloro che lui stesso rigetta! 

Questi sono lavori fatti per conto terzi, su opere scritte da terzi, per essere recepite da terzi. Niente di tutto ciò può essere accantonato nel nome di personalissime supposizioni!

Io spero sinceramente che in futuro, a differenza di quanto fatto da Netflix e (forse) Lucky Red, personalità del settore scavino a fondo tra queste pagine di discussione e capiscano pienamente cosa comporterà alla loro reputazione e alla fruizione di ciò che hanno profumatamente pagato una simile partecipazione.

Edited by TomsonPRD 🇪🇺
punteggiatura
  • Like 6
  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, TomsonPRD 🇪🇺 ha scritto:

Bene, signori, penso che a questo punto possiamo anche chiuderla qui. Se, anche a fronte di interventi tra loro quasi opposti da parte di illustri e stimati "colleghi" come Antonietta Pastore e Lucian Belmau, il qui presente continua rigettare qualsiasi osservazione, è evidente come non sia più possibile cambiare un atteggiamento che è rimasto identico per più di 20 anni.

In sostanza, abbiamo capito come a Shito praticamente non importi:
- del linguaggio di arrivo, del messaggio dell'autore, del senso originale;
- dell'oggettività (sono state trovate moltissime scelte personali in questo thread);
- del pubblico (in toto), del committente, dei propri colleghi;
- sia di traduzioni parola-per-parola che senso-per-senso;
- della comprensione dell'opera, della sua fruizione, delle osservazioni terze, e molto altro.

Praticamente, siamo di fronte al comportamento di un professionista (?) rinchiuso nella sua personale torre d'avorio che non vuole, o non può, più uscirne. Un atteggiamento, parafrasando uno dei suoi fautori (almeno in questa discussione), tipico di un folle.

Ma il problema principale è che il signor Cannarsi si è più volte rivelato come un autentico amante dell'animazione, della cultura, degli usi e della società nipponica, con conoscenze estremamente dettagliate di particolari anche rarissimi! E' evidente quanto questo mondo sia importante per lui, si potrebbe anche chiamare un vero "Otaking", à la Anno! La seccatura è che tutto questo non basti affatto a rendere buona una traduzione o un adattamento, sono necessari altri metodi, altre conoscenze, proprie di coloro che lui stesso rigetta! 

Questi sono lavori fatti per conto terzi, su opere scritte da terzi, per essere recepite da terzi. Niente di tutto ciò può essere accantonato nel nome di personalissime supposizioni!

Io spero sinceramente che in futuro, a differenza di quanto fatto da Netflix e (forse) Lucky Red, personalità del settore scavino a fondo tra queste pagine di discussione e capiscano pienamente cosa comporterà alla loro reputazione e alla fruizione di ciò che hanno profumatamente pagato una sua partecipazione.

Quello che mi chiedevo è, appunto, quindi cosa rimane? Ma a sto punto mi va bene che la domanda cada nel nulla...

Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Dk4decay ha scritto:

Quello che mi chiedevo è, appunto, quindi cosa rimane? Ma a sto punto mi va bene che la domanda cada nel nulla...

Una cosa rimane. Unica. Incontrovertibile.

Cannarsi

  • Like 2
  • LOL 1
  • Love 2
Link to post
Share on other sites
59 minuti fa, TomsonPRD 🇪🇺 ha scritto:

Bene, signori, penso che a questo punto possiamo anche chiuderla qui. Se, anche a fronte di interventi tra loro quasi opposti da parte di illustri e stimati "colleghi" come Antonietta Pastore e Lucian Belmau, il qui presente continua rigettare qualsiasi osservazione, è evidente come non sia più possibile cambiare un atteggiamento che è rimasto identico per più di 20 anni.

In sostanza, abbiamo capito come a Shito praticamente non importi:
- del linguaggio di arrivo, del messaggio dell'autore, del senso originale;
- dell'oggettività (sono state trovate moltissime scelte personali in questo thread);
- del pubblico (in toto), del committente, dei propri colleghi;
- sia di traduzioni parola-per-parola che senso-per-senso;
- della comprensione dell'opera, della sua fruizione, delle osservazioni terze, e molto altro.

Io lo dico da un po'. Purtroppo è così.

Link to post
Share on other sites
12 minutes ago, il Vì said:

Ah, ma questo silenzio perché c'è la diretta con Shito. Ora capisco. LOL

 

Grazie per il link. Ignoravo la cosa. Invece pare che ci sarà anche domani su AC.

Vediamo :sisi: 

Link to post
Share on other sites
Just now, Chocozell said:

Grazie per il link. Ignoravo la cosa. Invece pare che ci sarà anche domani su AC.

Vediamo :sisi: 

Certo che quegli youtuber avrebbero dovuto fare un salto qui sul forum prima di avere lì lui. 😂

Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, il Vì ha scritto:

Ah, ma questo silenzio perché c'è la diretta con Shito. Ora capisco. LOL

 

Ho aperto appena in tempo per vederli litigare e parlarsi addosso che a momenti si menano xD

  • LOL 1
Link to post
Share on other sites
Just now, Thedanish said:

Ecco, personalmente, la diretta creata "ad hoc" per parlare di Cannarsi più che dell'adattamento in sé la trovo un filo esagerata.

Siamo tutte cavie di Netflix per la nuova stagione di Black Mirror, anzichenò.

Link to post
Share on other sites
1 hour ago, TomsonPRD 🇪🇺 said:

Bene, signori, penso che a questo punto possiamo anche chiuderla qui. Se, anche a fronte di interventi tra loro quasi opposti da parte di illustri e stimati "colleghi" come Antonietta Pastore e Lucian Belmau, il qui presente continua rigettare qualsiasi osservazione, è evidente come non sia più possibile cambiare un atteggiamento che è rimasto identico per più di 20 anni.

In sostanza, abbiamo capito come a Shito praticamente non importi:
- del linguaggio di arrivo, del messaggio dell'autore, del senso originale;
- dell'oggettività (sono state trovate moltissime scelte personali in questo thread);
- del pubblico (in toto), del committente, dei propri colleghi;
- sia di traduzioni parola-per-parola che senso-per-senso;
- della comprensione dell'opera, della sua fruizione, delle osservazioni terze, e molto altro.

Praticamente, siamo di fronte al comportamento di un professionista (?) rinchiuso nella sua personale torre d'avorio che non vuole, o non può, più uscirne. Un atteggiamento, parafrasando uno dei suoi fautori (tra l'altro moderatore, almeno in questa discussione), oserei dire tipico di un folle.

Ma il problema principale è che il signor Cannarsi si è più volte rivelato come un autentico amante dell'animazione, della cultura, degli usi e della società nipponica, con conoscenze estremamente dettagliate di particolari anche rarissimi! Tutti hanno amato la prima edizione di Evangelion, si ritiene ancora oggi uno dei migliori doppiaggi italiani di sempre. Cosa è andato storto in seguito? E' evidente quanto questo mondo sia importante per lui, si potrebbe anche chiamare un vero "Otaking", à la Anno! Ha una preparazione che aprirebbe a moltissime possibilità, ma in altri campi!
La seccatura è che tutto questo non basti affatto a rendere buona una traduzione o un adattamento, sono necessari altri metodi, altre conoscenze, proprie di coloro che lui stesso rigetta! 

Questi sono lavori fatti per conto terzi, su opere scritte da terzi, per essere recepite da terzi. Niente di tutto ciò può essere accantonato nel nome di personalissime supposizioni!

Io spero sinceramente che in futuro, a differenza di quanto fatto da Netflix e (forse) Lucky Red, personalità del settore scavino a fondo tra queste pagine di discussione e capiscano pienamente cosa comporterà alla loro reputazione e alla fruizione di ciò che hanno profumatamente pagato una sua eventuale partecipazione.

Ecco, questo sarebbe un buon punto di ripartenza piuttosto che chiudere la discussione(soprattutto dopo il live di YouTube)

9 minutes ago, il Vì said:

Certo che quegli youtuber avrebbero dovuto fare un salto qui sul forum prima di avere lì lui. 😂

Eh, infatti. C'era poca gente in effetti :lolla: 

Edited by Chocozell
  • Like 2
Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Chocozell ha scritto:

Ecco, questo sarebbe un buon punto di ripartenza piuttosto che chiudere la discussione(soprattutto dopo il live di YouTube)

Io lo scrivo da pagine e pagine.

Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, il Vì ha scritto:

Certo che quegli youtuber avrebbero dovuto fare un salto qui sul forum prima di avere lì lui. 😂

Ma alla fine giopizzi le domande da te e pasqualini se le è fatte dare?

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Just now, ryoga said:

Ma alla fine giopizzi le domande da te e pasqualini se le è fatte dare?

Da me nulla. Da Pasqualini spero di sì, sarebbero state cose più pregne.

(stalker ❤️ )

 

Link to post
Share on other sites
  • ryoga locked this topic
  • ryoga unlocked this topic

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.